giovedi` 22 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
30.11.2023 Charlie Hebdo contro il silenzio delle femministe
Analisi di Mauro Zanon

Testata: Libero
Data: 30 novembre 2023
Pagina: 4
Autore: Mauro Zanon
Titolo: «Charlie Hebdo contro le femministe a geometria variabile»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 30/11/2023 a pag.4, con il titolo 'Charlie Hebdo contro le femministe a geometria variabile', il commento di Mauro Zanon.

Risultati immagini per mauro zanon
Mauro Zanon

Charlie Hebdo - App su Google Play

In alto a sinistra, una vignetta che ritrae uno stupro coniugale. «On vous croit!», grida una femminista, «Vi crediamo!». In alto a destra la raffigurazione caricaturale di uno stupro di guerra, come quelli commessi dai soldati russi a Bucha ai danni delle donne ucraine. «On vous croit!», urla una militante di una Ong. In basso a sinistra, la rappresentazione di uno stupro collettivo. «On vous croit!», ripete una suffragetta, manifestando solidarietà a tutte le vittime. E in basso a destra? Una donna israeliana viene violentata da un miliziano di Hamas, ma la militante femminista si volta dall’altra parte, fischietta, fa finta di non vedere. Ci volevano l’irriverenza e lo scorrettismo di Coco, vignettista di Charlie Hebdo, per sbertucciare come si deve il mondo femminista parigino, sempre in prima fila nel denunciare le derive dell’Occidente bianco, ma curiosamente silenzioso sugli stupri delle donne israeliane da parte dei terroristi di Hamas. È un silenzio che rimbomba dallo scorso 7 ottobre, ossia da quando Hamas ha lanciato la sua offensiva contro Israele, prendendo in ostaggio anziani, bambini e donne, tantissime donne, contro le quali ha scatenato una violenza inaudita. «È un femminicidio di massa», ha denunciato Olivia Cattan, presidente del collettivo Paroles de femmes, fra le prime ad alzare la voce contro il comportamento ambiguo delle organizzazioni femministe francesi verso gli stupri di Hamas. L’episodio più increscioso è accaduto lo scorso 25 novembre. Scandendo lo slogan lanciato dall’artista Liron Kroll, #MeToo_Unless_Ur_A_Jew (“MeToo, a meno che tu sia ebrea), il collettivo francese “7 octobre” si è presentato sabato scorso alla manifestazione contro la violenza sulle donne organizzata da diverse associazioni femministe francesi, tra cui Nous Toutes e Grève féministe. Il risultato? Le militanti di confessione ebraica sono state allontanate ed è stato impedito loro di partecipare al corteo. «Siamo rimaste due ore a place de la Nation, protette da un cordone di Crs (i poliziotti antisommossa, ndr), mentre le altre avevano il diritto di manifestare», ha raccontato una professoressa di storia a Libération. È il femminismo a geometria variabile.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/999666, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT