martedi` 22 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa è parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
10.06.2021 Armeni, il genocidio infinito
Caterina Maniaci intervista Antonia Arslan

Testata: Libero
Data: 10 giugno 2021
Pagina: 18
Autore: Caterina Maniaci
Titolo: «'Il genocidio armeno non è ancora terminato'»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 10/09/2021, a pag. 18, con il titolo "Il genocidio armeno non è ancora terminato", l'intervista di Caterina Maniaci.

Antonia Arslan | Rivista Inchiostro
Antonia Arslan

Immagine correlata
Il capolavoro di Antonia Arslan (Rizzoli ed.)

Il monastero di Dadiyank, nel Nagomo Karabakh, è un miracolo di pietra e di colori. Già solo a pronunciare questi nomi si evoca un mondo favoloso, quasi fiabesco. La realtà è molto più dura. E qui che si conservano le reliquie di san Dadi, discepolo di san Giuda Taddeo, e colui che evangelizzò l'Armenia orientale, facendo così nascere la prima nazione cristiana al mondo. La regione in cui si trova il monastero è entrata sotto il controllo azero, dopo gli ultimi, violenti scontri tra Azerbaijan e Armenia appunto per il controllo del Nagorno Karabakh. Il monastero resterà così isolato, visibile agli occhi, ma difficile da raggiungere per la popolazione armena. Ora sembra che stiano circolando notizie su una supposta origine del monastero dovuta ad una principessa azera Un tentativo di cancellare o nascondere la radice storico-religiosa di questo luogo caro alla memoria e alla fede armena. «Qualcosa che si ripete una volta ancora, in quello che potremmo definire lo schema classico del progetto di genocidio: si procede prima con la distruzione fisica di un popolo, poi con quella dei suoi monumenti, infine si cancellano persino i nomi origina». Antonia Arslan, docente, saggista, critica, scrittrice che non ha bisogno di presentazioni, sa bene di cosa si tratta, conosce profondamente e ha vissuto, attraverso ciò che ha subito la sua famiglia, le dinamiche del genocidio, quello subito dal popolo armeno, e del negazionismo che inevitabilmente trascina con sé. Un mostro con tante teste, quello del negazionismo, che cavalieri intrepidi tentano di mozzare, ma che sembrano sempre ricrescere. Un'immagine di fantasia, che ci porta nel cuore di Ferrara. La città toma a essere, per due giorni, oggi e domani, 11 giugno, la casa di Orlando, Carlo Magno, Angelica, Ruggero, Bradamante, Rinaldo, Astolfo, e di molti altri, scrittori, poeti, pittori. Si trasforma infatti in capitale della fantasia grazie alla prima edizione di Fe.Fant il Festival della Fantasia, "firmata" dal poeta Davide Rondoni, direttore artistico, con la Fondazione Zanotti.

A lei domani sarà conferita la cittadinanza onoraria di Ferrara, in concomitanza dell'apertura del Festival. Un gesto di grande significato. «Certamente. E il riconoscimento di una vita spesa nella difesa della realtà del genocidio, oltre che nella passione per la letteratura. Infatti riceverò la cittadinanza onoraria di Ferrara come riconoscimento "ad una scrittrice coraggiosa, contro ogni negazionismo", come si legge nella motivazione del sindaco, Alan Fabbri. E tutto questo assume un valore ancora più rilevante, se si pensa a cosa è successo l'aprile scorso».

Vogliamo ricordarlo? «Il 24 aprile, in occasione del giorno del ricordo del genocidio degli armeni, il Teatro comunale di Ferrara ha organizzato uno spettacolo di letture e musica - quella del flauto armeno, il dudùk - con me, Vittorio Robiati Bendaud e il direttore del Comunale, Moni Ovadia. L'ambasciatore turco Murat Salim Esenli ha subito scritto a Fabbri, il sindaco di Ferrara, chiedendogli di "riconsiderare la posizione" sul tema e sull'evento, definendo il genocidio come una "questione di controversia storica tra turchi e armeni". E sottolineando che "qualsiasi iniziativa realizzata in paesi terzi, volta a interpretare la storia sulla base di opinioni o accuse unilaterali, è controproducente". Di qui la richiesta di riconsiderare "la sua posizione (del sindaco, ndr) riguardo all'ospitare un evento così unilaterale e modellato unicamente attorno alla narrativa armena"».

Ilsindaco però ha definito i contenuti della lettera «assolutamente inaccettabili», giusto? «Sì, infatti. E ha risposto idealmente con il riconoscimento della cittadinanza onoraria per me e per Tanek Akcam, lo storico turco, esule, che ha dimostrato il genocidio armeno con prove inoppugnabili, raccolte nel suo importante libro, Killing orders, da poco tradotto in italiano e pubblicato dall'editore Guerini e Associati».

Il mostro del negazionismo è destinato a non essere mai eliminato, o reso inoffensivo, dunque? Oppure una delle armi da usare potrebbe essere proprio la fantasia? «In realtà, questa è l'altra faccia di quello che è stato definito da Martina Corgnati e Ugo Volli "il genocidio infinito". Per far comprendere che nella nozione di genocidio è contenuta la sua stessa negazione. Io ho scritto saggi, articoli, prefazioni sull'argomento, attenendomi a precise fonti storiche, ai fatti registrati dalla cronaca, ma ho anche scritto dei romanzi, ho raccontato storie e personaggi che hanno colpito il cuore di molti lettori. Del resto, non considero la fantasia un semplice vagare fra le nuvole, ma un'adesione alla concretezza della realtà che poi permette di costruire nuovi mondi. Dove anche i mostri più crudeli della Storia possono essere sconfitti dall'amore per la verità e per la memoria».

Per inviare la propria opinione a Libero, telefonare 02/999666, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT