giovedi` 30 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
23.01.2024 Iran uccide, si sente forte
Cronaca di Mauro Zanon

Testata: Libero
Data: 23 gennaio 2024
Pagina: 16
Autore: Mauro Zanon
Titolo: «L'iran si sente forte e uccide un'altra ragazza»

Riprendiamo LIBERO di oggi, 23/01/2024, pag.16, con il titolo "L'iran si sente forte e uccide un'altra ragazza". La cronaca di Mauro Zanon

Mauro Zanon
Mauro Zanon

Anahita Amirpour - LaPresse
Anahita Amirpour, trucidata in Iran

Una studentessa di vent’anni, Anahita Amirpour, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco da alcuni agenti di sicurezza in borghese nella città di Borujerd, in Iran occidentale. I fatti sono accaduti il 19 gennaio e a darne notizia è l’Ong curda Hengaw. La giovane, originaria di Kohdasht e iscritta al primo anno di educazione fisica all’Università Azad di Borujerd, era in macchina con un altro studente al momento dell’uccisione, M. Jalayi-far, rimasto gravemente ferito quando gli agenti in borghese hanno tentato di fermare l’auto. Il giovane, alla guida della vettura, non conoscendo l’identità degli uomini che li minacciavano, ha cercato di fuggire: a quel punto, gli agenti hanno aperto il fuoco. Attualmente, M. Jalayi-far è in terapia intensiva all’ospedale Chamran di Borujerd.
I parenti di Anahita sono stati minacciati affinché non dessero notizia dell’omicidio.
Oltre alle pressioni su famiglia e amici della ventenne uccisa, gli agenti di sicurezza avrebbero minacciato anche due medici dell’ospedale Chamran, perché non diffondessero dettagli sulla vicenda. Non è la prima volta che l’intelligence iraniana strappa la vita a giovani innocenti, sparando. Il 25 dicembre 2022, Soha Etebari, 12 anni, e la sua famiglia, si trovavano nella strada che collega Bandar Abbas, nella provincia di Hormozgan, a Ahvaz, capitale del Khuzestan, quando a un posto di controllo a Bastak alcune forze di sicurezza hanno sparato contro la loro auto. Gravemente ferita, Soha Etebari perse la vita mentre veniva trasportata all’ospedale in condizioni disperate. E Anahita Amirpour è l’ennesima Masha Amini, la studentessa di 22 anni picchiata e uccisa nel settembre 2022 perché indossava male il velo.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT