domenica 25 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Theodor Herzl: l'uomo e il simbolo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
21.07.2022 Deborah Fait risponde a un lettore
Due metri e due misure

Testata: Informazione Corretta
Data: 21 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Due metri e due misure»


Abu Mazen vede il ministro della Difesa Gantz: per la prima volta in  Israele dopo anni - la Repubblica
Abu Mazen

Gentile Deborah,
 sulla visita deludente in Medio-Oriente di Joe Biden, in particolare nell'articolo di Repubblica del 16/07/2022 con il titolo "Biden, pugno del compromesso con Mbs parla di energia e pace" di Paolo Mastrolilli, un aspetto ha suscitato in me qualche perplessità. Mi riferisco all'incontro imbarazzante con Mohammed bin Salman, accusato di essere il mandante dell'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. Per carità, sappiamo i comportamenti del regime saudita nei riguardi degli oppositori e il rispetto dei diritti umani; ma come è avvenuto nell'incontro con MBS, dove L’inviato della Nbc Peter Alexander gli ha urlato se intende scusarsi con la famiglia Khashoggi, non si poteva anche urlare all'incontro con Abu Mazen mandante del delitto di Nizar Banat? Noto critico del presidente Abu Mazen e candidato alle presidenziali sospese dall’Autorità nazionale palestinese, morto il 24 maggio 2021 dopo un violento arresto da parte della polizia segreta dell AP.La famiglia denuncia: è stato brutalmente picchiato. Attivisti e partiti politici chiedono un’indagine indipendente. Visto che dare nome e cognome alle vittime risalta le accuse, non potevano i media riservare anche lo stesso trattamento a Abu Mazen? Invece Biden, facendo propria le richieste dell'estrema sinistra della sua base, ha elargito 100.000.000 milioni di dollari, per una mano all'Autorità Palestinese, e dall'altra mano 200.000.000 dollari alla disastrosa agenzia UNRWA. Cordialmente...

Angelo

 Gentile Angelo,
La risposta alla sua domanda è semplice e, purtroppo, ovvia: Abu Mazen non si tocca, i palestinesi non si toccano. Ha mai sentito una sola critica per i loro crimini? In tanti anni non ho mai letto un giudizio negativo sul terrorista-capo (Abu Mazen) né sugli scagnozzi che lui manda ad ammazzare le persone, né sugli stupendi ai terroristi o sui finanziamenti alle varie cellule della morte. Gli unici che ricordano il suo passato e che parlano del suo essere un vile assassino oltre che un presidente abusivo, siamo noi di Informazionecorretta e un paio di altri siti sionisti da contare sulle dita di una mano. I media non ne parlano, la politica non ne parla e Biden men che meno visto che la sua Amministrazione è fatta di soggetti apertamente prostrati dinnanzi alla cosiddetta “causa palestinese”, cui viene l’ulcera al solo sentir nominare Israele. È bene ricordare, inoltre, che la NBC fa spesso concorrenza a Al Jazeera nella propaganda anti israeliana tanto che un paio di volte ha dovuto scusarsi perché in odore di vero e proprio antisemitismo. Peter Alexander si sarebbe fatto torturare pur di non chiedere conto dei suoi misfatti a Abu Mazen. Un cordiale shalom

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT