venerdi 12 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
20.02.2024 Putin ha ucciso Alexei, prenderò il suo posto
il testo del videomessaggio di Yulia Navalnaya

Testata: Libero
Data: 20 febbraio 2024
Pagina: 4
Autore: Yulia Navalnaya
Titolo: «Putin ha ucciso Alexei, prenderò il suo posto»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 20/02/2024, a pag. 4, con il titolo "Putin ha ucciso Alexei, prenderò il suo posto", il testo del videomessaggio di Yulia Navalnaya.


Alexei Navalny con la moglie, Yulia Navalnaya


Yulia Navalnaya (ora vedova Navalny): "Putin ha ucciso metà di me, metà del mio cuore e metà della mia anima. Ma l’altra metà ce l’ho ancora e mi dice che non ho il diritto di arrendermi"

Salve, sono Yulia Navalnaya.
Questa è la prima volta che vengo su questo canale, vorrei rivolgermi a voi. Non avrei dovuto essere in questo posto, non avrei dovuto registrare questo video. Avrebbe dovuto esserci un’altra persona al mio posto, ma quest’uomo è stato ucciso da Vladimir Putin. Vladimir Putin ha ucciso mio marito Alexei Navalny. Putin ha ucciso il padre dei miei figli. Putin mi ha portato via la cosa più preziosa che avevo, la persona più vicina e amata. Ma Putin ha portato via Navalny anche a voi. Da qualche parte in una colonia nell’Estremo Nord, oltre il Circolo Polare Artico, nell’eterno inverno, Putin non ha ucciso solo un uomo, Alexei Navalny. Voleva uccidere insieme a lui le nostre speranze, le nostre libertà, il nostro futuro.
Distruggere e annullare la prova migliore che la Russia può essere diversa. Che siamo forti, che siamo coraggiosi, che crediamo e lottiamo disperatamente e vogliamo vivere diversamente. Per tutti questi anni sono stata al fianco di Alexei: elezioni, manifestazioni, domiciliari, perquisizioni, detenzioni, carceri, avvelenamenti, ancora manifestazioni, arresti e ancora carcere. Il nostro ultimo incontro con lui risale a metà febbraio 2022, la nostra ultima foto. Esattamente due anni dopo, Putin lo ucciderà. In tutti questi anni sono stata accanto ad Alexei. Ero felice di stare con lui e di sostenerlo. Ma oggi voglio starvi vicina perché so che avete perso tanto quanto me. Alexei è morto nella colonia dopo 3 anni di torture e tormenti.
(...) Ma non si è arreso, ci ha sempre sostenuto: ci ha rincuorato, ha riso, scherzato, ci ha incoraggiato. Non ha mai dubitato nemmeno per una frazione di secondo di ciò per cui stava lottando e soffrendo. Mio marito non poteva essere spezzato, ed è proprio per questo che Putin lo ha ucciso. Vergognosamente, vigliaccamente, senza mai osare guardarlo negli occhi o semplicemente chiamarlo per nome. E altrettanto vergognosamente e vigliaccamente stanno ora nascondendo il suo corpo, non mostrandolo alla madre, non consegnandoglielo. (...) Sappiamo esattamente perché Putin ha ucciso Alexei. Ve ne parleremo presto. Scopriremo esattamente chi e come ha commesso questo crimine. Faremo nomi e mostreremo volti. Ma la cosa principale che possiamo fare - per Alexei e per noi stessi - è continuare a lottare. Più, più disperatamente, più ferocemente di prima. So che sembra impossibile fare di più, ma abbiamo bisogno di fare di più. Unirci in un pugno forte e colpire questo folle regime. Contro Putin, contro i suoi amici, contro i banditi in uniforme, contro i ladri e gli assassini che hanno paralizzato il nostro Paese. Lo so, sento che siete lacerati dalla domanda: perché è tornato? Perché si è gettato volontariamente nelle grinfie di coloro che lo hanno quasi ucciso una volta? (...) . Alexei amava la Russia più di ogni altra cosa al mondo.
Amava il nostro Paese, amava voi.
Ha creduto in noi, credeva nella nostra forza, nel nostro futuro, nel fatto che meritiamo di meglio. Non a parole, ma nei fatti. Così profondamente che era pronto a dare la vita per questo.
E il suo grande amore ci basta per portare avanti la sua opera. Per tutto il tempo necessario. Con la stessa determinazione e il medesimo coraggio di Alexei. Tutti pensano ora: dove trovare questa forza? Come continuare a vivere? Ecco dove prenderemo forza: nella sua memoria, nelle sue idee, nei suoi pensieri. Nella sua inesauribile fiducia in noi. È lì che cercherò la mia forza. Uccidendo Alexei, Putin ha ucciso metà di me, metà del mio cuore e metà della mia anima. Ma l’altra metà ce l’ho ancora e mi dice che non ho il diritto di arrendermi. Porterò avanti la causa di Alexei Navalny. Continuerò a lottare per il nostro Paese e vi invito a stare al mio fianco per condividere non solo l’infinito dolore che ci ha avvolto e che non ci abbandonerà. Vi chiedo di condividere con me la rabbia. Furia, rabbia, odio per coloro che hanno osato uccidere il nostro futuro. Mi rivolgo a voi con le parole di Alexei, in cui credo fermamente: non è un peccato fare poco- è peccato non fare nulla. È peccato lasciarsi intimidire. Dobbiamo sfruttare ogni opportunità: lottare contro la guerra, contro la corruzione, contro l’ingiustizia. Lottare per elezioni giuste e per la libertà di parola. Lottare per riprenderci il nostro Paese. La Russia - libera, pacifica, felice - la bella Russia del futuro che mio marito sognava. Questo è ciò di cui abbiamo bisogno. Voglio vivere in questa Russia. Voglio che i nostri figli ci vivano. Voglio costruirla insieme a voi, esattamente come l'ha immaginata Alexei Navalny: piena di dignità, giustizia e amore. Solo così e in nessun altro modo il sacrificio inimmaginabile da lui compiuto non sarà vano. Combattete e non arrendetevi. Io non ho paura- e voi non dovete avere paura di nulla.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT