lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
15.08.2022 IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Democrazie e dittature
Dal 7 al 14 agosto 2022

Testata: Informazione Corretta
Data: 15 agosto 2022
Pagina: 1
Autore: Astrit Sukni
Titolo: «IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Democrazie e dittature»
IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Democrazie e dittature
Dal 7 al 14 agosto 2022

Come fare un Colpo di Stato e diventare DITTATORE - YouTube

Sembra che il mondo occidentale sia ostaggio delle dittature, di qualsiasi forma o matrice, da quelle laiche a quelle religiose. L’Occidente è circondato dalla follia dei dittatori che costantemente minacciano le fondamenta della democrazia. Le minacciano grazie alle nostre stesse leggi e costituzioni democratiche, che governano le democrazie occidentali. Odiano il mondo libero, odiano le nostre leggi, odiano il nostro libero mercato, ci odiano profondamente. Le dittature sono destinante a vivere grazie alla democrazia. Senza l’Occidente non sono nessuno. Si nutrono di democrazia per poter esercitare il loro male. Sovente noi occidentali siamo permissivi nei confronti delle dittature, perché permettiamo loro di agire nella repressione dei diritti civili, di attaccare e magari occupare paesi che vogliono essere liberi dal giogo delle dittature.

Lo stiamo vedendo con la Russia, dove Putin costantemente minaccia l’Occidente con il Nucleare, con il petrolio e con il gas. Abbiamo permesso a Putin di occupare la Georgia nel 2008 e non abbiamo preso le difese di Tbilisi, ha occupato e annesso la Crimea nel 2014 e non abbiamo detto nulla. Dopo la presa della Crimea, Berlusconi e Salvini sono andati a congratularsi con Putin in persona. Adesso Putin vorrebbe cancellare l’Ucraina dalla cartina geografica, ma gli ucraini non ci stanno e si sono ribellati. Lottano eroicamente per sé stessi e anche per noi occidentali, perché la sconfitta della Russia deve avvenire ad ogni costo. Con il mondo arabo siamo sempre più tolleranti. Non da ultimo abbiamo permesso il ritorno dei talebani in Afghanistan. Il ritiro degli USA ha fatto tornare indietro il paese in 1 giorno solo. Il velo è tornato obbligatorio, l’istruzione è stata negata alle donne e lo sport femminile è stato cancellato.

A novembre si terranno i Mondiali di Calcio in Qatar, un paese dove i diritti umani esistono solo per le famiglie qatoriote. In una popolazione di quasi 2 milioni di abitanti, 1 milione e mezzo sono cittadini stranieri, asiatici per lo più, che lavorano senza diritti, cui persino il passaporto viene confiscato per non permettere loro di andare via. Ma noi occidentali andremo a giocare i Mondiali infischiandocene dei diritti civili. La Cina è in espansione continua, perché loro si espandono usando l’economia, senza fare rumore, senza fare la voce grossa. Si sono presi il Tibet e noi non abbiamo detto nulla, si sono presi Hong Kong nonostante da trattato dovesse essere indipendente fino al 2047, si espandono sul Pacifico fino alle Filippine e al Giappone e minacciano costantemente Taiwan. Finanziano la dittatura comunista della Corea del Nord. È importante che l’Occidente vinca la guerra in Ucraina contro la Russia. Perché una sconfitta della Russia sarà un chiaro messaggio alla Cina di Xi. Non dobbiamo permettere che il male prevalga sul bene. La democrazia deve prevalere sulle dittature.

Risultati immagini per astrit sukni
Astrit Sukni - IC redazione

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT