sabato 02 dicembre 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il programma di Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Shalom Rassegna Stampa
08.09.2023 Ritrovate a Ein Gedi quattro spade di epoca romana
Commento di Michelle Zarfati

Testata: Shalom
Data: 08 settembre 2023
Pagina: 1
Autore: Michelle Zarfati
Titolo: «Ritrovate a Ein Gedi quattro spade di epoca romana»
Riprendiamo da SHALOM online l'analisi di Michelle Zarfati dal titolo "Ritrovate a Ein Gedi quattro spade di epoca romana".

Michelle Zarfati - Comunicazioni pubbliche relazioni - Museo Ebraico |  LinkedIn
Michelle Zarfati

Israele, importante e rara scoperta archeologica: ritrovate quattro spade  romane

Un team di ricercatori israeliani ha recentemente rivelato una rara scoperta del lontano passato nel deserto della Giudea. Si tratta di quattro spade di 1.900 anni fa e una punta di lancia della rivolta di Bar Kokhba contro l'Impero Romano. I rivoltosi ebrei lasciarono quattro spade e la punta di una lancia in una grotta nella Riserva Naturale di Ein Gedi. Per molti anni, le spade sono rimaste nascoste nella grotta fino a quando non sono state recentemente ritrovate dai ricercatori dell'UniversitÓ di Ariel, dell'UniversitÓ Ebraica e dell'AutoritÓ Israeliana per le AntichitÓ (IAA). Si ritiene che le armi fossero un bottino di guerra sottratto all'esercito romano. "Trovare una spada del genere Ŕ raro, ma quattro? ╚ un sogno. Abbiamo dovuto stropicciarci gli occhi per crederci", hanno detto mercoledý i ricercatori durante la presentazione delle armi in una conferenza stampa a Gerusalemme. L'IAA ha spiegato che le armi sono state scoperte in una grotta isolata e di difficile accesso a nord di Ein Gedi, situata all'interno della riserva naturale gestita dall'AutoritÓ israeliana per la natura e i parchi. Circa 50 anni fa in questa grotta furono scoperti anche frammenti di scrittura ebraica. Il testo Ŕ stato scritto con inchiostro su un frammento, nell'antica scrittura ebraica tipica del periodo del Primo Tempio. Recentemente, la grotta Ŕ stata visitata dal dottor Asaf Gayer del Dipartimento di Studi e Archeologia sulla Terra d'Israele dell'UniversitÓ di Ariel, dal geologo Boaz Langford dell'Istituto di Scienze della Terra e dal Centro di ricerca sulle caverne dell'UniversitÓ Ebraica di Gerusalemme e dal fotografo IAA Shai Halevi. Il trio ha deciso di catturare l'iscrizione ebraica sul frammento utilizzando l'imaging multispettrale, una tecnica che consente di decifrare parti del testo che non sono visibili a occhio nudo. Durante l'esplorazione del livello superiore della grotta, il dottor Gayer ha scoperto una punta di lancia eccezionalmente ben conservata all'interno di una cavitÓ stretta e profonda. In una zona vicina sono stati rinvenuti anche pezzi di legno lavorato che furono poi identificati come parti di una guaina. L'IAA sta attualmente conducendo un'indagine completa delle grotte nel deserto della Giudea, documentando centinaia di reperti trovati nell'area negli ultimi sei anni, e sono stati effettuati 24 scavi archeologici in altre grotte selezionate in Israele. Lo scopo di questi sforzi Ŕ preservare i resti archeologici trovati nel deserto della Giudea e proteggerli dai saccheggi. La squadra di ricerca, insieme al dottor Gayer e Langford, Ŕ tornata alla grotta per la seconda volta per condurre un'indagine meticolosa di ogni sua fessura, trovando un'ulteriore camera al livello superiore e nascosto della grotta. All'interno di una fessura stretta e profonda tra due stalattiti, i ricercatori sono rimasti stupiti nello scoprire uno straordinario deposito di quattro spade romane. L'IAA ha sottolineato che le spade erano straordinariamente ben conservate; tre di loro avevano ancora le lame di ferro racchiuse in foderi di legno. Sono stati inoltre trovati anche frammenti di cinghie di cuoio e altri oggetti di metallo e legno, che facevano parte dell'assemblaggio della spada. La lunghezza della lama di tre spade Ŕ di circa 60-65 cm, caratteristica che le identifica come “Spathae romaneö. Un'altra spada pi¨ corta, con una lama lunga circa 45 cm, Ŕ stata identificata come una spada con pomello ad anello. Le spade sono state accuratamente estratte dalla fessura e rapidamente trasferite per il trattamento e la conservazione in condizioni climatiche controllate nei laboratori IAA. Un primo esame della collezione suggerisce che si tratti di spade standard utilizzate dai soldati di stanza in Terra d'Israele durante il periodo romano.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@shalom.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT