mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
28.03.2022 Consigli per gli antisemiti frustrati
Analisi di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 28 marzo 2022
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «Consigli per gli antisemiti frustrati»
Consigli per gli antisemiti frustrati
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Governments must step up the fight against antisemitism in all its forms,  says anti-racism commission - Newsroom

Non è facile oggi mostrarsi apertamente antisemiti. Bisogna ammetterlo, i tempi sono davvero duri.  E’ stato messo in atto un intero arsenale legislativo per reprimere non solo i commenti che incitano all'odio razziale e in particolare all'odio contro gli ebrei, accompagnati o meno da minacce, ma anche gli insulti. Niente più frasi assassine alla radio, niente più strizzatine d'occhio in TV. Persino la stampa scandalistica internazionale deve possedere notevoli doti d’ingegno per trovare formule sufficientemente ambigue da non incappare in sanzioni legali. E peggio ancora, i social si immischiano e si rischia di essere cacciati per un testo troppo esplicitamente razzista. Solo i politici cercano di passare tra le gocce di pioggia senza bagnarsi, al fine di rastrellare più voti durante questo periodo elettorale. Una situazione intollerabile e un attacco al diritto fondamentale alla libertà di espressione, lamentano gli antisemiti più convinti. Come farsi sentire? Come far passare il messaggio? Raggiungere quante più persone possibile senza rischi? C'è una soluzione semplice ed economica: postare un commento sul sito di un quotidiano molto diffuso. Non che questi organi di stampa li incoraggino, anzi. Lo statuto del quotidiano Le Monde, ad esempio, è esplicito su questo punto:  “La discussione deve essere rispettosa, senza attacchi personali (nei confronti di altri commentatori, come nei confronti di giornalisti o di persone citate nell'articolo) e rispettare i limiti della libertà di espressione: nessuna diffamazione, nessun insulto, nessuna discriminazione, sessista o razzista, negazionista della Shoah, o incitamento all'odio.” Purtroppo, un abisso separa la teoria dalla pratica. I moderatori responsabili dell'applicazione dello Statuto sono senza dubbio sommersi di lavoro.

How to Respond to Antisemitism Using the URJ-ADL Resources | Union for  Reform Judaism

Così, lo sproloquio di un certo Robespierre, che commentando la rubrica del Presidente Herzog pubblicata il 19 marzo, si riferisce al Presidente dello Stato di Israele in questi termini: “Quel tizio, particolarmente osceno...” non ha fatto neppure inarcare un sopracciglio ai moderatori, che devono averlo visto come “rispettoso e senza attacchi personali.”  È che quando si tratta dello Stato ebraico e dei suoi leader, tutto è concesso. Apparentemente basta avvolgere l'odio nei confronti degli ebrei nel manto dell'odio verso Israele o verso gli ebrei israeliani per potersi esprimere in piena libertà. Un'intera squadra di troll sta lavorando per testare la benevolenza del team di moderatori. Un esempio : dopo l'attentato a Beersheva che ha causato quattro vittime, due donne e due uomini, tutti civili ebrei, un certo Wakanda commenta: “Totale sostegno al popolo palestinese vittima di un'ingiustizia storica... l'esercito israeliano sta massacrando migliaia di civili palestinesi... Gaza è il ghetto di Varsavia del 21° secolo.” Un altro commento, pubblicato il 12 marzo da un certo Amgala: “L'antisemita di ieri era uno che odiava gli ebrei, oggi è uno che degli ebrei odiano!” E per finire il 12 marzo, Jean Passedé Mayer evoca “la vicinanza di stile ma anche di idee tra Hitler e Herzl, il fondatore del movimento sionista; un'ossessione della razza che fonda il diritto di purificare il corpo sociale dai non ariani o dai non ebrei.” Ma dato che vi dicono che queste affermazioni non sono contrarie allo Statuto...

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT