venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
13.06.2022 IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il mese del Pride
Dal 5 al 12 giugno 2022

Testata: Informazione Corretta
Data: 13 giugno 2022
Pagina: 1
Autore: Astrit Sukni
Titolo: «IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il mese del Pride»
IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il mese del Pride
Dal 5 al 12 giugno 2022

Gay pride : l'histoire des marches

Il mese di giugno è mese del Pride, evento che si svolge in moltissime nazioni del mondo. Si svolge nel mese di giugno per commemorare i moti di Stonewall avvenuti a New York. In molti paesi mediorientali è proibito celebrare il Pride così come è proibito dichiararsi omosessuali. Sovente, gay e lesbiche devono chiedere asilo al di fuori dei propri paesi per paura di ritorsioni o ancora peggio, essere uccisi dal proprio genitore o in famiglia. In Medio Oriente solo Israele è un paese civile e aperto alle diversità, persino nell’esercito, e venerdì scorso si è tenuto il più famoso Pride del mondo a Tel Aviv. E’ tornato a riempirsi come prima della pandemia. In Israele il mondo LGBTQ+ gode di diritti civili al pari di tutti gli altri cittadini.

Pride: The Middle Eastern Aspect - Impakter

Molti palestinesi scappano in Israele per poter liberi di vivere la loro omosessualità. Essere omosessuale non è facile neanche in Iran. Gli omosessuali vengono impiccati perché è considerato contro natura essere omosessuali. Così come non è facile essere omosessuali nella Russia di Putin dove gli omossessuali vengono arrestati, umiliati e picchiati. Eppure il mondo LGBTQ+ non sempre è solidale con i meno privilegiati. Sovente sono critici nei confronti di Israele accusandolo di Pinkwashing, dimenticando un fatto importante, che è proprio Israele a dare asilo a molti ragazzi palestinesi che scappano dalle loro famiglie per paura di essere uccisi o emarginati. Non sono mai in grado di riconoscere una democrazia dalla dittatura e lo fanno nei confronti dell’Iran, Russia, Cuba e altri paesi arabi. Ne sono rapiti e incantati. Sarebbe buona abitudine sfilare anche per i diritti LGBTQ+ di coloro che non possono essere liberi e manifestare contro i regimi che opprimono gli omosessuali. Un pensiero al mondo LGBTQ+ ucraino che si trova a dover difendere il paese dall’aggressione militare della Russia. Ci auguriamo che il prossimo Gay Pride si possa tenere nell’Ucraina libera e democratica.

Risultati immagini per astrit sukni
Astrit Sukni - IC redazione

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT