lunedi` 27 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Shalom Rassegna Stampa
02.09.2023 Gerusalemme, scoperte due misteriose strutture nel complesso archeologico della Città di David
Commento di Luca Spizzichino

Testata: Shalom
Data: 02 settembre 2023
Pagina: 1
Autore: Luca Spizzichino
Titolo: «Scoperte due misteriose strutture nel complesso archeologico della Città di David»
Riprendiamo da SHALOM online l'analisi di Luca Spizzichino dal titolo "Scoperte due misteriose strutture nel complesso archeologico della Città di David".

Luca Spizzichino | UGEI
Luca Spizzichino

Scoperte due misteriose strutture nel complesso archeologico della Città di  David

Due strutture uniche, risalenti al periodo del Primo Tempio, sono state portate alla luce dagli archeologi nel sito della Città di David, lo ha annunciato mercoledì l'Autorità israeliana per le antichità (IAA). Lo scavo è stato effettuato da ricercatori dell'IAA e dell'Università di Tel Aviv, finanziati dalla Fondazione Elad. Secondo i ricercatori, le strutture potrebbero far parte dell'area commerciale della città, vista la loro vicinanza al palazzo reale e al Tempio. I ricercatori hanno faticato a individuarne l’uso preciso poiché nessun sito del genere è mai stato trovato in Israele. “Gli escavatori hanno scoperto la prima installazione all’estremità nord-orientale dello scavo del Parcheggio Givati, che comprende una serie di almeno nove canali. In cima alla scogliera rocciosa, che racchiude l’installazione a sud, si possono trovare sette tubi di drenaggio, che trasportavano i liquidi dalla cima della scogliera all’installazione del canale”, ha detto l’IAA nella sua descrizione del sito archeologico. Il secondo sito invece comprende cinque canali. Il dottor Yiftah Shalev, ricercatore senior presso l'IAA, ha affermato che gli sforzi per identificare lo scopo esatto del sito sono stati infruttuosi. “Abbiamo portato sul posto diversi esperti per vedere se c'erano residui nel terreno o nella roccia non visibili a occhio nudo e per aiutarci a capire cosa scorresse o ci fosse nei canali. - ha spiegato al Times of Israel - Volevamo verificare se c'erano resti organici o tracce di sangue; quindi, abbiamo anche chiesto l'aiuto dell'unità forense della polizia e di altri ricercatori in tutto il mondo, ma finora senza alcun risultato". Secondo Shalev un possibile utilizzo dei due siti potrebbe essere stato quello di immergere prodotti, come il lino per la produzione di biancheria. "Un'altra possibilità è che i canali contenessero datteri che venivano lasciati fuori per essere riscaldati dal sole allo scopo di produrre silan (miele di datteri)” ha ipotizzato, spiegando come installazioni simili siano state scoperte in luoghi lontani come Oman, Bahrein e Iran. Il professor Yuval Gadot, del dipartimento di Archeologia e Civiltà del Vicino Oriente antico dell'Università di Tel Aviv, ha affermato che il sito era in uso fino ai giorni dell'ottavo e del nono re della Giudea, Joash e Amaziah. "Questa è un'epoca in cui sappiamo che Gerusalemme copriva un'area che comprendeva la Città di Davide e il Monte del Tempio, che fungeva da cuore di Gerusalemme", ha detto Gadot. "La posizione centrale dei canali, vicino alle zone più importanti della città, ci indica che il prodotto realizzato utilizzandoli era collegato all'economia del Tempio o del palazzo". “Di tanto in tanto ci imbattiamo in reperti sorprendenti ed enigmatici che ci sfidano e suscitano l’interesse della ricerca. - ha sottolineato il direttore dell'IAA Eli Escusido - Con la collaborazione con altre istituzioni risolviamo questi misteri e facciamo avanzare la nostra conoscenza delle società del passato”. Il sito sarà aperto al pubblico la prossima settimana come parte del 24° evento “City of David Studies of Ancient Jerusalem”.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@shalom.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT