lunedi` 20 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
15.04.2024 Netanyahu prepara la risposta militare
Cronaca di Amedeo Ardenza

Testata: Libero
Data: 15 aprile 2024
Pagina: 9
Autore: Amedeo Ardenza
Titolo: «Netanyahu prepara la risposta militare»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 15/04/2024, a pag. 9, con il titolo "Netanyahu prepara la risposta militare", la cronaca di Amedeo Ardenza

Netanyahu in una sessione del gabinetto di guerra. Il governo israeliano discute sul tipo di risposta da dare all'Iran, dopo che il suo grande attacco missilistico è stato sventato

Ci sarà una risposta israeliana all’attacco iraniano di sabato notte e se sì quando e di che tipo? La domanda non interroga solo le cancellerie internazionali perché anche al proprio interno la maggioranza di governo in Israele – un’alleanza Likud (conservarori) e destra nazionalista allargatasi dopo il 7 ottobre ai centristi del generale Benny Gantz – si interroga sulla strategia da seguire. I “falchi” Bezalel Smotrich (Finanze) e Itamar Ben-Gvir (Sicurezza interna) hanno sollecitato una risposta «che risuoni in tutto il Medio Oriente». Ben-Gvir ha sottolineato che «i concetti di contenimento e proporzionalità sono morti lo scorso 7 ottobre”. Il sei volte primo ministro Bibi Netanyahu non ha però mai incluso i due ministri nazionalisti religiosi nel gabinetto di guerra formato lo scorso ottobre. Del gabinetto fa invece parte il ministro della Difesa ed ex generale Yoav Gallant, del Likud. «Insieme agli Stati Uniti e ad altri paesi abbiamo stabilito un’alleanza forte e potente, con la sincronizzazione tra le istituzioni di difesa dello Stato di Israele, degli Usa dei nostri partner», ha dichiarato Gallant al fianco dell’ambasciatore Usa in Israele, Jack Lew, ricordando come Israele abbia superato quasi indenne «una delle notti più drammatiche con centinaia di missili sparato al suo indirizzo, inclusi oltre 100 missili balistici, ciascuno con centinaia di chilogrammi di esplosivo». Lo Stato ebraico è uscito quasi indenne dall’attacco anche grazie all’aiuto dei suoi alleati. E numerose capitali straniere hanno condannato l’aggressione da parte della Repubblica islamica. Piena intesa dunque fra Gallant e l’ex capo di stato maggiore Gantz, anch’egli parte del gabinetto di guerra. Il leader centrista ha affermato che «di fronte alla minaccia dell’Iran, costruiremo una coalizione regionale: faremo pagare il prezzo all’Iran nei modi e nei tempi che ci saranno più consoni. E soprattutto, di fronte al desiderio dei nostri nemici di farci del male, ci uniremo e diventeremo più forti». Parole ribadite nel pomeriggio in un colloquio con la ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock: «Abbiamo discusso innanzitutto dell’imperativo di formare un fronte unito globale per contrastare l'aggressività iraniana, direttamente e attraverso i suoi alleati, a livello regionale e globale», ha scritto Gantz su X. Toni moderati molto apprezzati alla Casa Bianca: ieri il presidente Usa Joe Biden, ha riferito il New York Times, avrebbe dissuaso Netanyahu dal dare il via libera a un immediato attacco di ritorsione contro Teheran. Le forze armate israeliane hanno invece colpito «un importante sito di produzione di armi di Hezbollah» nella zona di Al Nabi Sheet nel Libano centro-orientale.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT