martedi` 25 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
12.05.2024 Caccia a Sinwar, nascosto nei tunnel
Cronaca di Mirko Molteni

Testata: Libero
Data: 12 maggio 2024
Pagina: 14
Autore: Mirko Molteni
Titolo: «Caccia a Sinwar, nascosto nella rete dei tunnel»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 12/05/2024, a pag. 14 con il titolo "Caccia a Sinwar, nascosto nella rete dei tunnel" la cronaca di Mirko Molteni. 

Mirko Molteni
Mirko Molteni

Yahya Sinwar, capo di Hamas a Gaza, la mente del 7 Ottobre, è ancora nascosto nell'immensa rete di tunnel della Striscia di Gaza. Gli israeliani gli stanno dando la caccia, ma non è facile in un sistema di gallerie lunghe complessivamente 700 km.

La probabile presenza a Rafah del ricercato numero uno di Israele nella Striscia di Gaza, il comandante di Hamas Yahya Sinwar, è uno dei motivi principali dell’offensiva terrestre nella città al confine con l'Egitto. Fra gli stessi israeliani, tuttavia, si fanno strada dubbi sul fatto che si trovi davvero laggiù.
Il Times of Israel ha interpellato ieri, sotto anonimato, «due ufficiali informati sulla questione» secondo i quali Sinwar non si troverebbe a Rafah. Affermano che è «impossibile» stabilire dove si trovi il comandante avversario, ma ricordano che i più recenti «rapporti di intelligence», senza specificare se la fonte sia il servizio segreto Mossad, l’intelligence militare Aman o l’agenzia di sicurezza interna Shin Bet, lo danno ancora presente «nell’area di Khan Yunis», la città situata 8 km a Nord di Rafah, in cui l’esercito israeliano opera ormai da mesi. Le fonti dicono che Sinwar seguita a nascondersi nell’estesa rete di tunnel che gli faciliterebbe continui spostamenti da una località all'altra, al riparo dagli occhi indiscreti dei droni e degli elicotteri israeliani, e a maggior ragione da missili e bombe sganciati dai caccia.
Sono le gallerie della famosa “Gaza Metro”, le cui stime arrivano fino a 700 km di lunghezza totale e che, se interconnesse, assicurano libertà di movimento nel sottosuolo ai miliziani. Una terza fonte sentita dal Times of Israel azzarda che il capo di Hamas da Khan Yunis si sia spinto più a Nord, a Gaza City, quasi a ricalcare il generale movimento di miliziani palestinesi che negli ultimi giorni sono riapparsi in zone più settentrionali della Striscia che si credevano ormai “bonificate” dalle truppe ebraiche.
A Khan Yunis, Sinwar ci è nato, in un campo profughi, nel 1962 e fin dalla nascita di Hamas, nel 1987, si è distinto come killer di palestinesi che collaboravano con le autorità ebraiche, le quali hanno occupato la Striscia fino al 2005. Arrestato nel 1988, fu condannato a quattro ergastoli e durante la detenzione i medici israeliani lo salvarono, nel 2008, da un tumore al cervello. Fu scarcerato nel 2011 grazie allo scambio di prigionieri per il rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit. Fautore della collaborazione con l’Iran, ha incontrato personalmente il generale dei pasdaran Qassem Soleimani. È capo del movimento nella Striscia dal 2017. Nella gerarchia di Hamas, è secondo solo al capo dell’ufficio politico di Ismail Haniyeh, in esilio in Qatar.
L’ultima traccia di Sinwar resterebbe quel video catturato dalle truppe israeliane e diffuso lo scorso 13 febbraio, in cui il capo cammina in un tunnel, con una torcia elettrica, insieme a moglie e figli. Il video, però, risalirebbe al 10 ottobre.
Il Times of Israel ricorda che fra i capi palestinesi a Gaza, finora il più alto in grado ucciso da Israele è Marwan Issa, il n. 3, vicecapo delle brigate Izzedine el Qassam, centrato dalle bombe il 10 marzo 2024.
Restano da stanare il n. 1, appunto Sinwar, e il n. 2, il capo delle brigate Izzedine, Mohammed Deif, maggior “cervello” a monte del massacro del 7 ottobre 2023.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT