venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
12.09.2022 IC7 - Il commento di Diego Gabutti: Putinismo e antisemitismo
Dal 4 all'11 settembre 2022

Testata: Informazione Corretta
Data: 12 settembre 2022
Pagina: 1
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «IC7 - Il commento di Diego Gabutti: Putinismo e antisemitismo»
IC7 - Il commento di Diego Gabutti: Putinismo e antisemitismo
Dal 4 all'11 settembre 2022

Anti-Semitism and the New Russian Idea » Mosaic
Vladimir Putin

Non soltanto in Italia, ma in Italia con particolare virulenza, destra e sinistra covano entrambe i sintomi del peggior morbo esotico che possa toccare oggi a una nazione: il filoputinismo (cioè l’ultima mutazione della peste rossobruna che, dopo aver devastato lo scorso secolo, si prova a devastare anche questo). Non è strano che l’Italia sia particolarmente esposta. Sarebbe anzi strano il contrario. Anche ottant’anni dopo il 25 aprile, e trentacinque dopo la caduta del Muro di Berlino, la destra e la sinistra italiane continuano, per il loro istintivo e incorreggibile relativismo ideologico, a non distinguere tra vittime e carnefici, tra libertà e tirannia.

Possiamo rigirarla come vogliamo: non c’è un pericolo fascista, il comunismo è roba passata, basta con gli allarmismi. Giusto. Ma resta il fatto che alle radici delle coalizioni che chiamiamo ottimisticamente «centrodestra» e «centrosinistra» non ci sono il liberalismo o il riformismo sociale ma la Marcia su Roma e la Rivoluzione d’ottobre con qualche spizzico sparso qua e là di dottrina sociale della Chiesa e di moralismo da oratorio. Ogni traccia di laicismo – del partito repubblicano, di quello socialdemocratico, del partito radicale – si è persa nelle paludi di Tangentopoli e della Seconda Repubblica (nelle sue varie e multiformi versioni, da quella barzellettiera di Berlusconi a quella messa a soqquadro dalla setta apocalittica grillista).
Rimane – dopo queste ripetute catastrofi non soltanto «politiche e culturali», come si dice di solito, ma antropologiche: vere e proprie riscritture del DNA nazionale – l’intramontabile tifo per il tiranno e per la giustizia sommaria delle nostre destre e sinistre cosiddette estreme, che occhieggiano al riparo di quelle che passano, senza esserlo, per «moderate». Queste, all’ultimo istante, quando si tratta di scegliere tra la ragion democratica e la nostalgia per Baffone o per i treni in orario, scelgono ogni volta a colpo sicuro la fratellanza di sangue con i peggiori soggetti: la destra accoglie i tifosi di Victor Orbán e i reduci di CasaPound, la sinistra Nicola Fratoianni e Gigetto Di Maio (il primo intende abolire la libertà, il secondo l’ha già fatto). Di «moderato» non c’è più nulla, e neppure di «centrista», a parte i baffi finti e la pallina rossa sul naso d’alcuni leader.

Lista di

Ci sono putiniani – che beffeggiano la resistenza ucraina e non vedono lo scandalo se Putin mette Bucha, Mariupol’ e altre libere città a ferro e fuoco – persino all’interno del cartello elettorale Azione-Italia viva (ma Calenda promette che i suoi candidati putiniani, nel caso fossero eletti, «non si occuperanno di politica estera»). Più precisamente: candidati putiniani e candidati «antisionisti» (gli antisionisti, com’è noto, sono gli antisemiti che non hanno ancora fatto coming out). Gli antisionisti, che nei ranghi renzian-calendiani sono (così si spera) un’eccezione, non lo sono nelle fila pentastellari e neppure in quelle delle più vaste coalizioni di destra e di sinistra, dove la claque filopalestinese, filoislamista e filoterrorista non si stanca di lanciare deliranti accuse di nazismo e «apartheid» contro Israele. Putinismo e antisemitismo sono le due facce della stessa sciagurata deriva ideologica, in Italia come ovunque: l’indifferenza e anzi il disprezzo per la cultura dei diritti, l’idea trucida e ridicola insieme che i «missili ipersonici», il dispotismo asiatico e le smargiassate dei portavoce del Cremlino valgano la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e le libere elezioni.

Immagine correlata
Diego Gabutti


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT