lunedi` 23 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
28.01.2022 L'antisemitismo? E' condannato solo quando è di destra
Commento di Iuri Maria Prado

Testata: Libero
Data: 28 gennaio 2022
Pagina: 16
Autore: Iuri Maria Prado
Titolo: «L'antisemitismo è condannato solo se è di destra»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 28/01/2022 a pag.16, con il titolo 'L'antisemitismo è condannato solo se è di destra', il commento di Iuri Maria Prado.

antisemitismo - Argomenti - la Repubblica

Il Giorno della Memoria dovrebbe essere l'occasione per il riconoscimento della verità, e per dolersene: invece è una ricorrenza per la riproposizione della menzogna, e per rinfrancarsene. La verità è che il nostro Paese ha perseguitato gli ebrei, e che il regime durante il quale si è perpetrata quella persecuzione non era l'effetto di una violenza impopolare imposta da pochi ai danni di molti, ma una delle realizzazioni dello spirito italiano. Ma è vietato dirlo. E invece è legittimata la menzogna per cui fu solo un inopinato impazzimento, capitanato da pochi manipoli, a dare inchiostro alle leggi razziali e via libera ai vagoni pieni di ebrei verso i campi di sterminio. Il profilo officiante delle celebrazioni democratiche non è composto in compunzione, ma trasfigurato in accusa, in rivendicazione di alterità rispetto al male nazi-fascista. E proprio per questo è denegato, o al più svilito al rango triste faccenduola, il lungo e inesausto corteo di manifestazioni antisemite imbandierato di rosso. Nell'Italia fondata sull'antifascismo il diritto all'integrità degli ebrei è riconosciuto a patto che ad attentarvi sia il pericolo nero, la testa rasata, il branco a braccio teso: ma se ad aggredirlo è l'istanza democratica, il boicottaggio ecosolidale, il giudizioso discorso del comunista a proposito degli ebrei che da "razza perseguitata" sono diventati "razza persecutrice" (testuale• razza), allora cessano gli allarmi e le esigenze protettive perché l'ebreo meritevole è il cittadino della Repubblica Bella Ciao, e a condizione che sia il fascista a molestarlo. Hanno bisogno di vedere la svastica per qualificare il gesto antisemita, ma se quel segno manca, e magari è sostituito da simboli legittimi, la medesima pratica perde i connotati osceni che muovono le sensibilità da 25 aprile, quelle non troppo urtate dalla sistematica sassaiola sulla Brigata Ebraica. L' antisemitismo persecutorio è stato parte della storia italiana, e l'Italia non si è liberata da sola dal sistema che l'ha reso possibile: mentre questa è l'altra menzogna imposta dalla retorica repubblicana, vale a dire che per forza e iniziativa propria l'Italia sia riuscita a liberarsene. Ed è a causa di questa ulteriore bugia che l'antisemitismo è sempre e solo altrui. Il Giorno della Memoria continua qui da noi a celebrarsi nella mancanza di rendiconto, nel ripudio della verità, nella risposante spiegazione del male altrui sconfitto dal bene proprio, nella malafede. Infine, in una specie diversa di negazionismo.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT