venerdi 23 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
09.12.2023 Condannati a pochi mesi gli studenti assassini di Samuel Paty
Redazionale

Testata: Libero
Data: 09 dicembre 2023
Pagina: 14
Autore: Redazionale
Titolo: «Condannati a pochi mesi gli studenti assassini di Samuel Paty»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 09/12/2023, a pag.14 con il titolo "Condannati a pochi mesi gli studenti assassini di Samuel Paty", il redazionale di Libero.

Sul Corriere della Sera un articolo simile di pari lunghezza viene titolato "Condannati gli studenti assassini di Samuel Paty". Il lettore del Corriere viene quindi disinformato della pochezza della condanna, contrariamente ai lettori di Libero che hanno la notizia nella sua integrità. Una condanna che è quasi una assoluzione.

Ordine del Giorno per Samuel Paty - Pasquino Stefano | Green Economy |  Vercelli

Sei ex studenti sono stati condannati per l'uccisione del professore francese Samuel Paty avvenuta per mano di un giovane jihadista nel 2020. Le pene applicate dal Tribunale del minori, dopo un processo durato due settimane, vanno dai 14 mesi di carcere con la sospensione della pena ai sei mesi di detenzione effettiva con braccialetto elettronico. Le condanne sono state emesse in relazione alla «gravità dei fatti» e alla «personalità» degli imputati. Il processo si è svolto a porte chiuse vista la giovane età degli imputati all'epoca dei fatti, ovvero tra i 13 e i 15 anni. Un secondo processo nei confronti di otto adulti coinvolti nell'uccisione di Paty si terrà alla fine del 2024. Paty, insegnante di storia e geografia di 47 anni, fu accoltellato e decapitato nell’ottobre 2020 vicino alla scuola dove insegnava a Conflans-Sainte-Honorine (Yvelines) da Abdoullakh Anzorov, rifugiato russo di origine cecena. Il 18enne radicalizzato aveva falsamente accusato il professore di aver mostrato caricature di Maometto durante una lezione sulla libertà di espressione.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT