venerdi 12 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
22.02.2024 Bologna, università contro Israele
Commento di Giovanni Sallusti

Testata: Libero
Data: 22 febbraio 2024
Pagina: 14
Autore: Giovanni Sallusti
Titolo: «Monologo anti-Israele in scena a Bologna»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 22/02/2024, a pag.14 con il titolo "Monologo anti-Israele in scena a Bologna" il commento di Giovanni Sallusti.

Risultati immagini per giovanni sallusti libero
Giovanni Sallusti

Omar Barghouti, cofondatore del BDS, in Italia in incontri su Palestina,  Gaza e il boicottaggio contro Israele - BDS Italia
Omar Barghouti, palestinese, fondatore del movimento che vuole boicottare Israele, ospite d'onore a Bologna. Un monologo contro gli ebrei benedetto da un'amministrazione di sinistra

In un’aula universitaria italiana risuonano le parole d’ordine di chi invita a boicottare i prodotti degli ebrei, il lavoro degli ebrei, la vita degli ebrei. No, non è la fine del 1938, non è stata promulgata nessuna legge fascistissima. È l’inizio del 2024, nella sinistrissima Bologna guidata dal sinistrissimo Lepore (uno che, ormai è evidente, vuole contendere alla segretaria Elly la palma di miglior ripetitore del luogocomunismo Woke). Le parole sono quelle di Omar Barghouti, cofondatore del movimento internazionale a guida palestinese per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni contro Israele (BDS, un gruppo che uno dei più insigni giuristi viventi, Alan Dershowitz, ha definito “immorale”, ma d’altronde Dershowitz è ebreo, non si vede perché dovremmo perdere tempo col suo parere).
L’aula è quella del complesso di Santa Cristina ma, ancora più straniante, nel tardo pomeriggio di lunedì il Boicottatore in capo replica direttamente nella Sala Imbeni del Comune, intervenendo a un incontro organizzato da Lista Lepore, Partito Democratico e Coalizione Civica: tutto il bel mondo progressista bolognese. “Progressista”, si sa, in questa pazzotica contemporaneità è sinonimo anzitutto di oscurantista, e infatti Barghouti davanti agli studenti parte forte contro l’unica democrazia liberale del Medio Oriente: «Tutti dovrebbero fare pressione sui propri governi, sulle università e sui sindacati per adottare un embargo militare» contro Israele.
Una proposta per nulla preconcetta e ispirata a sinceri intenti irenici. Dopodiché, come un Ghali qualsiasi, ripesca l’utilizzo disinvolto di un termine che gronda tutto il sangue della Storia (e spesso, sia detto non per inciso, era sangue ebreo): «È necessario resistere, fermare il genocidio».
Ma il momento di maggiore sincerità è quando mostra un approccio alla libera stampa che sarebbe assai apprezzato dai connazionali di Hamas: «Non so perché i media mi abbiano solo fatto delle foto e poi sono andati via senza aspettare di sentire una singola parola di quello che ho da dire, è così tipico dei media occidentali che sono media-spazzatura».

QUALE APARTHEID

Alcuni giornalisti, peraltro, si erano fermati in sala ed erano lì ad ascoltarlo, ma non conta la realtà, conta la sua rappresentazione. E la rappresentazione, di Barghouti e dei sinceri democratici cacciatori di prodotti ebrei, è quella per cui in Israele vige «un regime di apartheid coloniale che dura da 75 anni». In Israele, dove i palestinesi si precipitano a farsi curare in ospedali che non sono covi terroristici, come a Gaza, ma eccellenze tecnologiche. In Israele, dove prospera il più ampio pluralismo culturale e confessionale. In Israele, dove c’è un partito arabo che si presenta costantemente alle elezioni. L’apartheid, seguendo la pseudologica di Barghouti, è incentivato da chi il 7 ottobre ha subito un pogrom, una carneficina etnica.
Incredibilmente, il presidente della comunità ebraica bolognese, Daniele De Paz, si è lievemente risentito: «Sindaco e rettore hanno dato via libera a un monologo anti-israeliano». Il rettore Giovanni Molari ieri ha dichiarato che si è trattato di «un evento che non ha seguito le procedure di autorizzazione normali che ci sono nel nostro ateneo», insomma Barghouti e compagni la sala se la sarebbero presa d’imperio.

ESCALATION SURREALISTA

Lepore tace, ha esternato invece il capogruppo della sua Lista, Siid Negash: «Dobbiamo essere coraggiosi a discutere di pace anche in questi luoghi istituzionali». E ogni pace giusta si basa sul boicottaggio di una delle due parti, non c’è dubbio.
All’escalation surrealista ha voluto partecipare anche lo scrittore, attore e beniamino di Repubblica Alessandro Bergonzoni, presente a entrambi gli incontri: «Si tratta solo di stemperare e di cercare di ascoltare». Esempio di azione portata avanti dal movimento BDS per “stemperare”: l’invito a non acquistare i prodotti che riportano «Made in Israel» o che riportano sul codice a barre il numero che inizia con 729, in quanto identificativo dello Stato ebraico.
Già, i numeri identificativi, vecchia storia. 

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante 


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT