venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Shalom Rassegna Stampa
18.09.2023 A Gerusalemme torna a splendere la maestosa Sinagoga Tiferet Israel
Commento di Claudia De Benedetti

Testata: Shalom
Data: 18 settembre 2023
Pagina: 1
Autore: Claudia De Benedetti
Titolo: «A Gerusalemme torna a splendere la maestosa Sinagoga Tiferet Israel»
Riprendiamo da SHALOM online il commento di Claudia De Benedetti dal titolo "A Gerusalemme torna a splendere la maestosa Sinagoga Tiferet Israel".

Claudia De Benedetti

A Gerusalemme torna a splendere la maestosa Sinagoga Tiferet Israel

Quando Brian Sherr, avvocato americano originario della Florida, visitò per la prima volta l'antica sinagoga Tiferet Israel nella Città Vecchia di Gerusalemme oltre 40 anni fa, il sito era in rovina, l'area intorno alla struttura demolita era piena di immondizia, il muro aveva ancora i resti della vernice viola usata dagli arabi per tenere lontano le persone. Ma Sherr sapeva come era stata la sinagoga in tutta la sua maestosità di fine 1800, gliel’aveva descritta da bambino sua nonna, nata a Gerusalemme; era un gioiello che dominava la Città Vecchia nei decenni precedenti la fondazione dello Stato d’Israele; il trisavolo di Sherr aveva lavorato alla costruzione. "Ho sempre pensato che avrei dovuto nascere a Gerusalemme", ha raccontato il settantanovenne avvocato, "ho pregato affinché un giorno, quando sarei ancora stato in vita, la sinagoga sarebbe stata ricostruita". Oggi, 75 anni dopo la sua distruzione, la sinagoga è in fase di ricostruzione e la riapertura al pubblico è previsto l'anno prossimo. Il progetto di restauro da 18 milioni di dollari è finanziato dallo Stato d’Israele sia da privati. Tiferet Israel, o "Gloria di Israele", fu fondata nel 1872. L'iconica struttura a cupola a tre piani era alta 24 metri con un'ulteriore cupola di circonferenza di 11 metri in cima all'edificio, era il punto più alto di Gerusalemme e si affacciava sul Monte del Tempio e sul Muro Occidentale. Il progetto prese il via nel 1830, quando si sparse la voce che lo zar Nicola stava cercando una proprietà per la costruzione di una chiesa e di un monastero. Anche il rabbino Israel Bek, che stava aiutando gli ebrei a trasferirsi a Gerusalemme, aveva identificato l’area per insediare la sua nascente comunità. Venuto a conoscenza dei piani dello zar, inviò suo figlio Nissan Bek a consultarsi con il rabbino Israel Friedman, che era fuggito dalla Russia zarista in Ucraina. Friedman ordinò di acquistare immediatamente il terreno e fece avere a Bekil finanziamento per portare a termine l’operazione. Lo zar finì a malincuore per acquistare una proprietà alternativa nel complesso russo della città. L'imponente sito, costruito nella classica architettura rinascimentale, fungeva da sinagoga, comprendeva un mikvè riscaldato, nel seminterrato, e divenne il centro per la comunità chassidica nella Città Vecchia per i successivi 75 anni. Durante la guerra d'indipendenza del 1948, Tiferet Israel per la sua posizione strategica fu l’ultima roccaforte di difesa dei combattenti della milizia pre-statale dell'Haganah contro i giordani. Dopo la resa della Città Vecchia i giordani ordinarono di far saltare con la dinamite e radere al suolo le due sinagoghe più grandi: la Hurva e la Tiferet Israel. Quando Sherr lesse che l'Hurva era in fase di ricostruzione pensò: "Se la Hurva viene ricostruita, allora perché non anche Tiferet Israel?". Un decennio fa, il Comune di Gerusalemme ha dato il via libera al restauro di Tiferet Israel. Durante lo scavo del sito che ha preceduto la ricostruzione, gli archeologi hanno scoperto resti del periodo del Primo e del Secondo Tempio e riferimenti talmudici del secondo Tempio quando i romani distrussero Gerusalemme. Il sito ricostruito comprenderà una sinagoga ortodossa, servizi religiosi, posti a sedere per 170 persone; le donne siederanno in due sezioni della galleria, come nella costruzione originaria. Le scoperte archeologiche e i bagni rituali saranno esposti nel seminterrato, l'ultimo piano ospiterà una piccola galleria d'arte adiacente alla cupola. Il sito includerà anche un ascensore, un'innovazione che non era in uso al momento della costruzione originale. "Non stanno solo ricostruendo un edificio" ha detto Sherr "ma stanno facendo rinascere, in Israele, la nazione ebraica".

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@shalom.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT