venerdi 23 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
10.02.2024 Quattro battaglioni di Hamas da eliminare
Redazionale di Libero

Testata: Libero
Data: 10 febbraio 2024
Pagina: 17
Autore: Redazionale di Libero
Titolo: «Quattro battaglioni di Hamas da eliminare»

Riprendiamo da LIBERO del 10/02/2024, a pag. 17, con il titolo "Quattro battaglioni di Hamas da eliminare", il redazionale di Libero.

Il primo ministro Netanyahu conferma la presenza di quattro battaglioni di Hamas a Rafah
Il primo ministro Netanyahu conferma la presenza di quattro battaglioni di Hamas a Rafah

Il governo egiziano ha rafforzato le barriere al confine con la Striscia di Gaza: teme una fuga dei terroristi paletinesi nei propri confini

Ci sono ancora quattro battaglioni di Hamas a Rafah. Per disintegrarli senza coinvolgere la popolazione civile il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato l’evacuazione della città nel sud della Striscia, dove sono ammassati centinaia di migliaia di sfollati palestinesi, prima dell’inizio della «massiccia operazione» militare. I vertici militari degli Stati Uniti sono stati informati, ma la Casa Bianca non approva il piano, l’Egitto ha alzato le protezioni al valico con la Striscia di Gaza e al confine con Israele per impedire il passaggio nel Sinai ed evitare di ritrovarsi i terroristi islamici sul territorio nazionale. Intanto il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, Abu Mazen, parla di «un pericoloso preludio all’attuazione della politica israeliana volta a sfollare il popolo palestinese dalla sua terra». Da Bruxelles non poteva mancare l’Alto rappresentante Ue Josep Borrell, che già immagina «conseguenze catastrofiche» che aggraverebbero «la già disastrosa situazione umanitaria e l’insopportabile tributo di civili». Basterebbe liberare gli ostaggi israeliani e si creerebbero le condizioni per una tregua. Trattenerli invece equivale a farsi martellare dai raid aerei israeliani. Al Cairo continuano i colloqui e Israele ha detto ai mediatori egiziani e del Qatar che, pur respingendo la maggior parte delle richieste di Hamas, è ancora pronto ad avviare un negoziato sulla base dell’accordo di Parigi stipulato con Washington, Doha e Il Cairo. Le condizioni prevedevano una pausa umanitaria in tre fasi con 35-40 ostaggi israeliani, tra cui donne, uomini di età superiore ai 60 anni e persone con gravi condizioni mediche rilasciati durante la prima fase di sei settimane.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT