mercoledi` 29 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
08.01.2022 Biden batte Trump per numero di morti
Commento di Carlo Nicolato

Testata: Libero
Data: 08 gennaio 2022
Pagina: 15
Autore: Carlo Nicolato
Titolo: «Biden batte Trump. Per numero di morti»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 08/01/2022, a pag. 15, con il titolo "Biden batte Trump. Per numero di morti", il commento di Carlo Nicolato.

Immagine correlata
Carlo Nicolato

Biden: 'Prevedo di candidarmi alle elezioni del 2024, soprattutto se corre  Trump' | Sky TG24
Joe Biden - Donald Trump


In uno dei non eccezionali faccia a faccia che hanno preceduto le elezioni presidenziali americane del novembre 2020, il candidato democratico Joe Biden aveva rinfacciato all'allora presidente in carica e candidato repubblicano Donald Trump di essere stato responsabile della morte di 220mi1a americani per Covid. «Chiunque sia responsabile per così tante morti - accusò Sleepy Joe in un raro momento di trance da dibattito, - non dovrebbe rimanere presidente degli Stati Uniti d'America». Era quello uno dei cavalli di battaglia della sua campagna elettorale, probabilmente il più importante dal momento che con l'approssimarsi dell'inverno il Covid stava toccando il suo apice di virulenza, mietendo centinaia e poi migliaia di vittime al giorno. Sarebbe stato facile per chiunque starsene seduto in poltrona a puntare il dito contro gli errori del presidente travolto, come tutti, dalla pandemia. In un post su Twitter di ottobre, Biden o chi per lui commentava con orgoglio: «Non ho intenzione di chiudere il Paese. Non ho intenzione di fermare l'economia. Spegnerò il virus». Facile no?

NUMERI INDISCUTIBILI Peccato che dopo quasi un annodi presidenza, un periodo più o meno simile a quello equivalente al primo morto di Covid registrato negli Usa (fine febbraio 2020) e la fine ufficiale della presidenza Trump (19 gennaio 2021), i numeri e i fatti ci raccontino tutt'altra storia. Attualmente gli Stati Uniti registrano 832mila decessi per Covid dall'inizio della pandemia, più di 420mila dei quali sono avvenuti sotto la presidenza Biden, cioè più di quelli sotto Trump, quasi il doppio di quelli per cui a ottobre 2020 l'ex presidente avrebbe dovuto lasciare la Casa Bianca con un peso enorme sulla coscienza. Vecchia storia, dicono, anche un paio di mesi fa i repubblicani ci avevano provato confrontando i morti di Covid fino alle elezioni 3 novembre del 2020 con quelli successivi e i difensori d'ufficio di Biden - ad esempio i fact-checker del magazine Newsweek - avevano sostenuto, dati alla mano, che il confronto non stava in piedi, erano stati presi come termine di paragoni dati di due periodi non omogenei e quindi trattasi di "fake", e così è stata bollata. Adesso però il confronto sta in piedi eccome, e non solo. Non ci sono solo i numeri a confermarlo e i periodi giusti, ma anche la diffusione dei vaccini, che non erano disponibili durante la presidenza Trump. Oltre 250 milioni di americani sono stati inoculati con due dosi almeno. In più tanta esperienza nelle cure, negli ospedali, studi medici e farmacologici, anamnesi complete di milioni di pazienti, centinaia di tentativi diversi, fallimenti e successi che ai tempi di Trump non esistevano o erano ancora parziali. Insomma, un bel vantaggio che avrebbe peraltro evitato al vulcanico tycoon di dire tante corbellerie come quella dei raggi Uv o dei disinfettanti, o di sostenere per settimane l'uso dell'idrossiclorochina poi rivelatasi controproducente. E che avrebbe permesso al contrario a Biden di affrontare il coronavirus molto più attrezzato e con qualche certezza.

BOOMERANG E invece no, a dicembre perfino l'attuale presidente ha dovuto ammettere che «non esiste una soluzione federale» alla pandemia. Sostenendo che il problema adesso sono i no vax, che quella attualmente in corso è la «pandemia dei non vaccinati» e che servono più test, ma perfino quelli mancano. Ebbene: «Dove sono i test, dove sono le tue dimissioni, signor presidente?» ha chiesto il conduttore di Fox News Sean Hannity. Anche perché, come detto, «chiunque sia responsabile per così tante morti non dovrebbe rimanere presidente degli Stati Uniti d'America», disse per l'appunto colui che allora era un aspirante presidente. Lo stesso che un paio di giorni fa si è scagliato ancora una volta contro il rivale, accusandolo come sempre di qualsiasi cosa - di aver «seminato una rete di bugie» di possedere un ego così grande da non aver accettato la sconfitta, e di conseguenza di aver tentato di sovvertire la Costituzione. «Non è altro che una distrazione dal fatto che Biden ha completamente e totalmente fallito», gli ha risposto a stretto giro Trump. E stavolta come gli si può dare torto?

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare 02/ 999666, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT