venerdi 19 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
04.12.2023 Le piazze ‘DEM’ stanno con Gaza
Commento di Enrico Paoli

Testata: Libero
Data: 04 dicembre 2023
Pagina: 3
Autore: Enrico Paoli
Titolo: «Le piazze ‘DEM’ stanno con Gaza»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 04/12/2023, a pag.3 con il titolo "Le piazze ‘DEM’ stanno con Gaza" il commento di Enrico Paoli.


Enrico Paoli ospite di TGtg del 1 giugno - TGTG

Enrico Paoli

Manifestazione pro Palestina a Milano: cori in arabo e striscioni contro  Israele


No, non è stata una gran bella idea quella del sindaco di Firenze, Dario Nardella, di aggrapparsi alla bandiera dell’Europa, di questa Europa, per attaccare il leader della Lega, Matteo Salvini. Perché la nemesi storica è sempre dietro l’angolo. Soprattutto se di mezzo c’è la rete antifascista di Firenze che ieri pomeriggio ha sfogato il proprio anti salvinismo, e anti melonismo, per le strade del capoluogo toscano. Perché il primo cittadino del capoluogo toscano, che in mattinata aveva chiamato tutti a raccolta contro la deriva sovranista delle destre, a suo dire, radunata alla Fortezza da Basso, è finito attaccato, metaforicamente parlando, ad un momento simbolo come il Davide di Piazza della Signora, per averlo avvolto in una bandiera europea. Ai duri puri della Rete antifascista, democratici a parole, ma violenti nei fatti, come dimostra il lancio di bottiglie piene di vernice davanti alla sede fiorentina di Fdi, quel gesto non è piaciuto affatto. «Il Davide di Donatello è un simbolo di Firenze e Nardella non può usarlo così. Giu’ le mani dalla città». Ecco, fossimo nei panni del primo cittadino del capoluogo toscano, insistere nel solleticare la pancia dell’ala più estrema della sinistra, pronta a saldarsi con i palestinesi e i centri sociali, non ci sembra una gran bella idea. Cosi come non lo è stata quella di usare la bandiera dell’Europa contro i presunti nazionalismi dei partiti europei presenti alla kermesse della Lega. In piazza ne abbiamo viste di tutti tipi, da quelle palestinesi (ormai immancabili nei cortei che attraversano le città, volendo fare proselitismo), a quella di Rifondazione, passando per marxisti leninisti e i cobas. C’erano anche della Yugoslavia, per dire. Ma del vessillo dell’Europa nessuna traccia, da nessuna parte. Se quello di Nardella era stato un invito («esponete alla finestre le bandiere della Ue», aveva detto, pomposamente, qualche giorno fa), allora è miseramente caduto nel vuoto. E se voleva essere una sfida, l’ha persa senza possibilità di rivincita. Un po’ come la farsa che finisce in dramma. Il resto del menu’ fiorentino anti Salvini ha offerto due contromanifestazioni e tanti striscioni per inneggiare all’Europa e dire che «Firenze è antifascista». In mattinata cinquecento hanno risposto all’appello della Rete democratica, intonando “Bella ciao”, con una manifestazione al piazzale Michelangelo dove è stato appeso uno striscione lungo 28 metri con tante bandiere dell’Europa, arrivato direttamente da Ventotene portato dall’associazione EuropaNow, e un altro appeso alla balaustra del piazzale Michelangelo con scritto “Suona la martinella, Firenze si ribella”. Tante le bandiere di Arci, Anpi, qualcuna europea che si sono viste solo lì, quelle di Volt e dei Giovani democratici. Tra i partecipanti anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, l’assessore regionale Serena Spinelli, e il segretario metropolitano del Pd Andrea Ceccarelli. Nel pomeriggio è andata in scena la manifestazione dei centri sociali con un corteo aperto da uno striscione con scritto “Firenze è antifascista”, ed a fianco una bandiera della brigata partigiana Senigallia. Il corteo, oltre un migliaio i presenti tra cui anche studenti, associazioni, sindacati di base e forze della sinistra, ha attraversato il centro storico e raggiunta la Fortezza da Basso, dove da poco era terminata la convention sovranista, è stato esposto un grande striscione di colore rosso con scritto: “Salvini Le Pen Firenze vi schifa”. A sfilare anche molte bandiere della Palestina ed anche uno striscione con scritto “Gaza è un genocidio”. La manifestazione è stata promossa per dire che a Firenze fanno «schifo tutti i fascismi» ma anche per dare la “sveglia” alla città rispetto al «fascismo in doppio petto al governo», alle sue politiche e in particolare alla manovra finanziaria.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT