giovedi` 08 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
24.08.2022 Totalitarians Inc: perché Joe Biden alternativamente ignora e finanzia l’alleanza sempre più stretta tra Iran e Putin?
Analisi di Emanuele Ottolenghi

Testata: Informazione Corretta
Data: 24 agosto 2022
Pagina: 1
Autore: Emanuele Ottolenghi
Titolo: «Totalitarians Inc: perché Joe Biden alternativamente ignora e finanzia l’alleanza sempre più stretta tra Iran e Putin?»
Totalitarians Inc: perché Joe Biden alternativamente ignora e finanzia l’alleanza sempre più stretta tra Iran e Putin?
Analisi di Emanuele Ottolenghi


Russia e Iran: l'occidente non impara dai propri errori

Russia e Iran stanno stringendo un'alleanza strategica?
Il recente viaggio di Vladimir Putin a Teheran per un vertice trilaterale con i leader iraniani e il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan lo suggerisce. Così come l'uso da parte della Russia di droni iraniani importati, basati sulla tecnologia statunitense rubata. Così come il ruolo svolto dai 10 miliardi di dollari forniti da Rosatom, la compagnia nucleare di Stato russa, nell'aiutare l'Iran a costruire il suo programma di armi nucleari.

Eppure l'amministrazione Biden preferisce vedere le cose diversamente. Ignorando molta parte della realtà che appare, il Presidente Joe Biden  continua  a  fare affidamento sulla Russia come mediatore in  buona fede  per negoziare un ritorno al fallimentare accordo nucleare iraniano del 2015, meglio noto come il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA). Questa fiducia richiede alla Casa Bianca di ignorare il fatto ovvio che la mediazione della Russia è davvero un sostegno a favore dell'Iran, che a sua volta aiuta ad alimentare la macchina da guerra russa in Ucraina e prende in giro le sanzioni statunitensi contro Putin. Eppure molti esperti affermano che la convergenza degli interessi di Teheran e di Mosca non si traduce in un'alleanza a tutti gli effetti.

Come mai? Opinione comune vuole che, nonostante tutta l'attuale cooperazione tra Iran e Russia, l'inimicizia passata e gli obiettivi divergenti continuino a minare le loro relazioni. Secondo questo punto di vista, sussistono interessi condivisi, ma persistono anche quelli divergenti. Tutto è avvolto dalla nebbia della rivalità e della sfiducia storiche.
Un segno per sostenere che questa visione rassicurante potrebbe essere fuori luogo è ciò che l'apologeta del regime  Seyed Hossein Mousavian - l'ex ambasciatore iraniano in Germania che distribuisce in modo bizzarro la sua propaganda pro-regime da un posto accademico all'Università di Princeton - ha scritto a febbraio per  minimizzare  la profondità della cooperazione dell'Iran con la Russia. Le relazioni sono buone, ha affermato, ma “lontane dall'essere veramente strategiche.”  Mousavian  ha una storia  di interferenze per conto dell'Iran sin dai suoi giorni a Berlino negli anni '90, quando l'Iran era sotto processo per l'omicidio di attivisti curdi in un ristorante locale. Quando un uomo come Mousavian accede alle pagine di The National Interest per rassicurare gli americani sul fatto che l'asse Mosca-Teheran non è un qualcosa, probabilmente invece lo è.

Il problema per l'amministrazione Biden è che ha espresso, ormai da più di 18 mesi, una  fiducia incrollabile nel potere della diplomazia multilaterale, che comprende i russi, per contenere le ambizioni nucleari dell'Iran. La Casa Bianca sta negoziando con Russia e Iran come se non ci fosse la guerra in Ucraina; nessuna criminale negligenza russa in merito alla sicurezza nucleare nelle aree occupate dell'Ucraina; nessuna spada nucleare russa che sferraglia contro l'Occidente; nessuna violazione documentata del JCPOA in corso da parte dell'Iran, per non parlare di un Cremlino con una credibilità  pari a zero nel rispettare  qualsiasi accordo. Eppure, quando si tratta di questioni di guerra nucleare o di pace, Putin improvvisamente è un partner affidabile.

Può essere opportuno trattare le principali crisi della sicurezza nazionale come l'aggressione russa in Europa e la corsa dell'Iran all’armamento nucleare come se loro abitassero universi paralleli. Ma questo esprime una mancanza di comprensione del crescente allineamento tra due regimi autoritari, i cui approcci alle più grandi questioni politiche che si trovano ad affrontare si sovrappongono ampiamente. Attenzione: loro non sono dalla parte dell'Occidente. Questa è una realtà che Washington ha cercato di considerare separatamente nella speranza di raggiungere, ancora una volta, un ambiguo grande patto in Medio Oriente con la Repubblica islamica dell'Iran.
Washington invece deve far fronte alla relazione sempre più profonda tra due dittature paranoiche per quello che è: una coalizione emergente di Stati canaglia totalitari, sostenuta dalla Cina, che è determinata a rimodellare il mondo e a ribaltare l'ordine democratico basato sulle regole occidentali. Questo ordine, per quanto imperfetto, promuove i diritti umani, la democrazia, il libero scambio, le società aperte e il buon governo. Rifiuta l'uso della forza per la conquista e crede nel potere della diplomazia, della buona volontà e della cooperazione in buona fede tra le nazioni. Questo è l'ordine che Iran e Russia desiderano sovvertire, indipendentemente dal fatto che la Casa Bianca li consideri partner diplomatici in buona fede.
Dall'assedio iraniano e russo di Aleppo del 2012-16 a sostegno dell'omicida dittatore siriano Bashar Assad, l'asse Mosca-Teheran è diventato sempre più forte, la sua cooperazione strategica più profonda e la sua reciprocità più comprensiva. Proprio come la Russia è venuta in soccorso dell'Iran in Siria nel 2015, l'Iran è ora disposto a restituire il favore in Ucraina. Ed ogni volta, i due regimi si stanno avvicinando sempre più.

Dimostrazione n. 1: La Repubblica islamica si definisce un difensore degli oppressi contro l'imperialismo. Eppure l'Iran ha manifestato pubblicamente il sostegno alla guerra di aggressione imperialista della Russia in Ucraina e ha coordinato le operazioni di disinformazione con Mosca per spacciare teorie russe del complotto al fine di giustificare le sue atrocità di massa. Ciò non è dovuto a un momento di convergenza strategica transitorio.   Il leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ali Khamenei, ha affermato  che l'Occidente vuole impedire una Russia “indipendente e forte.” Secondo Teheran, Mosca è oppressa dall'Occidente, che usa l'Ucraina come una sua pedina.

Dimostrazione n. 2: L'Iran non sta rendendo omaggio solo a parole all’ambizione imperiale di Putin; fornisce anche supporto materiale allo sforzo bellico della Russia. Tra il tourbillon diplomatico di tiranni che si davano pacche sulle spalle, l'amministrazione Biden ha rivelato che l'Iran potrebbe presto fornire i suoi droni  all'esercito russo. Secondo le autorità ucraine, la Russia li ha già schierati in combattimento. L'Iran, nel frattempo, ha lanciato  un ponte aereo logistico verso la Russia dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca. Dall'Iraq i depositi di armi  stanno trovando da un po' di tempo la loro strada verso la Russia attraverso l'Iran.

Dimostrazione n. 3: Teheran e Mosca hanno negoziato un accordo ventennale di cooperazione economica e militare. Secondo quanto riferito, il loro commercio bilaterale è  in crescita. L'industria energetica russa è pronta a investire nel gas naturale iraniano, un settore redditizio che ha subito un ‘decennio perduto’ a causa delle sanzioni internazionali e del ritiro dei giganti energetici occidentali dall'Iran. Il beneficiario finale di questa alleanza sarà la Cina, che sta dietro a entrambi i Paesi e ha un bisogno inestinguibile di energia importata.

Dimostrazione n. 4: Le sanzioni occidentali contro Russia e Cina non solo incoraggiano i due governi a lavorare insieme, ma alimentano anche un senso di rancore condiviso e di destino comune. Non c'è da stupirsi che entrambi abbiano iniziato a fare piccoli passi per  de-dollarizzare il loro commercio bilaterale. Questo non è solo conveniente dal punto di vista degli scambi commerciali; è una mossa intrisa di un'aspirazione, non importa quanto delirante, di minare il predominio globale del dollaro USA nel commercio internazionale e nella finanza. I due Paesi collaborano anche per ostacolare le sanzioni occidentali: nel 2018, ad esempio, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha preso di mira una rete petrolifera iraniana-russa che ha aiutato Assad a bypassare le sanzioni statunitensi. L'Iran ha anche accettato di assistere la Russia nel campo dei pezzi di ricambio e della manutenzione degli aerei, settore nel quale l’aviazione iraniana, da tempo sotto sanzioni, ha una vasta esperienza sia negli appalti che nella produzione e che ora può supportare la flotta russa appena sanzionata. Nel frattempo, le imprese russe stanno aiutando l'Iran a eludere le sanzioni sul proprio settore energetico.

Dimostrazione n. 5: La cooperazione militare russo-iraniana è in crescita, così come lo è l'impegno condiviso a sostenere i regimi anti-occidentali. I media iraniani hanno  recentemente riferito  che Russia e Iran sono pronte a partecipare a esercitazioni militari congiunte in Venezuela insieme alla Cina e ad altri. Le esercitazioni, una competizione annuale di simulazioni di guerra sponsorizzata dalla Russia,  includono  Iran, Cina, Bielorussia, Myanmar e “Abkhazia” (la “repubblica” in Georgia occupata dai russi). Secondo quanto riferito, la Russia ha appena  lanciato un satellite spia  per conto dell'Iran che inizialmente prevede di utilizzare per la sua guerra in Ucraina.
Russia e Iran, nelle loro precedenti versioni, hanno avuto una lunga storia di rivalità, soprattutto nelle zone cuscinetto e nelle terre di confine tra i due imperi, che, nel corso dei secoli, la Russia ha gradualmente accaparrato dall'Iran. Lo Scià si schierò con gli Stati Uniti durante la Guerra Fredda e la Repubblica Islamica, nonostante il suo fervore rivoluzionario anti-occidentale e dalle sfumature marxiste, guardò ai comunisti senza Dio con un misto di sospetto e di disprezzo. “Né est, né ovest”,  tuonava  il compianto ayatollah Ruhollah Khomeini, fondatore della Repubblica islamica, primo leader supremo e capo ideologo. Eppure i rivali di ieri sono diventati più di una volta fedeli alleati: l'ostilità del passato tra Stati Uniti e Gran Bretagna e tra Francia e Germania è oggi oggetto di battute ironiche. Per quanto riguarda Russia e Iran, alcuni dei loro interessi ancora non coincidono: dal 2015, ad esempio, la Russia  ha permesso  a Israele di contrastare l'escalation militare iraniana in Siria e Libano, anche se anche questo  potrebbe cambiare, date le critiche sempre più accese della Russia alla posizione di Israele sull'Ucraina e la sua minaccia di chiudere gli uffici russi dell'Agenzia Ebraica.

Per quanto riguarda la convergenza strategica, non bisogna cercare oltre le rispettive casse di risonanza russe e iraniane e il contenuto delle loro operazioni di disinformazione, poiché sono  così allineate che le loro politiche dichiarate nei confronti degli Stati Uniti sono diventate praticamente indistinguibili.
Sebbene le premesse ideologiche per uno stretto allineamento siano antecedenti alla Guerra civile siriana, l'attuale modello di stretta cooperazione ha iniziato a consolidarsi nel crogiolo di quella guerra, che ha inghiottito il Levante mentre l'amministrazione Obama stava mettendo a punto  i dettagli del JCPOA nel 2015.
Quando Bashar Assad, un dittatore astuto e crudele che preferì distruggere il proprio Paese e assassinare il suo popolo piuttosto che concedere diritti a seguito delle proteste popolari, rischiava di perdere il controllo, trovò solo l’Iran e la Russia pronti a salvarlo. Qassem Soleimani, il defunto comandante della Forza Al-Quds , l’unità d’élite del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche iraniane, si imbarcò su un volo commerciale a Teheran e volò a Mosca nel luglio del 2015, proprio mentre i negoziati sul nucleare a Vienna erano nelle fasi finali. Soleimani  era in missione  per finalizzare i dettagli della cooperazione militare iraniana-russa nella Guerra civile siriana. Entrambi i Paesi temevano che il regime di Assad e i suoi ausiliari iraniani sarebbero stati sopraffatti ad Aleppo. Il supporto aereo della Russia poteva cambiare la situazione.  La scommessa di Soleimani è riuscita. La Russia, che già forniva armi e copertura diplomatica al regime di Assad, è entrata nella mischia e ha controllato i cieli mentre Soleimani ha schierato ogni milizia surrogata dell’Iran che poteva mobilitare sul terreno. L'entrata in guerra della Russia ha portato a un capovolgimento delle sorti per Assad e l'Iran. Aleppo fu ridotta in macerie ma restituita al controllo di Assad. Il regime ha svuotato il territorio sunnita della Siria, inviando decine di migliaia di siriani nelle camere di tortura di Assad. Molti altri sono fuggiti come rifugiati, facendo pressioni sugli Stati vicini e sulla sensibilità dell’Occidente in quella che sarebbe diventata la prima grande crisi di rifugiati causata dall'uomo del 21° secolo.  Oggi, la Russia è andata oltre la crudele realpolitik e diffonde l'idea che il suo  nuovo destino manifesto  sia quello di cancellare un intero popolo dalla mappa dell'Europa, di arginare la marea di decadenza morale  che attribuisce all'Occidente. Dipingere l'Occidente come irrimediabilmente decadente e depravato non è senza precedenti: la Russia  si lamenta ufficialmente  della nostra depravazione fin dal 19° secolo. La novità è che questo discorso, amplificato dalla propaganda russa a sostegno dello stupro dell'Ucraina, è diventato così feroce da fare eco alla raccapricciante deumanizzazione  di Israele da parte dell'Iran e al suo disprezzo morale nei confronti dell'Occidente.

La Russia e l'Iran sono potenze revisioniste decise a ristabilire il loro dominio egemonico. Hanno trovato un terreno comune sufficiente per allinearsi dove conta di più: minare l'influenza e i valori degli Stati Uniti. La Russia non è solo impegnata in una guerra di aggressione contro il suo vicino; vuole sconvolgere l'equilibrio globale del potere costruendo una lega di Stati autoritari che includa Iran, Cina e Venezuela, una strategia che ricorda chiaramente la Guerra Fredda.
Il passato non è un Paese straniero, per prendere in prestito il titolo di un  saggio della storica Anita Shapira. Ha il suo peso. Antiche rivalità possono essere superate da nuove realtà. Mosca e Teheran si avvicinano sempre di più. Fingere il contrario è flirtare con il disastro.

Emanuele Ottolenghi - SourceWatch
Emanuele Ottolenghi

takinut@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT