giovedi` 08 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Shalom Rassegna Stampa
29.08.2022 L'epopea del Sefer TorÓ di Schirmeck. Dopo 77 torna nel suo Aron
Commento di Claudia De Benedetti

Testata: Shalom
Data: 29 agosto 2022
Pagina: 1
Autore: Claudia De Benedetti
Titolo: «L'epopea del Sefer TorÓ di Schirmeck. Dopo 77 torna nel suo Aron»
Riprendiamo da SHALOM online l'analisi di Claudia De Benedetti dal titolo "L'epopea del Sefer TorÓ di Schirmeck. Dopo 77 torna nel suo Aron".

Claudia De Benedetti

Sinagoga di Schirmeck - frwiki.wiki
La Sinagoga di Schirmeck in Alsazia

Un Sefer Torah salvato dalla Shoah ritornerÓ nel suo Aron nella Sinagoga di Schirmeck in Alsazia segnando cosý l’apertura ufficiale della Giornata Europea della Cultura Ebraica 2022. Il Sindaco della cittÓ di Schirmeck, Laurent Bernard, il Presidente dell’Associazione degli Amici della Sinagoga di Schirmeck, Jacques Ruch e il Presidente dell’Associazione Europea per il Patrimonio Ebraico Franšois Mo´se daranno il via ad una giornata dal grande significato simbolico. La storia del Sefer di Schirmeck, cittadina di 2.500 abitanti situata ad una cinquantina di chilometri da Strasburgo, merita di essere raccontata. Intorno al 1930 un ragazzo tredicenne della comunitÓ di Schirmeck invita al suo bar mitzvÓ l’amico Ernest Bohn e gli mostra l’Aron e i Sefarim che custodisce. Con la guerra il giovane ebreo viene inghiottito dalla Shoah, i nazisti, a Schirmeck compiono, come ovunque, razzie e devastazioni, senza risparmiare la Sinagoga. Ernest non vuole assistere impotente allo scempio: con scaltrezza e coraggio riesce a intrufolarsi nell’edificio comunitario, a prendere un solo Sefer avviluppandolo in un talled ed a nasconderlo in attesa della Liberazione. A inizio gennaio 1945, Isaac Rouche, giovane rabbino algerino, si unisce alle truppe Alleate che liberano l’Alsazia; al passaggio da Schirmeck Ernest scende in strada alla ricerca di un ebreo, con grande emozione e timore decide di avvicinarsi al rabbino Rouche e chiedergli di prendere in custodia il Sefer che fino ad allora non aveva mai abbandonato, riuscendo a proteggerlo e salvarlo. Rouche, accoglie senza esitazione la richiesta, chiede ai compagni di fermarsi, con il Sefer tra le braccia, improvvisa una preghiera di suffragio, ringraziamento e auspicio di rinascita. Il viaggio del Sefer continua al seguito del rabbino Rouche in una scuola Talmudica di Casablanca in Marocco, quando la vita per gli ebrei marocchini diventa difficile, Rouche si trasferisce in Svizzera a Neuchatel e infine a Gerusalemme. Il 4 settembre a 77 anni di distanza, il genero del rabbino Rouche riporterÓ il Sefer restaurato da Israele al suo Aron di Schirmeck. La cerimonia, che vedrÓ la partecipazione dei discendenti di Ernest Bohn, Ŕ parte del programma degli eventi che quest’anno hanno come fil rouge il tema del rinnovamento. Un rinnovamento che a Schirmeck sarÓ accompagnato dai canti di Evenu Shalom Alechem, Ma Tovu e Baruch Haba e da una grande gioia condivisa.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@shalom.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT