mercoledi` 08 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
18.10.2021 IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il BDS che arriva dall'Irlanda
Dall'11 al 16 ottobre 2021

Testata: Informazione Corretta
Data: 18 ottobre 2021
Pagina: 1
Autore: Astrit Sukni
Titolo: «IC7 - Il commento di Astrit Sukni: Il BDS che arriva dall'Irlanda»
IC7 - Il commento di Astrit Sukni
Dall'11 al 16 ottobre 2021

Il BDS che arriva dall'Irlanda

Sally Rooney Declines to Release Her Book in Israel - Saty Obchod News
Sally Rooney

Il BDS torna a farsi sentire questa volta per tramite della cultura, con un boicottaggio letterario nei confronti dello Stato ebraico. A farlo la scrittrice irlandese Sally Rooney che ha deciso di non fare tradurre il suo ultimo romanzo in ebraico. La scrittrice è molto conosciuta nel mondo anglosassone anche se personalmente non avevo mai sentito il suo nome. Lei è irlandese e si sa che gli irlandesi sono spesso molto antisemiti e promuovono da sempre il movimento BDS (boicottaggio, disinvestimento e sanzioni).  Sono 1250 tra artisti, cantanti, scrittori e compositori irlandesi che aderito al movimento BDS firmando un documento dove dichiarano di non accettare nessun tipo di finanziamento da parte di istituzioni o enti che hanno a che fare con Israele. Questo, dicono, fino a quando Israele non si adeguerà al diritto internazionale e ai principi universali dei diritti umani.  È chiaro che gli ‘Irish Artists’ sono mossi da un sentimento anti-israeliano in chiave antisemita perché chiedere ad un paese democratico come Israele di conformarsi al diritto internazionale è solo un ridicolo pretesto. 

Il vero volto del BDS | Focus On Israel

Gli ‘Irish Artists’ sono solo una parte del movimento BDS: nel 2019 fu la volta del parlamento irlandese a promuovere il movimento BDS. L’Irlanda così è stato il primo paese EU a promuovere un movimento antisemita.  Sally Rooney sarà dunque una delle 1250 firme a favore del boicottaggio di Israele, una di quelle che usano sempre due pesi e due misure nei confronti di Israele.  Non abbiamo ancora assistito ad  un movimento di artisti irlandesi o occidentali in genere che organizzano  una raccolta firme per il boicottaggio culturale di paesi come la Turchia, la Cina, l’Iran, la Russia. Paesi dove i diritti umani e la censura sono davvero all’ordine del giorno nei confronti di artisti e oppositori dei regimi. L’ipocrisia di questi artisti è tangibile perché è molto più facile attaccare un paese democratico come lo Stato ebraico che dittature come Cina, Russia e Iran.  Per fortuna ci sono paesi come il Marocco che sabato ha firmato accordi bilaterali con Israele per la collaborazione nei campi di cultura, sport e aviazione. Alcuni paesi arabi hanno ormai capito che il problema non è Israele e hanno ben chiaro che nutrire odio contro Israele non porta loro nessun beneficio. I palestinesi e i loro amici occidentali invece non lo hanno capito perché mossi da un sentimento antiebraico. Sono antisemiti e come scusa usano ancora una volta il finto amore per il popolo palestinese.

Risultati immagini per astrit sukni
Astrit Sukni - IC redazione

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT