venerdi 19 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
05.12.2023 Lo sapevate ? La guerra uccide
Commento di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 05 dicembre 2023
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «Lo sapevate ? La guerra uccide»
Lo sapevate? La guerra uccide
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)

Egypt declares Hamas 'a terrorist organization' | CBC News
Militanti di Hamas


Son trascorsi quasi sessanta giorni da quando Hamas ha inviato oltre confine i suoi assassini assetati di sangue per torturare e massacrare dei civili israeliani innocenti - giovani e vecchi, uomini, donne e bambini, e rapirne degli altri. Ma è solo oggi che il mondo scopre con stupore che la guerra scatenata dall’organizzazione terroristica al potere a Gaza, sta uccidendo anche dei civili palestinesi. Perché i 265 giovani sorpresi durante un rave party all'aperto, o un paio di migliaia di abitanti dei kibbutz, uccisi il 7 ottobre con modalità di un’atrocità insopportabile, non suscitano la stessa indignazione. Del resto, sono passati quasi due mesi, quindi chi se ne ricorda! Da qui l'attuale incomprensione e protesta di Hamas. Ma come ? Israele si è permesso di rompere la tregua? Di bombardare indiscriminatamente nella Striscia di Gaza? Di sospendere l'ingresso di una parte degli aiuti umanitari? Con il pretesto che Hamas non ha fornito in tempo una nuova lista di ostaggi da scambiare? Come condizione della tregua, aveva sicuramente approvato la lista delle donne e dei bambini rapiti sul suolo israeliano che avrebbero ritrovato la libertà, ma è colpa sua se la situazione nella Striscia di Gaza è così caotica da non riuscire a localizzarli tutti, e neppure di sapere se sono ancora vivi? Se alcune persone sono morte, come quel bambino paffuto di dieci mesi, il suo fratellino di quattro anni e sua madre, è ovviamente colpa dell’“occupazione”; per quanto riguarda il perché del rapimento di un bambino, è ovviamente per fare pressione sull’“occupante”. E per quanto riguarda quel primo missile, lanciato due ore prima della scadenza della tregua sui kibbutz nei dintorni di Gaza, esso è servito per far capire a Israele che Hamas non si lasciava intimidire dal suo ultimatum. Ciò non giustifica in alcun modo la ripresa degli attacchi israeliani e le vittime innocenti di questa risposta sproporzionata. E che non si venga a dire che ciò sia dovuto al fatto che i leader di Hamas stanno usando gli abitanti di Gaza come scudi umani. In quale altro modo potrebbero proteggersi dalla macchina da guerra dei maledetti sionisti? Un argomento che sembra efficace, perché le condanne piovono da tutte le parti. “Troppi palestinesi innocenti sono stati uccisi. Francamente, la portata della sofferenza, così come le immagini e i video che ci arrivano da Gaza, sono devastanti”, ha dichiarato la vicepresidente americana Kamala Harris alla COP28 di Dubai. “Israele deve fare di più per proteggere i civili innocenti”, ha aggiunto. Peccato che non condanni Hamas, che non faccia nulla per proteggere i suddetti civili innocenti, anzi il contrario, poiché costituiscono la sua prima linea di difesa. Peccato, soprattutto, che non dia qualche consiglio utile all'esercito israeliano sul modo migliore di operare contro un nemico i cui militanti sparano da scuole, ospedali o moschee dove sono depositate munizioni, armi e missili.

Immagine correlata
Michelle Mazel

takinut3@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT