lunedi` 20 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
17.04.2024 Gridiamo forte: Donna, Vita, Libertà insiemne a Am Israel Chai
Diario di guerra di Deborah Fait

Testata: Informazione Corretta
Data: 17 aprile 2024
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Gridiamo forte: Donna, Vita, Libertà insiemne a Am Israel Chai»

Gridiamo forte: Donna, Vita, Libertà insiemne a Am Israel Chai
Diario di guerra di Deborah Fait

Graffiti a Teheran: “Israele vai avanti e colpisci – loro non hanno il coraggio per rispondere”

Un bellissimo ed esplicativo articolo pubblicato da Israele.net  racconta come moltissimi iraniani sostengano Israele. Sono apparse sui muri delle case di Teheran scritte che chiedono di andare avanti, di colpire perché “Loro se la sono fatta sotto”. Colpisci ancora, Israele, colpisci, questo è quello che supplicano! In Francia, dove gli esuli sono tanti, ci sono state manifestazioni di iraniani e ebrei insieme come fratelli, con le loro bandiere e i loro inni. In Israele gli ebrei fuggiti dall’Iran parlano del loro paese di origine chiamandolo Paras, Persia. Iran è un nome che sentono nemico e che non li rappresenta. Sentimenti simili si trovano sui social network, accompagnati da foto di Ciro Rezah, l’erede del defunto Shah di Persia Rezah Pahlevi. Settimane fa è apparsa una grande bandiera israeliana su un’autostrada che portava a Teheran e la scritta enorme: “Am Israel Chai” (Il popolo di Israele vive). Queste stesse parole sono state cantate e gridata durante le manifestazioni di Parigi. Solo Israele può liberare il popolo persiano dai barbuti in turbante che hanno le mani sporche del sangue del loro popolo. Nel 2023 sono state giustiziate più di 400 persone, donne, omosessuali, dissidenti, sono finiti tutti appesi nelle piazze. La pena di morte serve a terrorizzare e a spegnere le proteste ma inutilmente perché il popolo persiano è pieno di coraggio, soprattutto le donne. In Israele vive da tempo la comunità Baha’i che possiede a Haifa uno dei templi più belli del mondo e il più grande. Il Tempio e in suoi famosi giardini a terrazzo sono stati designati dall’Unesco come “patrimonio dell’Umanità”. I Baha’i sono fuggiti dall’Iran perché ferocemente perseguitati dai musulmani e lo sono ancora in tutti i paesi arabi e islamici. Hanno trovato rifugio in Israele dove hanno costruito il loro bellissimo tempio con la cupola dorata e marmi italiani.

Graffiti a Teheran: “Colpiscili più forte la prossima volta, Israele, se la sono fatta sotto”

Eppure in questo strano mondo che ci circonda e che incomincia a farmi schifo, c’è chi adora l’islam con tutti i suoi orrori e odia la democrazia israeliana. Sono malati di antisemitismo e di terzomondismo ed è semplicemente rivoltante che ci sia qualcuno, il prof Orsini tanto per non far nomi, che continua a negare che ci sia stato l’Iran dietro il pogrom del 7 Ottobre. E, sempre per non far nomi, Alessandro Di Battista che, nel programma di Giovanni Floris dice ogni settimana cose rivoltanti per cui dovrebbe essere chiamato in giudizio. Ma chi lo fa? Ma perché nessuno lo denuncia? Un soggetto del genere sono anni che fa propaganda di odio antisemita, contro la legge Mancino che dice esattamente: “La legge 25 giugno 1993, n. 205 è un atto legislativo della Repubblica Italiana che sanziona e condanna frasi, gesti, azioni e slogan aventi per scopo l’incitamento all'odio, l'incitamento alla violenza, la discriminazione e la violenza per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali.”

“Siamo l’Iran, non la Repubblica islamica” ha postato su X l’ex leggenda del calcio iraniano Ali Karimi, 45 anni, a suo tempo conosciuto come “il Maradona dell’Asia”. 

Queste persone indegne sono anni che esprimono il loro odio contro Israele in televisione, davanti a milioni di spettatori, e nessuno protesta. È uno scandalo nello scandalo.

Israele attaccherà l’Iran e lo farà quando meno se lo aspetta. Quell’80% di iraniani che si sentono ancora persiani e vogliono essere liberi e moderni, sanno che solo Israele più far cadere il regime assassino degli ayatollah. Per questo sventoliamo insieme le nostre bandiere, La Stella di Israele e il Leone di Persia, e gridiamo forte, fortissimo:

“Donna, Vita Libertà” e “Il Popolo di Israele Vive”.

Deborah Fait
Deborah Fait


takinut3@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT