mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
17.03.2022 Deborah Fait risponde a un lettore
Ucraina e Occidente

Testata: Informazione Corretta
Data: 17 marzo 2022
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Ucraina e Occidente»

L'UE deve collaborare con gli Stati Uniti, pur perseguendo i propri  interessi | Attualità | Parlamento europeo

Gentile Redazione, Non condivido il punto di vista di Deborah Fait. Voler andare dietro le quinte e scoprire il marcio che c’è in Ucraina non significa automaticamente essere putiniani. È la stessa semplificazione ingannevole vista con la propaganda sguinzagliata in occasione del Covid-19. Chi è contrario a farsi inoculare un siero sperimentale viene automaticamente classificato come no-vax. Non funziona così neppure con il conflitto in Ucraina. Conoscendo le atrocità, la corruzione, l’ingerenza della NATO, le torbide tresche degli Stati Uniti e in particolare del Pentagono, l’angolo di visuale è diverso e la semplificazione è sempre ingannevole. I nazisti in Ucraina sono più forti che altrove e meglio organizzati, armati e infiltrati. È un dato di fatto. Mi meraviglio che la politica estera di Israele in questo frangente sia così ambigua. Zelensky è un attore comico prestato alla politica per coprire interessi estranei a quelli degli Ucraini. Forse non è estraneo neppure Israele in questa torbida vicenda. E non mi si accusi di antisemitismo, perché la mia storia personale sta lì a smentirlo. Cordialità e chag Purim sameach.

Maurizio Del Maschio

 Gentile Maurizio, La storia dei nazisti in Ucraina e il continuo chiamare "comico" Zelensky , mi hanno davvero stancata. Vediamo di fare un po' di chiarezza. Secondo le recenti statistiche i nazisti in Ucraina sono il 2% su una popolazione di 44 milioni. Non mi sembrano davvero tanti anche perché di gruppi o battaglioni neonazisti in Europa ne abbiamo a volontà. Ve ne sono in ogni nazione, Francia, Italia, Ungheria, Germania, persino in Scandinavia, in Russia poi non ne parliamo. Nel mio articolo su Vittorio feltri che uscirà oggi, 17 marzo, su IC potrà leggere l'elenco delle maggiori organizzazioni neonaziste russe, sono decine, non abbiamo che l'imbarazzo della scelta. Tutti questi gruppi sono armati e bene organizzati. Dare del comico a Zelensky non è altro che un modo un po' vigliacco di squalificare la sua persona che invece è degna di grande rispetto. Zelensky era un attore di fama che si è trasformato per le ragioni che tutti conosciamo in un grande statista, un uomo pieno di coraggio che, con i tanti soldi guadagnati, poteva subito scappare all'estero come hanno fatto tanti nella storia delle guerre in Europa e non solo in Europa. Tra tutti ricordo un certo Vittorio Emanuele, re d'Italia che, dopo aver firmato le Leggi razziste che avrebbero distrutto l'ebraismo italiano, se ne è fuggito in Egitto lasciando il paese in mano a Mussolini e al caos. Zelensky è rimasto, la sua famiglia è rimasta sotto le bombe. Quindi tanto di cappello. Si meraviglia di Israele ? Allora le ricordo le migliaia di missili che l'Iran, amico della Russia, ha puntati verso Israele, le ricordo la guerra in Siria dove Israele va a distruggere le postazioni di Hezbollah che non aspettano altro che un ordine per sparaci contro e i cieli di quel paese sono controllati dalla Russia di Putin. Quello che lei chiama ambiguità insinuando addirittura che Israele ne faccia parte non è altro che voler salvare gli israeliani da una seconda Shoah. Israele sta cercando di far cessare le ostilità per evitare una terza guerra mondiale all'Europa e sembra che Bennett sia uno degli attori più quotati per farlo. Non vedo ambiguità in questo, vedo soltanto la volontà di evitare la distruzione di un paese sovrano che ha tutto il diritto di stare in Europa e di scegliersi i governi che desidera senza che una vergognosa dittatura vada a bombardarlo. Chag Purim sameach.

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT