domenica 17 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






L'Espresso Rassegna Stampa
10.10.2021 Libano a picco nel regno del terrore di Hezbollah
Commento di Francesca Mannocchi

Testata: L'Espresso
Data: 10 ottobre 2021
Pagina: 44
Autore: Francesca Mannocchi
Titolo: «E Hezbollah in asse con l'Iran miete consensi»
Riprendiamo dall' ESPRESSO di oggi 10/10/2021, a pag.44, con il titolo "E Hezbollah in asse con l'Iran miete consensi", l'analisi di Francesca Mannocchi.

the Dry Bones Blog: the Beirut Blast
La vignetta di Dry Bones: il Libano ha lasciato a Hezbollah la gestione della sicurezza al porto di Beirut: ecco i risultati

Tre crisi, la mancanza di valuta straniera, quella di carburante e quella elettrica, legate l'una all'altra. La carenza di dollari ha reso difficile il pagamento di approvvigionamenti, le petroliere in attesa in porto di essere pagate si rifiutano di scaricare. Qualcuno rescinde i contratti. Come i turchi di Karpowership, la società che contribuiva a un quarto della produzione di energia del Libano e che, a fronte di pagamenti scaduti, la settimana scorsa ha interrotto la fornitura di elettricità. Dopo l'annuncio della sospensione turca il Paese è andato per ore in blackout. Electricité du Liban, il fornitore statale di energia che per mesi non è riuscito a garantire più di un'ora o due di energia al giorno su base continuativa in tutto il Paese, ha avvertito che la rete potrebbe andare offline in qualsiasi momento a causa di problemi infrastrutturali e carenza di carburante necessario per far funzionare le centrali elettriche. E solo l'ultima tappa della crisi energetica del Paese che scivola verso una ulteriore diminuzione della fornitura di elettricità, mentre in tutte le città fiorisce il mercato nero di carburante e generatori privati. Per loro i rifornimenti sono garantiti, la rete di contrabbando è solida in ogni settore. Chi può paga, chi non può resta al buio.

A guadagnare consenso dalla crisi elettrica è Hezbollah. Ad agosto il capo di Hezbollah, Hassan Nasrallah, aveva annunciato che una petroliera iraniana era in viaggio per aiutare il Libano, un supporto per la popolazione, certo, ma anche una sfida a Stati Uniti e Israele. Poche settimane dopo, il 16 settembre, 20 camion contenenti carburante iraniano sono entrati nel nordest del Libano dalla Siria, hanno attraversato le strade di Baalbek tra le bandiere di Hezbollah, tra la gente in piazza che acclamava il successo dei benefattori. Sebbene la mossa abbia violato le sanzioni statunitensi per chiunque faccia affari con il governo siriano, ha comunque rappresentato un sollievo per la popolazione libanese, Nasrallah ha destinato il carburante a ospedali, orfanotrofi e alla Croce rossa libanese. La mossa di Hezbollah è chiara: Nasrallah vuole accreditarsi come il salvatore del Paese e un benefattore e sa che questa crisi è una opportunità di consenso, Hezbollah cerca così di convincere la popolazione che la crisi sia determinata non tanto e non solo da una cattiva gestione del potere ma dalle sanzioni statunitensi all'Iran. L'utilità è poca, evidentemente, è una medicina che tampona ma non cura. Eppure ha un effetto domino di propaganda: gli americani non hanno fermato la petroliera, di fatto lasciando spazio aperto all'azione muscolare di Hezbollah, salvo poi annunciare che avrebbero agevolato l'arrivo di gas e elettricità da Egitto e Giordania attraverso la Siria. Gli americani, che non possono permettersi di imporre sanzioni a una popolazione in ginocchio, esenteranno i Paesi che conducono affari con la Siria dalle sanzioni facilitando le linee di credito assicurate dalla Banca Mondiale al Libano. Si vedranno col tempo gli effetti di questa strategia. Affidarsi cioè alla Siria per contrastare l'Iran in Libano, quello che è certo, a oggi, è che agevolare l'arrivo di carburante iraniano nel paese contribuirà a rafforzare e potenziare Hezbollah, che non risolverà la crisi energetica ma vincerà la guerra della propaganda al grido di «Nasrallah ha rotto l'assedio americano».

Per inviare all' Espresso la propria opinione, telefonre: 06/84781, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


letterealdirettore@espressoedit.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT