venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
22.05.2024 Usa, come la sinistra è diventata antisemita
Analisi di Andrea Morigi

Testata: Libero
Data: 22 maggio 2024
Pagina: 14
Autore: Andrea Morigi
Titolo: «Com'è diventata antisemita la sinistra»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 22/05/2024, a pag. 14 con il titolo "Com'è diventata antisemita la sinistra", l'analisi di Andrea Morigi.

Princìpi non negoziabili» e Destra -
Andrea Morigi

Protesta pro-Pal a Washington. Da notare i cartelli: si condanna l'occupazione di Israele degli ultimi 73 anni: vuol dire che non si riconosce neppure la legittimità dello Stato di Israele in sé. E se ne chiede la distruzione, dunque. Perché la sinistra americana è diventata antisemita, esattamente come sta succedendo nel resto dell'Occidente?

Il motivo che sta aggregando tutte le forze sovversive contro Israele, cioè l’odio antiebraico, ha un’origine ideologica, non razionale. Lo si può contrastare dal punto di vista politico, ma servono anche altri strumenti. Rimane comunque un fenomeno da analizzare per individuarne le radici e possibilmente rimuoverle con una terapia sociale e culturale ed eventualmente con provvedimenti legislativi.
Se n’è occupato ieri a Milano un convegno che si è svolto presso il Memoriale della Shoah, «Aumento e cambiamento dell’antisemitismo dopo il 7 ottobre». Lorenzo Vidino, direttore del Programma sull’Estremismo dell’università George Washington (Gwu), di Washington DC, organizzatore dell’incontro insieme alla Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (Cdec) di Milano, indica alcune caratteristiche, fra tutte l’intersezionalità fra gli estremismi di destra e di sinistra, il suprematismo nero e il fondamentalismo islamico, come piste d’indagine per una nuova iniziativa di ricerca accademica, sorta dopo i massacri compiuti sette mesi fa dai terroristi islamici di Hamas in territorio israeliano.
È scomparsa innanzitutto dalla memoria storica la traccia della presenza delle comunità ebraiche, spiega Omar Mohamed, che guida il neonato organismo della Gwu. Poi il meccanismo dell’oblio si è pervertito negli ultimi vent’anni all’interno della sinistra accademica americana, proprio quella che difende i diritti delle minoranze. Tutte, tranne gli ebrei, prima impercettibilmente esclusi dalla definizione compassionevole di gruppo oppresso per passare poi gradualmente alla categoria maledetta degli oppressori da condannare e affrontare con ostilità, sottolinea Linda Maizels, senior fellow della Gwu. Fino a bersagliarli con le minacce che suonano allarmanti, come «I sionisti non meritano di vivere», gridati e inalberati su cartelli nelle università statunitensi.
Non tutti gli atenei sono stati contagiati, nonostante la pioggia di denaro che si è riversata nei loro bilanci dai Paesi arabi. Nelle poche eccezioni rimaste, si può ancora studiare L’antisemitismo nella sinistra contemporanea, titolo dell’opera di David Hirsh, docente di Sociologia presso l’Università Goldsmiths di Londra, intervenuto al convegno milanese per denunciare che è «la proiezione delle fantasie dell’Occidente sugli ebrei» a far dimenticare che in realtà è Hamas a sterminare bambini e a corrompere le menti. Eppure, hanno tentato di mettere a tacere anche lui, arrivando a definirlo «suprematista bianco».
Senza spaventarlo, peraltro. Anzi, dalle accuse che gli hanno rivolto, ha tratto una lezione sulla natura e la meccanica della rivoluzione in corso: gli argomenti utilizzati contro chi difende la democrazia consistono nella negazione del valore delle elezioni, dei diritti, perfino dell’eguaglianza, considerati come una facciata che nasconde le malefatte di sistemi di potere profondi e occulti. Fino a giungere al risultato che promuovere la libertà equivarrebbe a coprire e sostenere il genocidio. È diventata la parola-talismano, ormai, quella che corrisponde all’equiparazione grafica della stella di David alla svastica.
Nel suo logo, il convegno riproduce quei due simboli, tracciati con lo spray fianco a fianco e uniti da due lineette su un muro, ma per mostrare l’irragionevolezza di chi ha ribaltato la storia con il negazionismo, messo le vittime al posto degli aggressori e viceversa. Il modo più efficace per intraprendere la strada del totalitarismo è rifiutarsi di imparare dagli errori del passato.
«Davanti alla conclusione che Israele è demonizzata e quello che fa è un genocidio, questa parola spaventosa, un confronto simile diventa una bestemmia», osserva la senatrice a vita Liliana Segre proprio lì, a un passo da quel binario 21 che vide lei e migliaia di altri deportati verso i campi di sterminio in Germania e in Polonia. Così, «a distanza di 80 anni da quei fatti devo trovarmi a dire cosa dobbiamo fare noi qui al Memoriale per rimediare a questa situazione in cui si paragona da 40 anni la croce uncinata con la stella di David? Non le trovo» le parole «perché sarebbero talmente devastanti e tragiche che non posso esprimerle», conclude, riferendosi alla «gioventù», dove «in pochi hanno veramente studiato» e tanti «vanno all’università a gridare».

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT