martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
14.05.2024 Gaza si sono inventati 10.000 morti
Cronaca di Amedeo Ardenza

Testata: Libero
Data: 14 maggio 2024
Pagina: 1/7
Autore: Amedeo Ardenza
Titolo: «A Gaza si sono inventati 10mila morti»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 14/05/2024, a pag. 1/7, con il titolo "A Gaza si sono inventati 10mila morti", la cronaca di Amedeo Ardenza

Uno dei tanti esempi di fake news diffuse da Hamas: foto riciclate dalla guerra civile siriana a distanza di anni. Anche le stesse cifre sui caduti e sulle vittime civili diffuse da Hamas sono false, come sappiamo da tempo. Ora abbiamo la conferma, persino dall'ONU (!!), che almeno 10mila morti sono stati aggiunti.

La notizia che non lo era: i numeri diffusi da Hamas sulle morti dei civili a Gaza a seguito della controffensiva israeliana non sono attendibili. A riconoscerlo, senza ammetterlo, è stato l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha). Lo scorso 8 maggio, l’Ocha ha riportato la perdita nell’enclave palestinese di 34.844 vite umane: di queste 4.959 sarebbero donne e 7.797 bambini, il che significa che gli altri 22.088 morti sarebbero maschi adulti. Numeri alti, terribili: dietro a ciascuno di questi c’è un dramma umano e una famiglia in lutto. Il fatto anomalo però è che due giorni prima lo stesso Ocha aveva fornito dati diversi, indicando un totale di 34.735 morti, fra i quali 9.500 donne e 14.500 bambini, il che indicherebbe che meno di un terzo delle persone uccise (10.735) sarebbero maschi adulti. Un aggiustamento di tali proporzioni è difficile da spiegare e poiché l’Ocha non ha fornito spiegazioni per la correzione, a ipotizzare un’interpretazione ha provveduto la Foundation for the Defense of Democracy. “L'ONU”, spiega la Fdd dalla capitale degli Usa, “ha attribuito le sue cifre al Government Media Office (OGM) controllato da Hamas a Gaza” rilanciando i loro numeri per almeno due mesi. Dando l’esempio a decine di governi anche occidentali, il Palazzo di Vetro ha certificato dei dati originati da un sedicente organo di go- verno di Hamas, che, va ricor- dato, è un’organizzazione terroristica il cui scopo dichiarato è la distruzione dello Stato d’Israele. “L'Onu non ha fornito alcuna fonte per le cifre più basse (di donne e bambini uccisi, ndr.) nel suo aggiornamento dell'8 maggio, ma le cifre corrispondono esattamente a quelle di un rapporto del 2 maggio di un'altra organizzazione controllata da Hamas, il ministero della Salute di Gaza”, scrive ancora l’Fdd, notando che si tratta di “un cambiamento importante”. Ma se l’Onu ha cambiato idea, riconoscendo che non ha numeri certi, forse dovrebbe anche spiegare se ritiene ancora attendibile quella fon- te. E soprattutto, incalza l’Fdd, perché bisogna accettare il totale di oltre 34.000 vittime quando Hamas per prima ha riconociuto di non poter identificare e fornire nomi per 10.000 di questi gazawi? Dall’inizio dell’operazione di terra a Gaza lo scorso 27 ottobre, tre settimane dopo il pogrom di civili israeliani nel sud d’Israele, il governo e le forze armate (Idf) del- lo stato ebraico hanno ribadito che il loro obiettivo sono unicamente i miliziani di Hamas. In un ambiente densamente abitato come l’enclave palestinese le vittime innocenti della guerra Idf-Hamas non mancano anche se le stesse Idf sono solite avvisare con volantini e annunci sonori i residenti di un’area sull’imminenza di un’operazione. Ma mentre Israele, non fosse altro che per ragioni di immagine, ha tutto l’interesse a non coinvolgere i civili gazawi, Hamas applica la strategia degli scudi umani, esponendo al massimo la po- polazione alle incursioni israeliane. E più gazawi muoiono più Hamas potrà gridare al genocidio sostenuta dai governi antisraeliani.

GRAFICI

Lo scorso marzo Abraham Wyner, docente di Statistica e Data Science alla Wharton School dell’Università della Pennsylvania, era stato tra i primi a mettere in dubbio la veridicità dei numeri di Ha- mas sui morti a Gaza notan- do in primo luogo che il grafi- co dei decessi totali è sempre aumentarto con una linearità “da metronomo” laddove sarebbe stato realistico aspet- tarsi una certa variabilità, con giorni in cui si sarebbero contate il doppio delle vitti- me e in altri la metà. Altro dato sospetto: se vengono ucci- se molte donne dovrebbe esserci un gran numero di vittime tra i bambini, e viceversa. Wyner ha invece notato che alcuni giorni il ministero di Hamas denunciava solo l’uccisione di donne altri solo di bambini quando la storia delle guerre vuole che questi numeri siano altamemte correlati. La mancata correlazione suggerisce dunque che i numeri non siano reali. Un conteggio, cinico ma utile a smontare la narratica di Hamas che tanti si bevono.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT