giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
21.01.2023 Deborah Fait risponde a una lettrice
Lettera aperta a Giorgia Meloni e Antonio Tajani

Testata: Informazione Corretta
Data: 21 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Lettera aperta a Giorgia Meloni e Antonio Tajani»

Silenzio sui brogli, italiani nel mondo: agiscano Meloni e Tajani -  RomaDailyNews

Gentile Signora Deborah, a proposito della sua lettera alla Meloni e Tajani, mi stupisce il suo stupore. Alle ultime votazioni in Italia, non volevo votare, non perché non provassi qualche simpatia per la Meloni, ma perché data la mia età, ho capito l'inutilità del voto nelle nostre democrazie e, soprattutto, che la nostra sudditanza all'Europa ci impedisce una politica interna ed estera veramente libera e autonoma : Tajani poi... è l'emblema del carrierismo di Bruxelles. Alla fine, parlando con vari amici che mi dicevano " vedrai che cambierà tutto " risposi " ok, la voto, vediamo quanto dura?": all'epoca erano in vigore, e credo lo siano ancora, i ricatti dell'Europa sui soldi del Recovery Fund (legato alla Pandemia) e sospeso per i Paesi che non riconoscevano i "valori" LGBT dell'Europa, Polonia e Ungheria. Fui contenta del discorso della Meloni al centro ebraico e dell'accoglienza che le fu fatta ma feci come nel proverbio cinese : seduta sull'argine aspettai... e infatti ! Lei mi sembra che abbia molta fiducia nell'Europa, io non più, da molti anni, anche perché l'allargamento improvviso ai Paesi dell'Est, all'epoca insegnavo Economia, mi sembrò prematuro e impreparato. Non si costruisce una casa partendo dal tetto, dissi ai miei studenti, e giorni fa ho, con piacere, sentito la stessa frase da Lucio Caracciolo. Vivo vicino alla Francia e seguo più le notizie francesi che quelle italiane anche a causa della civiltà dei loro dibattiti rispetto ai nostri e Lei non ha idea di quello che succede in Francia, giorno dopo giorno, è una mattanza ! Gli ebrei francesi sono costretti a cambiare quartiere, città e sempre più spesso Paese... L'Europa non è cambiata, Signora Deborah, anzi ! è peggiorata ! e gi ebrei sono ancora il bersaglio preferito. Cordiali saluti

Laura Ferrentino

 Gentile Laura,
Ha fatto molto bene a “sedere sull’argine e aspettare”. Ciò nonostante io continuo a sperare che si sia trattato di un incidente di percorso perché il tema riguardava montagne di soldi ai palestinesi, una ignobile abitudine delle istituzioni internazionali. Mandano loro milioni, costruiscono case nel territorio controllato da Israele ( secondo gli accordi di Oslo), perciò la notizia che Israele non avrebbe consegnato ai palestinesi tutti quei milioni, li ha fatti molto preoccupare. Tajani, che è stato a Bruxelles fino all’altro ieri, ha obbedito pedissequamente agli ordini. In Israele conosciamo bene la situazione terribile degli ebrei francesi, per la strada ormai da anni si sente parlare la lingua d’Oltralpe e città come Herzelia, a nord di Tel Aviv, sono quasi completamente abitate da francesi. Altri scappano in Canada o in USA. L’Europa non è più la casa degli europei e a pagarne lo scotto sono, al solito, gli ebrei. La situazione è tragica e, purtroppo, tende a peggiorare perché la perdita delle proprie radici non può portare a nulla di buono. Teniamo duro.
Un cordiale shalom

takinut@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT