mercoledi` 29 novembre 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il programma di Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Shalom Rassegna Stampa
02.10.2023 Il fascino dell'antica sinagoga tunisina di KÚlibia svelato a Parigi
Commento di Claudia De Benedetti

Testata: Shalom
Data: 02 ottobre 2023
Pagina: 1
Autore: Claudia De Benedetti
Titolo: «Il fascino dell'antica sinagoga tunisina di KÚlibia svelato al MAHJ di Parigi»
Riprendiamo da SHALOM online il commento di Claudia De Benedetti dal titolo "Il fascino dell'antica sinagoga tunisina di KÚlibia svelato al MAHJ di Parigi".

Claudia De Benedetti

Il fascino dell'antica sinagoga tunisina di KÚlibia svelato al MAHJ di  Parigi

A KÚlibia, cittÓ costiera nel nord-est della Tunisia, uno scavo archeologico ha portato alla luce i resti di un'antica sinagoga ai piedi dell'antica fortezza romana. Al MAHJ, Museo di Arte e Storia Ebraica di Parigi, Mounir Fantar, esperto dell’Istituto nazionale del patrimonio tunisino, ha tenuto la scorsa settimana una conferenza nell’ambito del ciclo di incontri intitolato ‘Arte e archeologia dell’ebraismo’ in cui ha spiegato le caratteristiche salienti dell’importante scoperta. I lavori stradali effettuati nella zona del porto della localitÓ balneare costituiscono la prima prova di un'antica presenza dell'ebraismo nella regione di Cap Bon. Il ritrovamento di un mosaico in perfetto stato di conservazione ha condotto gli archeologi a sostenere che vi sia stato un insediamento ebraico risalente al V secolo. La decorazione Ŕ stata successivamente attribuita al pavimento di un edificio, verosimilmente una sinagoga, in cui Ŕ di notevole fascino la presenza di dodici candelabri a sette braccia, alcuni dei quali affiancati da cedri, palme e da una iscrizione latina che attesta il carattere ebraico del luogo. Menorah e iconografia legata alla festa di Sukkot sono quindi oggetto di studio in un’area geografica di grande interesse dal punto di vista storico e archeologico. Il piccolo porto di KÚlibia deve il proprio nome al porto fenicio di Clupea, che sorgeva nella zona in cui anche romani e bizantini hanno lasciato traccia del loro passaggio. La cittadina, oltre a essere caratterizzata da alcune tra pi¨ belle e incontaminate spiagge della Tunisia, ha importanti monumenti, a testimonianza del suo antico e affascinante passato. La fortezza, perfettamente conservata, fu edificata per proteggere la costa e consentire di avvistare le navi provenienti dal Mediterraneo. Domina un’altura di oltre cento metri, vi sono vestigia di edifici romani e di una cappella verosimilmente di origini bizantine, all’interno della quali sono esposti documenti storici e manoscritti. Dal faro, situato nell’area a sud del forte, nei giorni di cielo limpido, Ŕ possibile osservare il del litorale di Capo Bon e l’isola di Pantelleria che dista poco meno di 70 chilometri dalla costa tunisina. Nei pressi del forte si trovano anche le vestigia di un’antica villa romana con mosaici che rappresentano scene di caccia. KÚlibia e l’area di Capo Bon sono infine note per le vaste coltivazioni di viti, tabacco e legumi.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@shalom.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT