mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
31.05.2024 Sindaci di Bologna e Milano applaudono la bandiera dei nemici di Israele
Cronaca di Matteo Legnani

Testata: Libero
Data: 31 maggio 2024
Pagina: 7
Autore: Matteo Legnani
Titolo: «Anche Lepore e Sala applaudono la bandiera dei nemici di Israele»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 31/05/2024, a pag. 7, con il titolo "Anche Lepore e Sala applaudono la bandiera dei nemici di Israele" la cronaca di Matteo Legnani.

Il sindaco di Bologna, Matteo Lepore, espone la bandiera palestinese sulla facciata della sede del comune. E riceve il plauso di altri big della sinistra, come Bersani (ex leader del PD) e Sala (sindaco di Milano). Senza pudore, la sinistra italiana ha sposato la causa di chi vuole la distruzione di Israele.

Fino ad oggi, in occasione di guerre e conflitti, si è sempre visto esporre la bandiera della pace. Unica eccezione, da due anni a questa parte, quella dell’Ucraina. A Bologna, invece, hanno deciso di esporre la bandiera della guerra. Quella di un aggressore, che una tragica mattina di quasi 7 mesi fa, ha massacrato 1.200 civili innocenti, ne ha brutalizzato e stuprato altre centinaia sequestrando oltre 250 cittadini israeliani, la maggior parte dei quali non è stata ancora liberata.
La bandiera in questione fa bella mostra di sé sul municipio di Bologna per volere del sindaco dem Matteo Lepore.
Il quale ha accompagnato il gesto con un lungo messaggio, a tratti poco lucido, nel quale oltre che spiegare la coerenza del gesto con l’essere Bologna una città per la pace, ha aggiunto che la bandiera palestinese sul palazzo del Comune servirebbe a garantire la coesione sociale.
«Come sindaco di un Comune storicamente schierato per la Pace, la non violenza e la salvaguardia dei diritti umani– ha detto- è per me doveroso prendere posizione così come agire per garantire la maggiore coesione sociale possibile nella nostra città. Per questo esporremo a Palazzo D’Accursio, accanto allo striscione per il cessate il fuoco, la bandiera della Palestina».
Forse il sindaco intendeva riferirsi a una coesione della sinistra, ossia al bisogno di placare le frange più filo-palestinesi dentro e fuori dalle istituzioni, come quelle rappresentate dai pro-Palestina che lo scorso 28 maggio avevano bloccato i binari della stazione Centrale. O puntava al sostegno di qualche esponente del suo partito, come il sindaco di Milano Beppe Sala e l’ex segretario Pierluigi Bersani che ieri su Facebook ha bofonchiato «io sto col sindaco di Bologna. Non si dica che chiedere la fine della carneficina significhi tacere su Hamas o addirittura essere antisemiti.
Pronti tutti a salutare la bandiera di Israele il giorno che Israele si fermerà».
Al di fuori del circoletto della sinistra, l'effetto prodotto da quel vessillo esposto a Palazzo D'Accursio è stato quello di uno schiaffo. Fratelli d’Italia, dopo aver annunciato un esposto, ha definito «incendiario» il gesto di Lepore. I radicali hanno sollecitato le forze di opposizione in Comune a chiedere le dimissioni del sindaco.
E la comunità ebraica, in una dichiarazione congiunta della presidente delle comunità italiane, Noemi Di Segni, e del presidente di quella di Bologna, Daniele De Paz, ha sottolineato che «una bandiera in un luogo pubblico non può essere usata come simbolo di contestazione di altri paesi.
Un gesto simile da un'istituzione pubblica non fa che legittimare la voce del terrorismo e della prevaricazione», invitando Lepore «a recarsi in Israele nelle zone del massacro prima di esporre bandiere e slogan».

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT