lunedi` 20 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Shalom Rassegna Stampa
27.08.2019 Dagli arabi palestinesi un rifiuto permanente
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Shalom
Data: 27 agosto 2019
Pagina: 15
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «I palestinesi e il loro permanente rifiuto»
Riprendiamo da SHALOM luglio 2019 a pag.15 con il titolo "I palestinesi e il loro permanente rifiuto" il commento di Fiamma Nirenstein.

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Ogni periodo storico ha la sua ”narrativa” come si usa dire adesso. È un modo di dire che non mi piace affatto, perchè mette ogni versione dei fatti sullo stesso piano, annullando la verità storia, o semplicemente negandola. Per me, al di là delle sfumature, esiste una ”narrativa” vera, e una falsa. Ai tempi della Guerra Fredda quella falsa che prevaleva in Europa era relativa al “movimento per la Pace”: da una parte il mondo degli amanti della Guerra, con in testa gli Stati Uniti e tutto il capitalismo e l'imperialismo internazionale in marcia dietro di loro, e dall'altra parte un rinnovata versione del “Quarto Stato” di Giuseppe Pellizza da Volpedo che avanzava in funzione terzomondista e antimperialista. Il tempo ha detto la sua, ma fino a un certo punto.

Abu Mazen. "uomo di pace", vero Santo Padre?

Chi conosce il Medio Oriente lo sa: la narrativa più falsata possibile è quella che riguarda il conflitto Israelo- Palestinese, le responsabilità della pace e della guerra, il senso dei continui inveterati rifiuti palestinesi a ogni proposta territoriale, i motivi dello spietato terrorismo palestinese travestito da lotta per la libertà. In questi giorni un revival di menzogne, dopo un certo periodo in cui la loro irrilevanza è apparsa evidente, accompagna la conferenza economica di Manama, nel Bahrein, che gli americani hanno convocato, gli arabi sunniti approvano e condividono, Israele vi ripone, benchè non invitato, qualche speranza, e invece i Palestinesi, in compagnia degli Hezbollah, dell'Iran e altri del genere, respingono con tutte le loro forze dandone una versione difficile persino da capire nella sua assurdità. Abu Mazen da una parte ripete che i Palestinesi hanno bisogno di contributi benefici da parte di tutti i Paesi del Mondo (anzi, ora propone un'altra conferenza parallela a Macron e a Putin), dando quindi conferma che sono il popolo più sussidiato che esista (esistono molte statistiche in proposito), rifiuta però il consueto versamento di Israele perchè decurtato, e vorrei vedere, dei contributi ai terroristi in carcere e alle loro famiglie. Allo stesso tempo Abu Mazen si oppone con grandiosa fierezza, facendo il volto delle armi e invitando a “giornate della rabbia”, ovvero di violenza, alla proposta americana, del presidente Trump. Come ha spiegato il consigliere e genero di Trump Jared Kushner in Bahrein si tratta di convogliare 50 miliardi di dollari verso un futuro dignitoso e finalmente desiderabile per i palestinesi. Gaza si limita a ringhiare parole come ricatto, o furto, e a mugugnare minacce. In questo, è idealmente tuttavia unita finalmente col suo consueto antagonista, Abu Mazen, che fa bruciare Trump e Bolton in effige nelle vie di Ramallah e insiste che la proposta americana è tutta un imbroglio fatta per intrappolare i palestinesi, la cui sacrosanta ambizione è una soluzione territoriale.

Risultati immagini per always no

Cosa ha detto Kushner? Le sue parole sono molto chiare:” Chi spera di più, e vede aprirsi opportunità per se stesso e la propria famiglia, metterà più energia nel perseguimento di quelle opportunità, invece di biasimare gli altri per le sue sfortune. Accordarsi su un sentiero economico in avanti è una precondizione necessaria a ciò che nel passato si è mostrato come una situazione politica irrisolvibile”. La cornice del Bahrein, Paese molto vicino all'Arabia Saudita con una popolazione sciita molto rilevante (più del 70 per cento) nell'ambito di uno Stato a governo sunnita, la convergenza di tutti gli Stati disponibili a una soluzione di pace favorevole ai Palestinesi ma disposta a un'alleanza con Israele in funzione anti imperialismo iraniano, la presenza di Paesi come l'Egitto e la Giordania che hanno a loro volta bisogno di rimettere in piedi economie molto in difficoltà, è un'ingegnosa commistione di scopi che cerca di sormontare una verità storica incontrovertibile: i palestinesi non perdono occasione per perdere un'occasione quando si parla di pace con Israele, perchè il loro sogno è, ed è sempre rimasto, quello della sparizione dello Stato Ebraico stesso, che nella loro “narrativa” è una pretestuosa e illegittima avventura coloniale. Abu Mazen l'ha detto tante volte. E Hamas, l'altra parte per niente trascurabile del popolo palestinese anche se si finge sempre di dimenticarlo quando si disegnano concessioni, semplicemente prescrive nella sua Carta l'uccisione di tutti gli ebrei. Il problema è che la storia, quella vera, dice quindi che non esiste nessun motivo per credere che i palestinesi accettino una qualsiasi soluzione territoriale possibile, che tenga conto della sicurezza di Israele e dell'autodeterminazione del popolo ebraico tornato nella sua terra. Non l'hanno accettata da Rabin, da Sharon, da Barak, da Olmert, da Netanyahu... Kushner ha protestato perchè il processo di pace americano viene chiamato, sorridendo con scherno, “l'accordo del secolo”. Non di questo si tratta. Si tratta, al contrario di costruire una cornice di finanziamento e anche di controllo internazionale di un fiume di benessere che dovrebbe contenere, secondo le 28 pagine del programma, ospedali, scuole, strutture territoriali e sociali che coprano dall'acqua all'emancipazione femminile, una ponte che colleghi stabilmente l'West bank con Gaza, snellimento di tutti i sistemi di movimento, porti, aeroporto, un'università che si configuri come una palestra di eccellenze, la costruzione di moderne start up che promuovano l'ingegno e le ambizioni dei giovani. Ma Abu Mazen spinge di nuovo a indirizzare le proprie ambizioni verso lo scopo nazionalistico come punto prioritario, senza naturalmente tuttavia essere pronto a trattare e a riconoscere anche le ragioni dello Stato Ebraico, e balena per i giovani sempre il medesimo ideale osannato, propagandato, insegnato a scuola e sui social: lo shahid. Vedremo quale prospettiva vincerà. Certamente la paura del mondo dell'economia palestinese di mostrarsi disubbidienti rispetto al regime di Abu Mazen è un fattore importante, che impedisce di vedere le vere ambizioni che si muovono sotto il cielo di Ramallah, e anche quello di Gaza. Possiamo solo sperare nella capacità dei ragazzi di sognare.

Per inviare a Shalom la propria opinione, telefonare: 06/87450205, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@shalom.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT