domenica 21 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
31.03.2024 Il burattinaio di Teharan e il mercanteggiamento degli ostaggi
Commento di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 31 marzo 2024
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «Il burattinaio di Teharan e il mercanteggiamento degli ostaggi»

Il burattinaio di Teharan e il mercanteggiamento degli ostaggi
Commento di Michelle Mazel
(traduzione di Yehudit Weisz)
https://www.dreuz.info/2024/03/le-marionnettiste-de-teheran-et-le-marchandage-des-otages-296108.html

Il leader di Hamas Ismail Haniyeh e l'ayatollah Khamenei, vero burattinaio del terrorismo mediorientale. Superata la vecchia inimicizia fra sciiti e sunniti per creare una coalizione volta alla distruzione di Israele

Guardatelo, comodamente seduto nella sua poltrona, tutto sorridente. L'Ayatollah Khamenei, Guida Suprema e massima autorità religiosa dell'Iran, si sfrega le mani dopo una settimana particolarmente positiva. I nemici di ieri e forse di domani servono ciecamente i suoi desideri. È lui a tirare le fila di una straordinaria coalizione sunnita. Il leader di Hamas, Ismail Hanniyeh, ha lasciato con urgenza la sua lussuosa residenza a Doha per venire a ricevere, ancora una volta, le sue istruzioni. Lui appartiene all'Islam sunnita e al movimento dei Fratelli Musulmani, mentre Khamenei è a capo dell'Islam sciita. Nel corso dei secoli, queste due correnti originate dallo stesso libro sacro, hanno combattuto battaglie sanguinose. Oggi l’uno e l’altro sognano un grande califfato islamico a propria immagine. Lo statuto di Hamas pone come obiettivo primario la distruzione di Israele e l'instaurazione di un califfato sunnita al suo posto; l’Iran sta lavorando per creare una mezzaluna sciita che comprenda l’intero Medio Oriente – compresa la Striscia di Gaza, Israele e la Giordania. Allora perché questa alleanza innaturale? Perché, al di là dei dissensi religiosi, i due uomini sono animati dallo stesso odio verso Israele, scusate, verso l’entità sionista. A lungo termine si ritroveranno nemici, ma per ora si uniscono per eliminare Israele. Il pogrom del 7 ottobre è stato pianificato ed eseguito di concerto; o meglio, l’Iran avrebbe contribuito bloccando le comunicazioni. I  terroristi di Hamas hanno massacrato più di mille civili indifesi in un solo giorno e se ne sono andati trionfalmente portandosi dietro 253 ostaggi: uomini, donne e bambini, il più piccolo un neonato di nove mesi. Simultaneamente, migliaia di missili erano stati sganciati contro lo Stato ebraico, che allora ha lanciato una grande offensiva per liberare gli ostaggi e per assicurarsi che Hamas non potesse mai più minacciare la sua popolazione.
La Turchia, altra potenza sunnita che sogna la rinascita dell’Impero Ottomano, sostiene Hamas per convinzione religiosa e accoglie molti dei suoi leader – senza preoccuparsi dell’impatto della sua posizione sui turisti israeliani che affluiscono ogni anno, quasi settecentomila nel 2022 – negli hotel a cinque stelle “tutto compreso” dell’Anatolia. È un fedele alleato del Qatar, sede del potente canale televisivo Al Jazeera, organo semi-ufficiale dell'islam sunnita. Ma l’Iran mobilita anche i suoi partner sciiti, gli Hezbollah, pronti a sacrificare il Libano per soddisfare il loro capo, e gli Houthi dello Yemen, che gli Ayatollah sostengono pienamente nella loro lotta spietata contro la grande potenza sunnita che è l’Arabia Saudita.
E gli ostaggi, direte? L'Iran non se ne cura. La continuazione della guerra riempie di gioia gli Ayatollah. Secondo i media iraniani, durante il loro incontro, la Guida Suprema ha elogiato Hanniyeh per aver galvanizzato il sostegno mondiale in favore dei palestinesi e contro Israele, esprimendo soddisfazione per il fatto  che la propaganda del gruppo ha surclassato i tentativi di Israele di ottenere un sostegno internazionale. Infatti, i rapporti tra lo Stato ebraico – il Piccolo Satana come viene soprannominato a Teheran – e il suo principale sostenitore, il Grande Satana americano, stanno attraversando una crisi senza precedenti.
Nel frattempo, chi si preoccupa del programma nucleare che continua a svilupparsi in Iran?

Immagine correlata
Michelle Mazel


takinut3@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT