giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Panorama Rassegna Stampa
10.11.2021 Arabia Saudita: Mohammad bin Salman resta al comando
Commento di Stefano Piazza

Testata: Panorama
Data: 10 novembre 2021
Pagina: 51
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Bin Salman prende tutto nonostante i nemici»
Riprendiamo da PANORAMA, di oggi 10/11/2021, a pag. 51, con il titolo "Bin Salman prende tutto nonostante i nemici", l'analisi di Stefano Piazza.

Immagine correlata
Stefano Piazza

Le 5 cose che non sai su... Mohammad bin Salman – Orizzonti Politici
Mohammad bin Salman

C'è un Paese apparentemente lontano, eppure a noi sempre più vicino, che tenta con fatica di guardare oltre le sue molte contraddizioni. Uno Stato al cui vertice siede oggi un uomo che intende imporsi con tutti i mezzi come leader globale. Quel Paese è l'Arabia Saudita, quell'uomo è il principe ereditario Mohammad bin Salman. Vicino a lui sono molti i nemici, specialmente all'interno della sua cerchia ristretta. Chi lo sostiene si dice pronto a cambiare il Medio Oriente. Chi lo vuole disarcionare, invece, lo descrive come un despota sanguinano. Intanto, però, l'erede al trono di Riad ha posto le basi per affrancare l'intero Levante - e di conseguenza anche l'Occidente - dalla schiavitù petrolifera. Il suo ambizioso progetto si chiama, come noto, Vision 2030. Ma lascia aperte molte incognite. A partire dal pugno di ferro con cui intende imporre quei cambiamenti, e dall'idiosincrasia per qualsiasi forma di dissenso. Cib nonostante Mbs, l'acronimo che lo ha reso famoso nel mondo, va dritto per la sua strada e ha già piegato l'economia e le leggi saudite al sogno modernizzatore, moltiplicando gli aiuti economici ai Paesi che gravitano nella sua sfera di influenza. Nella strategia globale del principe, un peso rilevante lo occupa il fondo sovrano: creato nel 1971 su basi che si direbbero agli antipodi della Vision - i cui cardini sono la diversificazione dell'economia, zero emissioni, sanità, istruzione, infrastrutture e turismo - oggi il suo valore è pari a quasi 400 miliardi di euro. E con quei soldi ha avvicinato a sé terre «difficili» ma religiosamente affini come Pakistan e Afghanistan, non meno che la diffidente Europa dove nei decenni sono affluiti miliardi di dollari, spesso per diffondere la versione più estrema dell'islam. Per dare un'idea della grave ambiguità entro cui si muove Mbs, basti dire che da un lato l'Arabia Saudita lo scorso 23 ottobre, in occasione del lancio della Saudi Green Initiative (Sgi), ha annunciato di voler raggiungere la neutralità dalle energie fossili entro il 2060. Dall'altro, però, ha annunciato che la compagnia petrolifera di Stato, Saudi Aramco, quest'estate ha scoperto nuovi giacimenti che consentiranno a Riad di aumentare le riserve petrolifere: uno di gas, denominato Hadbat al-Hajarah, è stato scoperto nella regione di al-Jouf; mentre Abraq al-Taloul, gas e petrolio, è stato rilevato ad al-Hudud alShamaliyya, al confine con l'Iraq. Il gas ha già iniziato a fluire dal serbatoio di Al-Sarra, nel campo di Hadbat Al-Hajarah, presso il confine iracheno.

Nella medesima area, vi è anche un altro giacimento, al-Qawwarah, che si dice sia in grado di produrre 67.960 metri cubi di gas naturale. Intanto, dopo aver acquistato quote di aziende nei settori più disparati - dalle costruzioni alle app globali come Uber, dai resort di lusso all'arte museale - il fondo sovrano saudita per rifarsi l'immagine si è spinto fino a investire nelle squadre di calcio più blasonate del Vecchio continente: è stato appena completato l'acquisto del Newcastle, storico club della premier league inglese, che ora pub finalmente competere con il Manchester City del principe emiratino Mansur bin Zayed Al Nahyan e con il Paris Saint-Germain di proprietà della Qatar investment authority. E, si dice, sarebbe prossimo a sbarcare anche nella serie A italiana, acquistando l'Inter dalla famiglia cinese Zhang, nonostante le smentite piccate dei diretti interessati. Nonostante i suoi sforzi, restano ombre sulla figura di Mbs, del tutto invisa a coloro che continuano a vedere nel temerario enfant prodige dei Saud una figura ossessionata dal potere, e nell'Arabia Saudita un Paese ipocrita nel dipingersi come modernizzatore perché in realtà resta ultraconservatore e oscurantista (valga l'esempio sulla difficoltà di emancipazione per le donne in una società profondamente maschilista). E che la figura di Bin Salman risulti per occhi occidentali quantomeno controversa lo ha evidenziato anche la vicenda che interessa Matteo Renzi, l'ex premier italiano che, recatosi alla corte del leader saudita e inserito nel board del Future Investment Initiative Institute, la fondazione controllata dal fondo sovrano dell'Arabia Saudita, ha definito Vision 2030 e la missione modernizzatrice di Mbs come un «nuovo Rinascimento». Saad bin Khalld Al Jabri accusa Bin Salman dl aver pianificato l'omicidio del defunto re Abdullah. A sinistra, il documento della corte canadese che congela I beni ad Al Jabri, su mandato di Mbs. Tacciato di essere prezzolato e di blandire un personaggio scomodo e non in linea con gli standard europei su questioni quali i diritti umani, Renzi ha fatto fatto spallucce; tuttavia i molti episodi oscuri che coinvolgono Mbs dovrebbero suggerire, specie per un senatore della Repubblica, un ben più prudente approccio. Il riferimento è al caso del giornalista e dissidente Jamal Ahmad Khashoggi, scomparso nell'ambasciata saudita di Istanbul nel 2018 in circostanze mai chiarite e che, secondo i «detrattori» (tra cui l'intelligence statunitense) sarebbe stato ucciso e il suo corpo smembrato da sicari venuti appositamente dall'Arabia Saudita per impedirgli di criticare a livello internazionale Mbs.

Il principe ereditario ha comunque problemi anche in casa: «È uno psicopatico assassino con risorse infinite, che rappresenta una minaccia per il suo popolo, per gli americani e per il pianeta»: così, durante la trasmissione della Cbs 60 minutes Overtime, lo scorso 24 ottobre lo ha definito Saad bin Khalid Al Jabri, ex alto funzionario dell'intelligence saudita, in esilio in Canada dal maggio 2017. L'uomo ha accusato l'erede al trono di Riad di aver pianificato addirittura l'omicidio del defunto re Abdullah per mezzo di un veleno nascosto in un anello (anche se, a dirla verità, il re si è spento serenamente all'età di 90 anni nel suo letto). Le parole di Mbs riportate da Al Jabri puntano a inchiodare il principe alle sue responsabilità. Già nell'agosto del 2020, ed ex appartenente all'intelligence saudita, aveva riferito che il principe aveva inviato in Canada una Hit Squad - ovvero una squadra di sicari - per «tappargli la bocca per sempre». Era l'ottobre 2018, la stessa epoca del caso Khashoggi. Nessuna prova è stata portata a sostegno. Intanto, però, i beni di Al Jabri in Canada sono stati congelati. Non solo, grazie all'influenza saudita in Nord America anche i figli dell'accusatore Omar e Sarah, di 23 e 21 anni, sono finiti in carcere dopo che un tribunale di Riad li ha condannati per riciclaggio di denaro sporco, cospirazione e tentata fuga dal regno. Tutte accuse che la famiglia Jabri ha sempre respinto, e in riferimento alle quali ha chiamato in causa persino il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, pregandolo di intervenire: «Devo parlare apertamente. Faccio appello al popolo americano e all'amministrazione Usa per aiutarmi a liberare i miei figli» ha dichiarato l'oppositore del principe ereditario. Tali accuse, vere o forzate che siano, rappresentano in ogni caso l'ennesimo capitolo della faida familiare per l'eredità Matteo Renzi dopo la sua prima visita in Arabia Saudita, ritratto dallo street artist Harrygreb su un muro nel centro di Roma. politica dell'Arabia Saudita, che nel ricambio generazionale si appresta a vedere la nuova leadership del Paese radicalmente modificata, non appena Re Salman (oggi 95enne) abdicherà in favore del 36enne principe. Così, mentre nei palazzi del potere di Riad si consuma una battaglia senza esclusione di colpi tra membri della famiglia Saud, uomini delle istituzioni e parenti più o meno lontani del Re, nelle aule di tribunale di Stati Uniti, Canada e Arabia Saudita va in scena la partita mediatica che vede il principe opporsi ai suoi detrattori. Come sempre, insomma, tutto continua ancora a ruotare intorno ai petrodollari: il principale accusatore di Mbs, Al Jabri, per esempio, ha lavorato per anni al servizio del principe Mohammad bin Nayef, l'ex capo dell'intelligence saudita che guidò la lotta al terrorismo contro al Qaeda e gestiva con Al Jabri la Sakab Saudi Holding Company: una società collegata a una serie di controllate che erano di fatto società di copertura dei servizi segreti sauditi utilizzate nella lotta il terrorismo internazionale. Dopo che Mbs ha allontanato suo cugino Bin Nayef, la Sakab Saudi Holding Company è stata messa sotto il controllo di un nuovo direttore, a lui fedele. A quel punto lo scontro si è fatto più duro. Niente, però, sembra poter fermare il futuro re dell'Arabia Saudita. Il mondo e i suoi avversari sono avvisati.

Per inviare la propria opinione a Panorama, telefonare: 02/678481, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@panorama.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT