domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
23.12.2021 Antisemitismo a sinistra
Commento di Iuri Maria Prado

Testata: Libero
Data: 23 dicembre 2021
Pagina: 13
Autore: Iuri Maria Prado
Titolo: «Ai compagni piace l'antisemitismo in guanti bianchi»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 23/12/2021, a pag.13 con il titolo "Ai compagni piace l'antisemitismo in guanti bianchi" il commento di Iuri Maria Prado.

Il 25 Aprile con la Brigata Ebraica

Le simpatie e le indulgenze di sinistra verso l'antisemitismo obliquo, quello che si nasconde dietro lo schermo ipocrita della critica anti-israeliana, sono anche più immonde di certe scoperture razziste addebitabili a certa destra minoritaria e non rappresentativa. Il terrorismo antisemita e la realtà di pistola, di sassi e di coltelli che gli ebrei d'Europa, siano vecchi o bambini, debbono fronteggiare per il fatto di essere ebrei, inducendoli a temere per sé stessi proprio nei luoghi dove i loro genitori e i loro nonni erano rastrellati e infilati nei vagoni piombati, proprio i luoghi dove una retorica bolsa organizza sfibrate ricorrenze alla Memoria e istituisce improbabili commissioni parlamentari, rappresentano l'inevitabile corrispettivo di giustizia sostanziale che si merita l'ebreo perché Israele, risaputamente, pratica l'apartheid, bombarda i civili per programma e, intollerabilmente, non riconosce il diritto civile e politico dei tanti che in modo sacrosanto rivendicano la necessità democratica di distruggere lo Stato degli ebrei. Il 25 d'aprile della Repubblica Bella Ciao, con il sistematico corollario della sassaiola sulla Brigata Ebraica e dei roghi delle bandiere israeliane, così come le valorose campagne di boicottaggio delle produzioni e delle imprese israeliane su cui una nobile propaganda appone una bella stella gialla, hanno cittadinanza incensurata nel Paese delle leggi contro l'odio e della Costituzione in nome della quale si reclamano giuramenti antifascisti. E intanto la democrazia è rassicurata dalla guardia profilattica della sinistra, la cui macchia antisemita è nulla a paragone del merito nell'impedire l'assalto delle destre.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT