martedi` 25 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
08.05.2024 La sinistra demonizza Netanyahu perchŔ ha paura di nominare i veri responsabili della guerra
Diario di guerra di Deborah Fait

Testata: Informazione Corretta
Data: 08 maggio 2024
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «La sinistra demonizza Netanyahu perchŔ ha paura di nominare i veri responsabili della guerra»

La sinistra demonizza Netanyahu perchŔ ha paura di nominare i veri responsabili della guerra
Diario di guerra di Deborah Fait

Sandra Amurri, una delle pi¨ assidue accusatrici di Israele, sempre ospite di Quarta Repubblica di Porro. Arriva a dire che Israele non Ŕ una democrazia e non garantisce libertÓ di culto, quando invece Ŕ l'unico paese mediorientale democratico in cui tutte le religioni sono praticate liberamente. E poi sghignazza! Dai, Porro, non hai niente di meglio?

Mi trovo in Italia per un periodo e devo dire che sono stata piacevolmente sorpresa dalla solidarietÓ che amici e conoscenti hanno voluto esprimere a Israele. Certo, le persone che mi sono vicine hanno cervelli pensanti nonostante siano quotidianamente bombardati da alcuni media che fanno venire la pelle d'oca per ignoranza vera o presunta; o per presa di posizione pro-Pal derivata da una perfetta propaganda palestinese, molto simile a quella nazista dei tempi di Goebbels.

Quarta Repubblica, condotta peraltro da un Nicola Porro, dichiarato amico di Israele, ad ogni puntata invita (probabilmente per la par condicio) qualche personnaggio di sinistra o apertamente comunista, ideologia nefasta che dovrebbe essere dichiarata fuori legge al pari del fascismo. Da qualche puntata Nicola Porro invita la giornalista del Fatto Quotidiano, Sandra Amurri, che ha la particolaritÓ di dire cose indegne contro Israele. Ridendo divertita. E' evidente che l'unica a divertirsi sia lei perchŔ nessuno sorride alle sue battute razziste, anzi il pi¨ delle volte, i presenti, quelli non obnubilati dall'odio, protestano, seppur debolmente. Nell'ultima puntata di Quarta Repubblica del 5 maggio, dopo varie discussioni sui poverissimi palestinesi, lei, la Amurri, in evidente contrasto con Fausto Biloslavo, ha avuto un momento di grande ispirazione comunista, ed ha sentenziato "Israele non Ŕ una democrazia perchŔ ammette una sola religione". Si Ŕ sentito l'urlo di Biloslavo ma Porro, sbagliando, poichŔ la menzogna era troppo enorme, ha interrotto la discussione, conclusasi con le utlime parole insane della giornalista: "Israele non Ŕ pi¨ una democrazia dal giorno in cui hanno ammazzato Rabin". Ebbene, che dire? Spero che chi di dovere, gentilmente le ricacci quelle parole in gola.

Nel frattempo desidero informare la signora che in Israele sono presenti tutte le fedi con uguali diritti. Facciamo un breve elenco sempre per difetto: I Baha'i, fuggiti dall'Iran causa persecuzioni, a Haifa hanno edificato un tempio annoverato tra le meraviglie del mondo. I cristiani, in tutte le loro diversitÓ, protestanti, cattolici, evangelici, anglicani, ortodossi, pentecostali, vivono perfettamente integrati nella societÓ ebraica. Abbiamo inoltre in Israele due milioni di musulmani che praticano la loro religione senza alcun problema. Non posso escludere naturalmente la nostra piccola ma amatissima comunitÓ drusa con la sua religione segreta. Naturalmente la religione predominante in Israele Ŕ l'ebraismo, questo fatto infastifisce la signora Amurri che ride raccontando menzogne e ride ancora di pi¨ quando demonizza Israele.Penso che si dovrÓ rassegnare al fatto che Israele Ŕ il paese dove vive la maggior parte degli ebrei del mondo. Dovrebbe spiegarmi, la ridanciana Amurri, cos'Ŕ la non democrazia di Israele; qui tutte le fedi hanno la medesima importanza nonostante la maggioranza sia ebrea.

Ho notato inoltre, e la cosa si sta facendo seria e seriale, che nei talk show, anche quelli pi¨ equilibrati, si tende a dipingere Netanyahu come il demonio responsabile di questa guerra. E' in atto il tentativo immorale di dare a chi ha reagito al peggiore pogrom della storia post Shoah, la responsabilitÓ di quello che ne Ŕ seguito. E' semplicemtne osceno. Lo Ŕ altrettanto il desiderio di dimenticare i veri responsabili di quanto sta accadendo dei morti ebrei, dei nostri soldati uccisi, degli ostaggi di cui nessuno si interessa pi¨. Al contrario sono volutamente e colpevolmente ignorati l'assassino Yahyah Sinwar, ideatore dei massacri del 7 Ottobre. Il capo degli assassini , Ismail Haniye, residente in Qatar, come l'altro boss dell'organizzazione terroristica Khaled Meshal. Questo terzetto di organizzatori di morte non viene mai ricordato dagli opinionisti e mi chiedo perchŔ. Non sono sufficientemente famosi? E' forse molto meno pericoloso attribuire a Netanyahu tutte le colpe , sicuri che mai nessuno sarÓ punito per questo. Accusare i tre terroristi potrebbere risultare molto pi¨ pericoloso.

Concludo, ma ribadisco, con tutte le mie forze che Israele, circondato da paesi che ne vogliono l'annientamento, da sempre attaccato da guerre e terrorismo, odiato da gran parte del mondo, ha avuto la forza di restare una grande e limpida democrazia. questo Ŕ uno miracoli di Israele e per questo sentire le voci sinistre e becere della sinistra, mi indigna come la pi¨ grande delle ingiustizie contro questo meraviglioso paese, rimasto naive e privo
di odio, anche in una delle pi¨ grandi tragedie vissute dalla sua fondazione.

Deborah Fait
Deborah Fait


takinut3@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT