giovedi` 13 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
03.08.2021 Francia: se anche i sindaci di destra si piegano all'islam
Commento di Mauro Zanon

Testata: Libero
Data: 03 agosto 2021
Pagina: 13
Autore: Mauro Zanon
Titolo: «Gli orfani di Sarkò adorano Maometto»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 03/08/2021 a pag.13, con il titolo 'Gli orfani di Sarkò adorano Maometto', il commento di Mauro Zanon.

Risultati immagini per mauro zanon
Mauro Zanon

Régionales dans le Grand Est : pour Laurent Jacobelli (RN)
Laurent Jacobelli

Lo scorso 24 giugno, tra il primo e il secondo turno delle elezioni regionali francesi, Laurent Jacobelli, capolista del Rassemblement national nel Grand Est, si recò a Farébersviller, nel dipartimento della Mosella, dove l'Union des Démocrates Musulmans Français aveva raccolto il 28% dei suffragi: numeri mai rai unti da un partito comunitarista islamico in Francia. «E qualcosa di molto grave per la nostra Repubblica laica. Una lista che si presenta per portare avanti l'agenda di una comunità religiosa, con rivendicazioni come l'uso del velo, non può trovare posto in Francia (...) Se si continua così, avranno presto sindaci e deputati», dichiarò al settimanale Valeurs Actuelles Jacobelli. Nella stessa, l'attuale consigliere regionale lepenista del Grand Est, spiegò soprattutto qual era il principale motivo della sua trasferta a Farébersviller: denunciare l'islamo-destrismo, ossia l'alleanza, per ragioni elettorali, tra l'islam politico e la destra gollista.

Alain Juppé et Bordeaux, 25 ans d'histoire en pointillé - Le Parisien
Main Juppé

SALAMELECCHI Il giornalista Joachim Véliocas fu uno dei primi, nel 2010, ad aprire il vaso di Pandora della destra che fu di Sarkozy nel libro "Ces maires qui courtisent l'islam": enumerando i corteggiamenti e gli inchini di innumerevoli sindaci gollisti, e non solo goscisti, alle comunità islamiche, sempre più influenti per gli esiti delle elezioni locali. Si parlava di Main Juppé, ex primo ministro e pupillo di Chirac, che da sindaco di Bordeaux aveva concesso per un euro simbolico 8.500 metri quadrati di terreno all'Associazione dei musulmani della Gironda per innalzare la loro moschea. Ma anche di Fabienne Keller, oggi macronista ma nel 2004 soldatina dell'Ump (diventato nel 2015 Les Républicains), che da sindaca di Strasburgo pose la prima pietra di quella che diventerà nel 2025 la moschea più grande d'Europa (progetto da 32 milioni di euro, 2,5 dei quali verranno sbloccati dal comune).

ORDINE DALL'ALTO A distanza di undici anni, la situazione è peggiorata in maniera assai inquietante, e Véliocas avrebbe molto materiale per a. ornare il suo libro, dando per esempio un'occhiata a quello che sta accadendo a Metz, a un'ora e mezza di strada da Strasburgo, dove il sindaco gollista François Grosdidier, ex senatore, giustifica così l'innalzamento di una mega moschea nella città che dirige da poco più di un anno: «Mi è apparso Allah sopra il cielo di Metz e ho deciso di autorizzare la costruzione». Il futuro luogo di culto si estenderà su 5.649 metri quadrati, sarà dotato di un minareto alto 34 metri, di un museo per l'immigrazione e anche di un istituto del mondo arabo. Lo stesso Grosdidier, nel 2008, quando era sindaco Ump di Woippy, comune della Mosella, aveva finanziato con i soldi dei contribuenti (tre milioni di euro) un grande "centro culturale islamico" che può accogliere fino a 1.800 fedeli. Nel 2015, intervistato da France Bleu Lorraine, Grosdidier diceva tranquillamente che «la Francia ha quarant'anni di ritardo» sul numero di moschee. Troppo poche 2.200 (oggi sono già più di 2.500) per 6 milioni di musulmani: «Bisogna raddoppiarle», affermò. Sono lontani i tempi in cui Charles de Gaulle, appena eletto presidente della Repubblica, metteva in guardia i francesi dall'islamizzazione. «I musulmani, siete andati a vederli? Li avete osservati con i loro turbanti e le loro djellaba? Vedete bene che non sono francesi», disse il fondatore della Cinquième République al suo fedelissimo Alain Peyrefitte ("C'était de Gaulle", '94), a: ungendo che chi credeva nell'integrazione aveva «il cervello di un colibrì» e che presto, senza un cambio di direzione radicale, il suo comune di residenza, Colombey-les-Deux-Églises, si sarebbe chiamato Colombey-les-Deux-Mosquées. Chissà cosa direbbe oggi De Gaulle di uno come Grosdidier, che si sente erede del gollismo, ma è soltanto il simbolo della malinconica crisi di identità e di valori di una destra francese che imita la sinistra anche nelle sue peggiori derive.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT