domenica 14 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
08.12.2023 Guerriglieri palestinesi catturati a Gaza
Commento di Mirko Molteni

Testata: Libero
Data: 08 dicembre 2023
Pagina: 15
Autore: Mirko Molteni
Titolo: «I terroristi cominciano ad arrendersi»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 08/12/2023, a pag. 15 con il titolo "I terroristi cominciano ad arrendersi" il commento di Mirko Molteni.

Mirko Molteni
Mirko Molteni
La resa di un gruppo di terroristi di Hamas

A due mesi dall'inizio del conflitto scatenato da Hamas, le forze israeliane hanno documentato, come riportato dal giornale Haaretz, la resa di “dozzine” di terroristi palestinesi. Nel Nord della Striscia di Gaza, a Jabalia, vari nemici si sono fatti catturare vivi, evitando propositi da kamikaze.
Sarebbe la maggiore resa, finora, di uomini di Hamas. Sono stati fotografati nudi, bendati e accovacciati con le mani legate. Un'altra foto li mostra nel cassone di un camion che li conduce alla prigionia.

MISURE PREVENTIVE

Che i prigionieri siano stati lasciati in mutande sembra mera umiliazione. In realtà è probabile che i soldati li abbiano obbligati a spogliarsi per verificare che non indossassero cinture esplosive o bombe a mano per farsi saltare insieme a chi li catturava. Stesso timore che avevano gli americani nel 1945, quando nelle isole di Iwo Jima e Okinawa perla prima volta i giapponesi iniziarono ad arrendersi a centinaia, rifiutando di immolarsi con fanatismo. Anche allora, i marines obbligarono i samurai a denudarsi per accertarsi che non nascondessero ordigni. Un'altra foto diffusa da Israele ieri, mostra 11 capi della Brigata Nord di Hamas, con cerchiate di rosso le facce dei 5 già uccisi: Abu Rakba, Rafat Salman, Ahmed Al-Ghandour, Wael Rajab e Ibrahim Al-Biari. È stata divulgata anche l'eliminazione di due pezzi grossi dei servizi segreti di Hamas, Abdel Aziz Rantisi e Ahmed Aiush. I caduti israeliani sono saliti a 89, con la morte, nelle ultime ore, dei sergenti Johnathan David Deitch, 34 anni, e Gal Meir Eisenkot, 25 anni. Quest'ultimo è figlio del ministro, ed ex-generale, Gadi Eisenkot, del partito di Benny Gantz. Hamas ha aggiornato il suo bilancio a 17.177 morti a Gaza. L'esercito israeliano denuncia il lancio di razzi di Hamas verso la città di Beer Sheba «a partire da una postazione vicina alle tende dei civili evacuati nel sud della Striscia e di strutture delle Nazioni Unite». E continua: «Hamas si radica nelle infrastrutture civili, nelle scuole, vicino a strutture ONU e nelle zone umanitarie».
Dagli USA, la portavoce del Pentagono Lisa Lawrence ha annunciato la ripresa dei voli di droni americani su Gaza per aiutare Israele nella ricerca degli ostaggi. Il ministero della Difesa israeliano ha comunicato che finora sono arrivate armi da USA e altri paesi «con 200 aerei cargo, per un totale di 10.000 tonnellate». Dopo attacchi con missili compiuti da Hezbollah dal confine libanese è morto un cittadino israeliano, al che il premier Benjamin Netanyahu ha minacciato Beirut di «ridurre il Libano come Gaza se entrerà in guerra».

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT