giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
11.11.2021 Fenomeni da talk show
Commento di Diego Gabutti

Testata: Informazione Corretta
Data: 11 novembre 2021
Pagina: 1
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Fenomeni da talk show»
Fenomeni da talk show
Commento di Diego Gabutti

(da Italia Oggi)

Riecco il solito Dibba: insulti choc al Cav - ilGiornale.it
Alessandro "Dibba" Di Battista

In futuro – sopravvivendo la specie umana ai disastri ambientali (e agli ambientalisti) come pure ai virus (e ai virologi) – qualche nostro remoto discendente avrà un sussulto e si stropiccerà gli occhi capitando sulle registrazioni dei talk show italiani in tempi di recovery found, grillismo e pandemia. Senza rinviare lo sbigottimento tanto lontano nel tempo, personalmente ho qualche sussulto già adesso quando appare in tivù, in abiti da montanaro, l’opinionista corretto Fernet che porge la battuta, dopo averle dato (avrà avuto le sue ragioni) della «gallina», alla conduttrice di CartaBianca. Montanaro per montanaro, non si potrebbe avere al suo posto il nonno di Heidi, tanto più astemio e dignitoso? Purtroppo, passando oltre, non c’è altro Dibba che Dibba; pertanto, nel suo caso, non si può sperare in una versione più nobile (non c’è un «Dibba di Heidi», per capirci).

Capopopolo da Corrierino dei piccoli, personaggio così irreale che non troverebbe posto nemmeno nelle pagine di Gianburrasca o della Guerra dei bottoni, Dibba passa in tivù come un politico progressista di rango: l’equivalente postmoderno di Pajetta o del Migliore (l’equivalente postmoderno di Berlinguer, data la location, è naturalmente il montanaro). Come Dibba è il testimonial calzato, vestito e ben sbarbato della scissione in progress dei pentastellari, lui «er rivoluzionario» di Trilussa e i suoi avversari «tutta ’na cricca de reazionari», ci sono anche i testimonial dell’antifascismo, non meno improbabili di lui, e sempre di vedetta: il magistrato che scrive romanzetti polizieschi, la blogger-drammaturga-opinionista televisiva che guarda tutti (fascistoni e anti) storto e con sospetto, lo storico dell’arte No-CAV che nega d’essere (quando mai, sono solo antifà) un negazionista delle foibe, il saggista antidroga sotto scorta che si crede bello.

C’è poi il tizio che fa coming out in diretta tivù nella speranza che nessuno, in tempi di guerra all’omofobia, osi negare una candidatura (quando si tornerà alle urne, e non manca molto) a un omosex dichiarato. E non dimentichiamo il filosofo che – in quanto «il mio mestiere è il pensiero critico», mica sono un qualsiasi acchiappafarfalle televisivo o montanaro o blogger – con quella barba può sbraitare tutto ciò che vuole. Questo baraccone dei fenomeni viventi è il cast dell’infinito, imaginifico talk show italiano. Politica pop e pulp. Ne stupiranno, la specie perdurando, i nostri remoti discendenti. A specie estinta, forse sarà un alieno di passaggio a strabuzzare gli occhi (occhi a pallina da golf, posti in cima ai cornetti, come le lumache) e a sbavare via, turbato.

Immagine correlata
Diego Gabutti

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT