domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
23.06.2022 Il padre di uno shahid accusa l'Autorità palestinese
Analisi di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 23 giugno 2022
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «Il padre di uno shahid accusa l'Autorità palestinese»
Il padre di uno shahid accusa l'Autorità palestinese
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


West Bank: 3 Palestinians shot dead, 10 injured in Israeli raid
I tre terroristi uccisi


Nell’incessante lotta di Israele contro il terrorismo, sono arrivati tre nuovi ‘martiri’ nel pantheon palestinese. Bara Lahlouh, 24 anni, Yusef Salah, 23, e Laith Abu Srour, 24. Sono stati uccisi il 17 giugno in uno scontro a fuoco con l'esercito israeliano a Jenin. Secondo il padre di Lahlouh, suo figlio era un membro delle Brigate Al-Quds, il braccio armato della Jihad islamica palestinese; si dice anche che appartenesse al braccio armato di Hamas, le famose brigate Azzedine Al Kassem di cui lui sarebbe stato uno dei comandanti nel campo di Jenin. E’ difficile dare un giudizio di fronte al tripudio di bandiere delle varie fazioni, sventolate dalla folla durante i funerali di questi tre "eroi": vi era rappresentato anche Daesh – questo ha messo in notevole imbarazzo l'Autorità palestinese, che ha prontamente cancellato dai suoi siti ufficiali questa immagine inquietante. L’ennesimo episodio in un conflitto che si protrae all’infinito, direte? Non proprio. Perché per Kamal Lahlouh, il padre di Bara, la responsabilità della morte di suo figlio non è di Israele . No. In un'intervista ai media locali, non ha esitato ad affermare che si tratta dell'Autorità palestinese, che, attraverso il Servizio palestinese di sicurezza preventiva, è responsabile dell'”omicidio” di suo figlio. Questo è uno dei tanti servizi di sicurezza dell'Autorità palestinese, incaricato in particolare del mantenimento dell'ordine sulle pubbliche strade e nelle vie palestinesi (e quindi della repressione delle manifestazioni) e, per inciso, della neutralizzazione degli oppositori del regime. Questo servizio è spesso criticato per la sua stretta collaborazione in materia di sicurezza con la sua odiata controparte israeliana.

L'Autorità palestinese si sente direttamente minacciata da Hamas, che non risparmia sforzi per infiltrarsi nei territori palestinesi e farla cadere; teme anche i vari movimenti jihadisti che hanno lo stesso obiettivo. C'è quindi un punto di convergenza con Israele, che combatte contro entrambe le parti. Abu Mazen ha più volte minacciato di sospendere questa collaborazione per protestare contro questa o quella misura adottata da Gerusalemme, ma si guarda bene dal farlo, sapendo che la sua sopravvivenza e quella del suo regime dipendono dagli aiuti israeliani alla sicurezza. Una realtà tenuta nascosta dai media in Occidente. A sostegno della sua accusa, Kamal Lahlouh avanza quello che a suo avviso è un argomento di peso: “Tutti i martiri di Jenin erano ricercati dalle forze di sicurezza dell'Autorità Palestinese più che da quelle dell'occupazione.” Secondo lui, la sicurezza preventiva che in passato aveva arrestato e interrogato suo figlio a causa delle sue attività avrebbe poi trasmesso il fascicolo alla sicurezza israeliana. Eppure Kamal Lahlouh non rimpiange le scelte del figlio: “Il Servizio di Sicurezza Preventiva ha distrutto mio figlio, ma mio figlio ha scelto la via del martirio e gli ho detto che rispettavo la sua decisione. La moschea di al-Aqsa va difesa e siamo tutti pronti a farlo.”

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT