lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
29.03.2022 Come funziona l'informazione in Italia, un brutto e triste esempio
Commento di Deborah Fait

Testata: Informazione Corretta
Data: 29 marzo 2022
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Come funziona l'informazione in Italia, un brutto e triste esempio»
Come funziona l'informazione in Italia, un brutto e triste esempio
Commento di Deborah Fait


Guida alla disinformazione in 6 passi: non farti travolgere dalle falsità  sulla guerra in Ucraina | liberties.eu

Domenica scorsa due poliziotti diciannovenni israeliani, ripeto ISRAELIANI, Yazan Falah, druso e Shirel Aboukrat, una ragazza ebrea che aveva fatto alyiah dalla Francia nel 2006, sono stati ammazzati da due terroristi arabi palestinesi affiliati all'Isis. Altre due giovani vite del nostro paese spente dal fanatismo di cui sono fatti i terroristi. Yazan Falah è stato sepolto nel suo villaggio, Kasra Samia, con la partecipazione di migliaia di persone. "Vorrei esser morto al posto tuo" ha singhiozzato lo zio. Il Ministro Gideon Saar: "Tu eri uno splendido soldato sorridente che tutto Israele piange oggi con il cuore spezzato". Si, siamo tutti con il cuore spezzato per questi due ragazzi che avevano scelto di fare i poliziotti di frontiera per difendere la patria. Shirel è stata sepolta nel cimitero militare di Natanya, sua madre disperata urlava alla figlia di risvegliarsi subito, tra i singhiozzi di tutti i presenti. Uno strazio puro, un dolore tremendo vedere quella mamma che non voleva e non poteva accettare la morte della figlia e urlava "Svegliati, Shirel, svegliati, ti prego". Oltre ai due ragazzi uccisi altri docici sono stati feriti dai due terroristi che hanno sparato più di 1000 pallottole, i maledetti volevano la strage. Entrambi venivano da Um el Fahem, città nota per essere una specie di allevamento di terroristi, e si sono filmati mentre , prima dell'attacco, si abbracciavano sotto la bandiera nera dell'Isis. È il secondo attentato in una settimana che insanguina le strade di Israele. Non ho ancora sentito i telegiornali ma ho letto, e mi è venuto un colpo, il titolo cubitale del Giornale del 28 marzo, eccolo qua:

Due palestinesi uccisi a Hadera nel giorno di Blinken

Questa è dunque l'informazione italiana e non credo si tratti di un errore. Facendo mio il famoso detto di Giulio Andreotti: " A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca", sono più propensa a pensare che si sia attivata la macchina del fango sempre pronta quando si tratta di Israele. Se uno legge l'articolo poi si rende conto che i due uccisi non erano palestinesi ma israeliani. Ma chi si limita al titolo, come accade tantissime volte quando si legge e si passa oltre, resterà convinto che Israele, solito paese perfido, ha ammazzato due dei soliti poveri palestinesi. Mi aspetto che la redazione del Giornale corregga immediatamente e chieda scusa con le stesse lettere cubitali usate per la notizia falsa.

Immagine correlata

Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT