domenica 03 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
13.06.2022 IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il mese del Pride
Dal 5 al 12 giugno 2022

Testata: Informazione Corretta
Data: 13 giugno 2022
Pagina: 1
Autore: Astrit Sukni
Titolo: «IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il mese del Pride»
IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il mese del Pride
Dal 5 al 12 giugno 2022

Gay pride : l'histoire des marches

Il mese di giugno è mese del Pride, evento che si svolge in moltissime nazioni del mondo. Si svolge nel mese di giugno per commemorare i moti di Stonewall avvenuti a New York. In molti paesi mediorientali è proibito celebrare il Pride così come è proibito dichiararsi omosessuali. Sovente, gay e lesbiche devono chiedere asilo al di fuori dei propri paesi per paura di ritorsioni o ancora peggio, essere uccisi dal proprio genitore o in famiglia. In Medio Oriente solo Israele è un paese civile e aperto alle diversità, persino nell’esercito, e venerdì scorso si è tenuto il più famoso Pride del mondo a Tel Aviv. E’ tornato a riempirsi come prima della pandemia. In Israele il mondo LGBTQ+ gode di diritti civili al pari di tutti gli altri cittadini.

Pride: The Middle Eastern Aspect - Impakter

Molti palestinesi scappano in Israele per poter liberi di vivere la loro omosessualità. Essere omosessuale non è facile neanche in Iran. Gli omosessuali vengono impiccati perché è considerato contro natura essere omosessuali. Così come non è facile essere omosessuali nella Russia di Putin dove gli omossessuali vengono arrestati, umiliati e picchiati. Eppure il mondo LGBTQ+ non sempre è solidale con i meno privilegiati. Sovente sono critici nei confronti di Israele accusandolo di Pinkwashing, dimenticando un fatto importante, che è proprio Israele a dare asilo a molti ragazzi palestinesi che scappano dalle loro famiglie per paura di essere uccisi o emarginati. Non sono mai in grado di riconoscere una democrazia dalla dittatura e lo fanno nei confronti dell’Iran, Russia, Cuba e altri paesi arabi. Ne sono rapiti e incantati. Sarebbe buona abitudine sfilare anche per i diritti LGBTQ+ di coloro che non possono essere liberi e manifestare contro i regimi che opprimono gli omosessuali. Un pensiero al mondo LGBTQ+ ucraino che si trova a dover difendere il paese dall’aggressione militare della Russia. Ci auguriamo che il prossimo Gay Pride si possa tenere nell’Ucraina libera e democratica.

Risultati immagini per astrit sukni
Astrit Sukni - IC redazione

takinut@gmail.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT