venerdi 23 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
11.02.2024 Gli ucraini non cederanno all’invasore russo
Commento di Roberto Formigoni

Testata: Libero
Data: 11 febbraio 2024
Pagina: 15
Autore: Roberto Formigoni
Titolo: «Gli ucraini non cederanno all’invasore russo»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 11/02/2024, a pag.15 con il titolo "Gli ucraini non cederanno all’invasore russo", il commento di Roberto Formigoni.

Roberto Formigoni
Roberto Formigoni


UE contro la Russia. L'Unione Europea ha stanziato 50 miliardi di Euro di aiuti all'Ucraina per affrontare la Russia di Putin

L’esplodere della guerra tra Israele e Hamas e i rischi continui di allargamento del conflitto, hanno posto in secondo piano l’attenzione delle opinioni pubbliche sulla guerra tra Russia e Ucraina. Ne è nata anche la convinzione, diffusa soprattutto in Europa, che gli ucraini dopo due anni di guerra siano ormai usurati, demotivati e disposti in massa al compromesso con Mosca. Ma non c’è nulla di più falso, e io dico “per fortuna” perché se l’Ucraina cedesse alla Russia, Putin ne maturerebbe la convinzione, di lì a poco, di poter scatenare e vincere una nuova guerra di aggressione contro i paesi baltici, europei al 100%, membri dell’Unione Europea e della Nato. E le conseguenze sarebbero devastanti, il rischio di una guerra nucleare sarebbe più vicino.
Ma, come scrivevo sopra, gli ucraini non hanno alcuna intenzione di mollare: ne fanno fede tutti i sondaggi, ultimo quello svolto dalla società indipendente Rating Group, secondo il quale il 63% della popolazione ucraina è contraria a lasciare le terre occupate da Putin, e l’88% crede ancora in una vittoria contro la Russia, con l’obiettivo di tornare nei confini del 1991.
Sondaggi liberi? Sì, val la pena sottolineare che non siamo in Russia, nessuno arresta chi critica Zelensky e il governo, la gente è sostanzialmente libera di esprimere le proprie opinioni, lo scontro tra Zelensky e il capo di Stato maggiore Zaluzhny è oggetto di pubbliche discussioni, e anche la questione sull’opportunità delle elezioni, con circa 8 milioni di ucraini all’estero e i soldati al fronte, è dibattuta e sostanzialmente respinta a grande maggioranza dalla popolazione. Tornando ai sondaggi, solo il 24% degli ucraini sarebbe disposto a fare la pace subito, lasciando ai russi il territorio e tutto il resto che hanno rubato dopo l’aggressione del 24 febbraio 2022. C’è stanchezza nella gente? Certo che c’è, e insieme dolore, tanto dolore e sofferenza per i morti e i feriti, e le case distrutte, le fabbriche devastate. Soprattutto si teme per la mancanza di munizioni, si spera nella ripresa degli aiuti militari americani e degli alleati. Tuttavia non diminuisce la spinta alla resistenza. Oggi più che mai l’Ucraina si sente europea, guarda alle nostre libertà e democrazie come modelli da seguire in alternativa al totalitarismo violento degli “orchi”. E trae speranza dalla pochezza delle dichiarazioni di Putin: due anni fa mirava ad annettersi Kiev e l’intera Ucraina in poche settimane, adesso annuncia con trionfo la cattura di ‘19 case’ alla periferia di una cittadina, mentre la sua flotta perde progressivamente il controllo del Mar Nero. Ha fatto bene l’UE a stanziare nuovi 50 miliardi di aiuti per l’Ucraina.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT