venerdi 01 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
14.05.2023 L'estrema destra tedesca arriva allo Yad Vashem
Analisi di Ben Cohen

Testata: Informazione Corretta
Data: 14 maggio 2023
Pagina: 1
Autore: Ben Cohen
Titolo: «L'estrema destra tedesca arriva allo Yad Vashem»
L'estrema destra tedesca arriva allo Yad Vashem
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz) 


Monumento in memoria dell'Olocausto Yad Vashem (Gerusalemme) - Tripadvisor
Lo Yad Vashem

Fin dalla sua fondazione nel 1953 con un atto della Knesset, lo Yad Vashem di Gerusalemme è servito in modo ammirevole come memoriale nazionale di Israele per la Shoah. Milioni di visitatori sono passati attraverso le sue porte, insieme ad un gran numero di studiosi e giornalisti che hanno beneficiato della sua biblioteca di prim’ordine e di altre risorse per la ricerca. Eppure allo Yad Vashem non tutto è rose e fiori. Come ogni istituzione israeliana, non può proprio evitare le pressioni quotidiane di contingenze politiche in  competizione tra loro. Deve lottare anche con i limiti della sua disponibilità a essere cooptato al servizio della politica estera israeliana, specialmente quando tale politica richiede di essere cordiale con Paesi che vantano il primato del negazionismo della Shoah, come l'Egitto, o della distorsione dell'Olocausto, come succede in questi giorni in gran parte dell'Europa orientale.
Nell'ultimo decennio questa sfida è diventata più difficile poiché partiti e politici populisti, che a volte sembrano assimilabili alla destra e altre volte alla sinistra, hanno registrato importanti successi elettorali in Europa e negli Stati Uniti. Tra questi c'è Alternativa per la Germania (AfD), un partito anti-immigrati di estrema destra con una malsana nostalgia per il passato della Germania, che attualmente occupa 81 dei 736 seggi del Bundestag, il Parlamento federale tedesco, avendo ottenuto oltre il 10% dei voti nazionali alle elezioni federali del 2017 e del 2021. La maggior parte del veleno dell'AfD è riservata agli immigrati, coerentemente con la sua convinzione della “Teoria della grande sostituzione.”  Consolidata nel secolo scorso, essa postula che la civiltà bianca e cristiana sia stata indebolita e spostata dall'arrivo di un gran numero di immigrati di colore, principalmente musulmani. Come per tutte le teorie del complotto, il suo potere risiede nella capacità di fornire ai seguaci, un quadro interpretativo semplice e orientato all'azione, allo stesso tempo incoraggiandoli a respingere le opinioni rivali come propaganda del potere. E sebbene la teoria non sia esplicitamente antisemita, è stata sostenuta da dichiarati antisemiti che considerano l'immigrazione di massa semplicemente come una ulteriore arma di una vasta cospirazione ebraica globale. Tra loro c'è Robert Bowers, l'uomo neonazista armato, che ha ucciso 11 fedeli ebrei, in maggior parte anziani, nella sinagoga Tree of Life di Pittsburgh nell'ottobre del 2018. “ HIAS (un’organizzazione ebraica umanitaria che si occupa dell’integrazione dei rifugiati) lavora per  introdurre degli invasori che uccidono la nostra gente,” ha scritto Bowers su Gab, la piattaforma alternativa dei social media, poco prima di compiere la sua atrocità. “Non posso restare a guardare la mia gente che viene massacrata.”

Naturalmente, ci sono gradazioni di estremismo, e la maggior parte dei parlamentari dell'AfD aborrirebbe senza dubbio la violenza e rinnegherebbe un cinico assassino come Bowers. Ciò non di meno, condividono fondamentali idee simili su nazionalità e identità, il che significa che l'AfD è costretto a sviluppare il suo marchio di nazionalismo tedesco aggressivo, eludendo nel contempo le accuse di neonazismo, un'impresa non facile. I governi israeliani che si sono succeduti, hanno rifiutato di impegnarsi in qualsiasi tipo di dialogo con AfD, nonostante l'orientamento filo-israeliano del partito, comprendendo correttamente che la sua posizione ha molto più a che fare con il suo odio per i musulmani che con il suo apprezzamento per lo Stato ebraico che è emerso dalle ceneri della Shoah.

In quanto istituzione finanziata dallo Stato, Yad Vashem è obbligato a seguire questa politica, ma a volte ciò che comporta può non essere chiaro. All'inizio di questo mese, tre rappresentanti dell'AfD - due membri del parlamento e un assistente politico - hanno visitato Yad Vashem, scatenando una raffica di critiche su Twitter, che hanno rimproverato il memoriale della Shoah per aver permesso la loro presenza.
“Questo è un partito che presenta con orgoglio personaggi che chiedono la legalizzazione della negazione della Shoah, di sbianchettare le malefatte del maledetto Hitler e la rimozione del memoriale della Shoah di Berlino”, ha twittato Yoav Lewy, un giornalista israeliano residente in Germania, a Dani Dayan, direttore dello Yad Vashem.  “Trovo [la visita] un evento molto triste.” Lewy ha evocato alcune delle occasioni in cui i leader dell'AfD, avendo abbassato la guardia un po' più di quanto sarebbe stato opportuno, hanno fatto commenti offensivi riguardo alle preoccupazioni ebraiche. In un discorso del 2017, il leader dell'AfD nello Stato orientale della Turingia, Björn Höcke, ha contestato il memoriale della Shoah a Berlino dicendo che “i tedeschi sono le uniche persone al mondo che hanno piantato un monumento della vergogna nel cuore della loro capitale."

I membri dell'AfD, nel frattempo, hanno respinto la proposta di espellere Hoecke dai ranghi del partito nel maggio del 2018. Allo stesso modo, l'ex leader del gruppo parlamentare dell'AfD, Alexander Gauland, in un discorso rilasciato a giugno del 2018, aveva liquidato la dittatura nazista definendola “Un escremento di uccello su oltre 1.000 anni di storia tedesca di successo.” Poi, due anni dopo, Gauland ha respinto la proposta di istituire una festa nazionale l'8 maggio, data della vittoria degli Alleati sui nazisti, sostenendo che “non si può rendere l'8 maggio una festa per la Germania. Per i detenuti dei campi di concentramento fu un giorno di liberazione. Ma è stato anche un giorno di sconfitta assoluta, un giorno di perdita di gran parte della Germania e della perdita dell'autonomia nazionale.”

Lewy non è il solo a esprimere inquietudine al pensiero dei seguaci di queste persone che vagano per le sale dello Yad Vashem, dove viene messo a nudo tutto l'orrore della Shoah. Ma per lo stesso motivo, anche la risposta di Dayan a lui dovrebbe essere tenuta in debita considerazione, e non solo perché il Presidente dello Yad Vashem condivida la stessa cupa visione dell'AfD e del suo programma. Dopo aver chiarito che nessun funzionario dello Yad Vashem si era incontrato con la delegazione dell'AfD e che la loro richiesta di deporre una corona commemorativa trasmessa tramite l'ambasciata tedesca era stata respinta, Dayan ha espresso un punto critico. “ Lo Yad Vashem è aperto a tutti, specialmente a coloro che necessitano di un'educazione intensiva sulla Shoah”, ha affermato, chiarendo che questo insieme includerebbe anche coloro che sono identificati come “antisemiti.”

Questa è stata una riaffermazione basilare ma gradita della missione dello Yad Vashem: educare quante più persone possibile sulla verità della Shoah e sulle sue lezioni per l’oggi. In un'epoca di ciarlataneria epistemica, in cui la verità per molte persone riguarda più i sentimenti che un insieme indiscutibile di fatti, l'opportunità di educare i nostri avversari non dovrebbe essere ignorata con noncuranza, anche se ciò significa tapparsi il naso quando varcano la soglia.
Sì, dovremmo nutrire poche illusioni sull'AfD e, in effetti, su coloro che la pensano come loro e sui partiti fratelli altrove in Europa, ma non dovremmo respingerli automaticamente, in particolare quando i nostri interessi come comunità, vengono ottenuti coinvolgendoli.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

takinut@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT