lunedi` 02 agosto 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Onu criminalizza ancora Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
21.07.2021 Ian Bremmer: l'Africa e noi
Lo intervista Annalisa Chirico

Testata: Libero
Data: 21 luglio 2021
Pagina: 15
Autore: Annalisa Chirico
Titolo: «L'Africa raddoppia la popolazione. E la spedisce qui»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 21/07/2021, a pag. 15, con il titolo 'L'Africa raddoppia la popolazione. E la spedisce qui', l'intervista di Annalisa Chirico.

Ian Bremmer - Wikipedia
Ian Bremmer

Venti percento di immunizzazioni effettuate. Sono questi i numeri del continente Africa su cui il politologo americano Ian Bremmer, presidente di Eurasia Group, si concentra in questa conversazione con Libero. «L'Africa è l'unico posto al mondo dove si prevede una crescita demografica esplosiva la popolazione raddoppierà entro il 2050, il che vuol dire che un quarto dell'umanità sarà africano. La Nigeria da sola, con i suoi 400 milioni di cittadini, diventerà il terzo paese più popoloso del mondo, dopo India e Cina».

L'Economist ha parlato di "Secolo africano": l'Africa sarà il campo di battaglia della competizione tra Stati Uniti e Cina? «Per Pechino l'Africa rappresenta un pezzo importante della Nuova Via della seta, da diversi anni la Cina investe massicciamente, con risorse pubbliche e private, nella costruzione di infrastrutture materiali e digitali, nell'elettronica, nelle attività estrattive, nella tecnologia. Tuttavia i paesi che possono essere considerati "filocinesi", nell'orbita d'influenza di Pechino, sono pochi: Angola, Etiopia, Zambia e Zimbabwe. Si tratta di realtà estremamente povere, rette da regimi autoritari. Quasi nessuno è schierato con gli Usa. Le tre economie più importanti (Kenya, Nigeria e Sud Africa) non si espongono né con Pechino né con Washington».

La nuova Guerra fredda si combatte in Africa? «Non parlerei di competizione diretta ma di aree di influenza differenziate. Gli Usa sono impegnati sul fronte della cooperazione per la sicurezza, il finanziamento (attraverso l'Fmi e la Banca mondiale), la salute e la società civile. I cinesi investono sopratutto nell'economia attraverso prestiti, infrastrutture e relazioni commerciali. La situazione potrebbe cambiare se, per esempio, Pechino decidesse di realizzare altre basi militari come quella di Gibuti. Al momento però l'Africa non è una priorità per l'amministrazione Biden. Per il presidente le priorità sono la Cina e il clima».

Insomma, in Africa gli americani puntano sul soft power. «Esatto, l'America fa leva sul settore privato, sulle Ong, su finanziatori individuali, senza ricorrere a mezzi statali».

Lei accennava alla bomba demografica africana, questione sensibile per l'Italia a causa delle ripercussioni in materia di immigrazione. «Il futuro non promette nulla di buono. L'Africa è la regione più duramente colpita dal cambiamento climatico. L'università di Notre Dame elabora un indice di adattamento che stima la vulnerabilità ai rischi climatici: nove dei dieci paesi più esposti sono africani. Ciò rischia di rafforzare processi di radicalizzazione e migrazione. L'Africa è il luogo dove centinaia di milioni di persone non saranno più in grado di restare a vivere nelle proprie abitazioni per via del surriscaldamento; queste persone hanno inoltre la minore capacità di reddito per sostenere i costi di trasferimento in un paese vicino».

A rendere l'Africa fonte di instabilità contribuisce la proliferazione di tecnologie insidiose. «È una minaccia concreta che le istituzioni locali non sono in grado di fronteggiare. La popolazione più giovane su scala mondiale, in larga parte privata del diritto di voto, sta diventando quella più capace di generare instabilità. II phishing di matrice nigeriana che punta a infiltrarsi nel tuo conto corrente è un problema fastidioso, al pari dei rapimenti compiuti dai pirati in mare e degli attacchi cyber, sempre più sofisticati, contro le infrastrutture sensibili».

Una nota positiva in questo quadro fosco? «Probabilmente il Covid. A livello di contagi, il continente ha affrontato il virus meglio di altre parti del mondo, favorito da una popolazione più giovane, meno esposta alle forme gravi di malattia, e ai collegamenti ridotti con le aree di crisi. L'esplosione della variante Delta però complica tutto: il progetto Covax è una delusione totale e gli africani si ritrovano, di fatto, senza vaccino. L'Africa sarà l'ultima regione del mondo a potersi definire "post pandemica", e questo è un male per i cittadini africani impossibilitati a viaggiare per lavorare».

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT