domenica 16 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
25.05.2024 Preghiera islamica a Torino. L’Unione Associazioni Italia Israele denuncia
Finalmente ci rivediamo in tribunale

Testata: Informazione Corretta
Data: 25 maggio 2024
Pagina: 1
Autore: Celeste Vichi
Titolo: «Denuncia fatti Università di Torino»

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dell'UAII (Unione Associazioni Italia Israele) con il quale l’Avv. Luigi Florio del Foro di Asti annuncia la denuncia-querela presso la Procura del Tribunale di Torino 

Celeste Vichi, presidente nazionale Unione Associazioni Italia-Israele
Unione Associazioni Italia Israele

Livorno, lì 24 maggio 2024

L’Unione Associazioni Italia Israele (UAII) depositerà denuncia-querela presso la Procura del Tribunale di Torino affinché siano individuate le condotte e le responsabilità di coloro che il 17 maggio scorso hanno tenuto interventi ed orazioni – anche a contenuto religioso - inneggianti al jhad islamico all’interno dell’Università degli Studi di Torino e nei confronti di tutti coloro che abbiano autorizzato e/o omesso di vigilare ed impedire che tali manifestazioni inneggianti all’odio razziale si tenessero presso un Ufficio – quale quello dell’Università - che svolge un servizio pubblico, con conseguente interruzione dello stesso, richiedendo, altresi, che l’Autorità Giudiziaria indaghi anche nei confronti di tutte quelle organizzazioni che possano aver sostenuto tali condotte.

L’UAII ritiene sia stata irrimediabilmente lesa la laicità dell’Università che deve rimanere un luogo di confronto dialettico e aperto al dialogo, all’interno del quale è inammissibile che vengano propalate le teorie inneggianti all’odio razziale, etnico e religioso sostenute da Hamas, Daesh, Hezobollah e da altre organizzazioni indicate come terroristiche dall’Unione Europea.

L’UAII – rappresentata dall’Avv. Luigi Florio del Foro di Asti, Presidente dell’Associazione Italia Israele di Asti – si costituirà parte civile nell’istaurando procedimento penale contro i responsabili.

Celeste Vichi
(Presidente Unione Associazioni Italia Israele)


takinut3@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT