venerdi 23 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
09.12.2023 Battaglia a Khan Yunis per liberare gli ostaggi
Commento di Mirko Molteni

Testata: Libero
Data: 09 dicembre 2023
Pagina: 15
Autore: Mirko Molteni
Titolo: «Battaglia a Khan Yunis per liberare gli ostaggi»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 09/12/2023, a pag. 15 con il titolo "Battaglia a Khan Yunis per liberare gli ostaggi" il commento di Mirko Molteni.

Mirko Molteni
Mirko Molteni
La Settima Brigata dell'esercito israeliano
La 7° Brigata dell'esercito israeliano

Sullo sfondo del voto notturno del Consiglio di sicurezza dell’ONU su un cessate il fuoco, l’atteggiamento USA è duplice. Da un lato, l’ambasciatore americano all’Onu, Robert Wood, afferma che «non possiamo sostenere un cessate il fuoco immediato». Appoggiando quindi Israele che non molla proprio ora che aumentano i danni ad Hamas. Dall’altro lato, l'America pressa Israele sui civili palestinesi. Il capo del Pentagono, Lloyd Austin ha spronato il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant «a mitigare i danni ai civili» e il segretario di Stato Anthony Blinken parla di «divario tra l’intento di proteggere i civili e i risultati effettivi».
Da Gaza è partita verso Tel Aviv una raffica di razzi abbattuti da 10 missili Iron Dome. Ferve la lotta a Khan Yunis. Lì si distinguono la 98° Divisione, che «ha eliminato decine di terroristi e distrutto tunnel», e la 7° Brigata che «ha iniziato operazioni per sfondare le linee di Hamas» e ha «supportato l'aviazione indicando i bersagli», forse con proiettori per le bombe a guida laser sganciate dagli aerei. In 24 ore sono stati colpiti 450 bersagli. È stata occupata una base del battaglione palestinese Dir Al Balah.
«Siamo impegnati in feroci scontri con i terroristi di Hamas, che si nascondono nel sottosuolo. Stiamo eliminando molti terroristi e vediamo che un numero crescente di loro si sta arrendendo in battaglia e si consegna alle nostre forze»: lo ha dichiarato il portavoce dell’Idf, Daniel Hagari. «Le nostre truppe - ha aggiunto - stanno operando nel cuore dei “centri di gravità” di Hamas nel sud e nel nord di Gaza contemporaneamente, a Jabaliya, a Shejaiya e nell’area di Khan Yunis».
I caduti israeliani sono saliti a 93, con la morte ieri di due carristi. L’esercito ha trovato arsenali e tunnel anche nell'Università Al Azhar, che nel nome richiama la più famosa Al Azhar del Cairo. Hamas ha sostenuto che un tentativo israeliano di liberare un ostaggio avrebbe causato la morte del prigioniero. In serata, Hamas ha rilanciato, parlando di «ostaggi morti e feriti a causa dei raid». Hagari ha spiegato che «due soldati delle Idf sono rimasti gravemente feriti» dopo aver «fatto irruzione in una sede di Hamas e hanno eliminato i terroristi che avevano preso parte al rapimento e alla detenzione degli ostaggi. Nessun ostaggio è stato salvato in questa operazione».

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT