lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
20.03.2022 Da Israele all'Ucraina, l'autosufficienza è fondamentale
Analisi di Ben Cohen

Testata: Informazione Corretta
Data: 20 marzo 2022
Pagina: 1
Autore: Ben Cohen
Titolo: «Da Israele all'Ucraina, l'autosufficienza è fondamentale»
Da Israele all'Ucraina, l'autosufficienza è fondamentale
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)


NATO - Wikipedia

“L'assalto sfrenato da parte di forze militari, paramilitari e della polizia ___ , sotto il comando del Presidente ___, contro civili___ ha creato una massiccia catastrofe umanitaria che minaccia anche di destabilizzare la regione circostante. Centinaia di migliaia di persone sono state spietatamente espulse da ___ per ordine delle autorità ___.  Noi condanniamo queste terribili violazioni dei diritti umani e l'uso indiscriminato della forza da parte del governo ___.”

Puoi facilmente inserire le parole "russe", "Putin", "ucraini" e "Ucraina" negli spazi vuoti nella dichiarazione di cui sopra. In realtà, queste parole risalgono all'aprile del 1999, e gli spazi vuoti sono, nell'ordine, “Jugoslave”, “Milošević”, “Kosovari” e “Kosovo”. Sono tratte dalla dichiarazione della NATO che annunciava una guerra aerea senza precedenti contro l'ormai defunta Repubblica Federale di Jugoslavia. Vale la pena ricordare perché la NATO era entrata in guerra 23 anni fa. Come afferma la stessa dichiarazione, “centinaia di migliaia di persone sono state espulse spietatamente dal Kosovo dalle autorità della Repubblica Federale di Jugoslavia. Noi condanniamo queste terribili violazioni dei diritti umani e l'uso indiscriminato della forza da parte del governo jugoslavo. Queste politiche estreme e criminalmente irresponsabili, che non possono essere difese per nessun motivo, hanno reso necessaria e giustificano l'azione militare della NATO” (il corsivo è mio). Per sua stessa ammissione, la NATO considerava la prevaricazione sistematica nei confronti degli albanesi in Kosovo da parte del regime del presidente Slobodan Milošević un casus belli, una giustificazione per l'azione militare dell'alleanza. Non c'era stato alcun dubbio sulla realtà dei fatti in Kosovo, dove le forze serbe stavano compiendo violazioni bestiali dei diritti umani, ma le guerre sono raramente, se non mai, combattute su basi squisitamente etiche. Le domande che sorgono da tale presa di posizione sono diabolicamente complesse: se eravamo disposti a rischiare le nostre forze armate per combattere per i diritti umani degli albanesi, perché non per quelli dei siriani o degli uiguri? Se eravamo disposti a bypassare il Consiglio di Sicurezza dell'ONU per condurre la nostra guerra in nome della dignità umana, quali precedenti abbiamo stabilito che i nostri avversari potrebbero utilizzare in seguito? Saremmo stati così temerari nel dispiegare il nostro formidabile esercito in difesa dei diritti umani se il regime di Milosevic fosse stato armato con armi nucleari? Come abbiamo appreso in Ucraina nelle ultime tre settimane, la risposta a quest'ultima domanda è negativa. Qualunque cosa possano aver creduto i suoi autori all'inizio del millennio, la guerra per la liberazione del Kosovo è stata sicuramente una creatura del suo tempo. Poteva essere combattuta per due ragioni principali.

NATO - Wikipedia

In primo luogo, l'intervento della NATO - 78 giorni di guerra aerea che è stata successivamente descritta come una strategia del “vincere sporco” - è stato sostenuto in modo schiacciante dai beneficiari previsti, la maggioranza albanese in Kosovo che aveva trascorso il decennio precedente sotto il diretto governo di Belgrado. In secondo luogo, per quanto i russi considerino i serbi una nazione fraterna e per quanto furiosi e umiliati fossero nel vedere gli aerei della NATO colpire i loro alleati, non erano nella posizione di aiutare in modo significativo Milošević con forze convenzionali o nucleari. Nel 1999, l’anno in cui Putin salì al potere in Russia, il mondo assisteva a quello che I teorici delle relazioni internazionali definirono un momento “unipolare”: gli USA era l’unica, vera, potenza mondiale. In questi giorni, l'ambiente internazionale ricorda di più le grandi rivalità di potere che hanno preceduto la Prima Guerra Mondiale. Le sfide al potere americano sono molteplici e non provengono solo dall'esterno. Probabilmente, il freno più significativo a un ruolo militare statunitense più assertivo è costituito dagli stati d’animo degli stessi americani. Per quanto simpatizzino nei confronti degli ucraini bombardati e assediati, gli americani sono ancora riluttanti a collocare le loro truppe in ruoli di combattimento in assenza di una minaccia diretta al loro Paese. Tale realtà crea vantaggio a Russia e Cina, nessuna delle quali deve preoccuparsi degli imprevisti dell'opinione pubblica. Se i serbi dovessero portare avanti la loro campagna di pulizia etnica in Kosovo oggi, è praticamente impossibile immaginare che la NATO lancerebbe un'operazione simile a quella del 1999. In realtà, più a Nord in Bosnia, nelle ultime settimane si è parlato molto del quadro politico per la pace concordata nel 1996, che si sta rapidamente sfasciando. Qualunque siano le sfide etiche che deriverebbero da un rinnovato tentativo serbo di secessione, più ovviamente le espulsioni di massa di non serbi, qualsiasi risposta forte della NATO sarebbe mitigata dalla consapevolezza che i serbi in Bosnia possono guardare a Mosca con maggiore fiducia ora rispetto agli anni '90. Niente di tutto ciò implicherebbe che la Russia sia invincibile. L'incompetenza delle sue forze armate è risultata ben evidente. Ma durante l'invasione dell'Ucraina, ci è stata ricordata la furia che può scatenare un esercito indebolito. Anche con i suoi carri armati e veicoli corazzati "congelati", come afferma una valutazione dell'intelligence britannica, la Russia può ancora polverizzare paesi e città ucraine con i suoi proiettili e bombe. La bellissima città di Mariupol è ora l'ombra di se stessa, Kharkiv è stata distrutta e Odessa si sta preparando da diversi giorni per un assalto russo a tutto campo. In ogni caso, i criteri stabiliti dalla NATO in Kosovo - "... politiche estreme e criminalmente irresponsabili, che non possono essere difese per nessun motivo, hanno reso necessaria e giustificano l'azione militare..." - si applicano integralmente al caso dell'Ucraina.

La coerenza non è mai stata un segno distintivo degli affari internazionali, quindi non dovremmo essere scioccati dalla presenza di doppi standard e di ipocrisie. Ecco perché l'autosufficienza nel settore della difesa nazionale rimane di fondamentale importanza, anche quando sei uno Stato che è stato sostenuto con affetto da quasi tutto il mondo, come lo è in questo momento l'Ucraina. Israele è un esempio pertinente di uno Stato che, in termini ideologici e strategici, è una parte dell'alleanza occidentale, ma che non si sognerebbe mai di fare affidamento su alleati stranieri per la propria difesa. A differenza dell'Iraq, dell'Arabia Saudita e di altri Stati del Medio Oriente, nessun soldato americano è mai morto sul campo di battaglia combattendo per Israele . Nelle guerre che si sono succedute con esiti diversi - dalle vertiginose vittorie della Guerra dei Sei Giorni del 1967 ai drammatici interventi in Libano - Israele ha imparato che solo i suoi stessi ufficiali e soldati sono indiscutibilmente affidabili. Mentre resistono all'assalto russo, le forze armate ucraine stanno imparando la stessa cosa. "Nessun popolo è mai stato ed è rimasto libero, se non perché era determinato ad esserlo", osservò il teorico politico liberale John Stuart Mill in un saggio del 1859 che disapprova l'idea di intervenire nei litigi altrui, anche quando le offese morali sono dolorosamente ovvie. Fin dalla sua fondazione, anche se ha dei partner e degli alleati, Israele ha capito di essere l'unico responsabile della propria sopravvivenza fisica in quanto Stato ebraico. Il Kosovo ha dimostrato che, molto, molto casualmente, la storia può essere dalla tua parte. Ma come stanno scoprendo ora gli ucraini e come gli ebrei sanno già da tempo, la maggior parte delle volte la storia lavora contro di te.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT