venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
26.03.2023 Il sistema ha fallito: l'antisemitismo fiorisce in Francia
Analisi di Ben Cohen

Testata: Informazione Corretta
Data: 26 marzo 2023
Pagina: 1
Autore: Ben Cohen
Titolo: «Il sistema ha fallito: l'antisemitismo fiorisce in Francia»
Il sistema ha fallito: l'antisemitismo fiorisce in Francia
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)


Les grandes manifestations contre l'antisémitisme en France | Les Echos

Cinque anni fa, una sopravvissuta alla Shoah di 85 anni, Mireille Knoll , era stata brutalmente assassinata nel suo appartamento a Parigi da due intrusi, uno dei quali era un vicino che lei conosceva fin dalla sua infanzia.
L'omicidio di Knoll aveva evidenziato che per la seconda volta in meno di un anno, un'anziana signora ebrea francese che viveva da sola, era stata uccisa per la sola colpa di essere un’ebrea. Nell'aprile del 2017, Sarah Halimi , una vedova di 65 anni, era stata uccisa dopo che un intruso - come nel caso di Knoll, un vicino di casa del quartiere popolare in cui lei viveva - aveva fatto irruzione nel suo appartamento, l'aveva picchiata selvaggiamente e poi l'aveva spinta giù da una finestra del terzo piano, urlando slogan islamisti e antisemiti durante tutto il suo calvario.
Il tentativo di assicurare alla giustizia l'assassino di Halimi, Kobili Traoré, si era trasformato in una farsa offensiva dopo che nell'aprile del 2021, la massima Corte d'appello francese lo aveva ricusato da un processo, sostenendo che la sua assunzione di cannabis la notte dell'omicidio lo aveva reso temporaneamente pazzo e quindi non responsabile delle sue azioni, una decisione che aveva spinto il Crif, l'organismo che rappresenta gli ebrei francesi, di solito molto discreto, a dichiarare che “ora nel nostro Paese si possono torturare e uccidere degli ebrei impunemente.”                             

Ma più tardi quello stesso anno, a novembre, il processo ai due assassini di Knoll, la sua vicina Yacine Mihoub e il suo complice Alex Carrimbacus, raggiunse il giusto esito. Mihoub è stato condannato all'ergastolo, Carrimbacus si è preso 15 anni e Zoulikha Kellaf, la madre di Mihoub, ha avuto una pena di tre anni per aver pulito il coltello usato per infiggere undici colpi sul corpo della signora Knoll, prima di appiccarle il fuoco.
Sarebbe confortante riferire che queste due atrocità, insieme alla crudele negazione della giustizia elementare alla famiglia Halimi, hanno suscitato un'ondata di simpatia in Francia nei confronti della Comunità ebraica del Paese, insieme alla determinazione a sradicare il violento antisemitismo. Invece, tutto è rimasto come prima: i politici del centro esprimono indignazione, i crimini d'odio e la violenza antisemita continuano a un ritmo analogo, e un entusiasmo per esprimere tropi antisemiti da parte dell'estrema destra, dell'estrema sinistra e dei gruppi islamisti che si sono annidati tra le varie comunità musulmane francesi.

Dalla morte di Knoll, almeno altri due ebrei sono stati uccisi in circostanze sospette: Jérémy Cohen, 31 anni, che è stato investito da un tram mentre fuggiva da una banda che lo aveva aggredito nel sobborgo parigino di Bobigny, apparentemente dopo aver visto la sua kippah, e l'89enne René Hadjaj , spinto dal 17° piano del suo condominio a Lione, sempre da un vicino che, secondo quanto riferito, conosceva bene. Eppure non c'è stata alcuna sollecitudine da parte delle autorità di indagare e consegnare i colpevoli alla giustizia.
In aggiunta, sono fioriti nello stesso periodo i meme antisemiti, alimentati dalle proteste sociali in Francia scatenate dal movimento dei gilets jaunes (“gilet gialli”), insieme alle teorie del complotto sulle origini e la responsabilità della pandemia di COVID-19.
La scorsa settimana un rilevamento, condotto dall'organizzazione di sondaggi Ipsos per conto del Crif , ha portato ulteriori notizie che fanno riflettere. La notizia inquietante è che i giovani sono più suscettibili all'ideologia antisemita rispetto ai loro anziani. Ben il 42% degli intervistati sotto i 35 anni aderisce a sei o più pregiudizi antisemiti, mentre il 16% della stessa fascia di età ritiene che l'esodo di massa degli ebrei francesi sarebbe "una buona cosa per la Francia". Queste tendenze che abbiamo in Francia sono visibili anche altrove in Europa. Ad esempio, un sondaggio condotto nei Paesi Bassi a gennaio ha rivelato che il 23% degli intervistati dei Millennial e della Gen Z ritiene che la Shoah sia un'invenzione o che il numero di ebrei assassinati dai nazisti sia stato notevolmente esagerato. Tutto questo indica – come ha sottolineato Yonathan Arfi, il capo del Crif, in un'intervista alla rivista francese Le Point – che il “sistema ha fallito.”

“Noi siamo stati a lungo convinti che l'antisemitismo si sarebbe gradualmente estinto, ma ci rendiamo conto oggi che il tempo è contro di noi,” ha detto. “Una delle spiegazioni è che l'antisemitismo è mutato e che sta assumendo nuove forme di fronte alle quali i nostri strumenti tradizionali chiaramente non sono più efficaci.”  È importante rilevare che Arfi ha riconosciuto la dolorosa verità che educare le giovani generazioni sulla Shoah non le vaccina contro l'antisemitismo. “Noi per molto tempo abbiamo pensato che insegnare la memoria della Shoah fosse il solo modo con cui avremmo potuto sconfiggere l'antisemitismo,” ha osservato.  “Penso ovviamente che resti un elemento fondamentale, ma non è più un argomento sufficiente.  Oggi ci sono discorsi di ostilità verso gli ebrei che si nutrono proprio di questo lavoro di memoria. Alcuni, per esempio, non esitano più a dire che si parla troppo di Shoah.” Parte del problema, secondo Arfi, è che il curriculum nelle scuole francesi pone l'accento sul vittimismo ebraico dall'affare Dreyfus del 1890, alla Shoah mezzo secolo dopo. Vorrebbe vedere maggiore enfasi sui contributi positivi degli ebrei alla società e alla cultura francese poiché “guardare positivamente all'esperienza ebraica in Francia è anche un modo per combattere l'antisemitismo.” Certamente, una visione più completa della storia ebraica francese sarebbe gradita, in particolare perché il sondaggio Ipsos ha evidenziato nel Paese in generale, la deplorevole ignoranza sull'ebraismo, con meno del 30% degli intervistati che mostra una conoscenza di base della vita ebraica per quello che riguarda  le regole dietetiche, l’osservanza dello Shabbat e così via. Ma c'è un problema più profondo: il sistema che ha fallito è lo stesso sistema che continua a educare.

Se i giovani sono convinti che la storia che viene loro insegnata sia essenzialmente un'invenzione, e se questa visione è rafforzata nelle loro cerchie sociali e sui social media, allora c'è ben poco che i politici, lo Stato o i loro insegnanti possano fare.
Di qui, il costante spettacolo di politici, dalla sinistra moderata al centrodestra, che lamentano l'aumento dell'antisemitismo, ma incapaci di sfidarlo in modo significativo, in Francia, in Germania e in genere nel continente.
In un'intervista con il Jewish Chronicle di Londra lo scorso novembre, Keren Knoll, nipote di Mireille Knoll, ha notato che più ebrei che mai volevano lasciare la Francia. Ha poi sostenuto che “l'antisemitismo non è solo un problema ebraico, è un problema che riguarda tutti.
I fanatici estremisti sono un problema di tutti e fino a quando non lo affronteremo in questo modo, il problema non sarà risolto.”

Tuttavia, ciò che indica il sondaggio Ipsos è che una percentuale crescente della società francese non è d'accordo sul fatto che i problemi affrontati dagli ebrei siano anche i loro problemi. Non ci sono davvero risposte facili su questo, il che spiega in parte perché gli attivisti ebrei, in particolare in Israele e in America, esortano costantemente gli ebrei a lasciare la Francia mentre esprimono irritato stupore che qualcuno di loro voglia rimanere.  A mio avviso, non dovremmo dare risalto alla visione antisemita secondo cui non c'è posto per gli ebrei in Francia, anche quando i nostri motivi per dirlo sono fondati su sentimenti di solidarietà. Quegli ebrei francesi che vogliono trasferirsi in Israele meritano incoraggiamento e sostegno materiale, ma coloro che desiderano restare hanno il fondamentale diritto umano in quanto cittadini francesi di farlo.  
Questa consapevolezza deve essere la base per ogni nuova iniziativa per affrontare questo odio ostinato.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

takinut3@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT