mercoledi` 27 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
11.10.2021 Pregare a Gerusalemme
Analisi di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 11 ottobre 2021
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «Pregare a Gerusalemme»
Pregare a Gerusalemme
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)


Shtayyeh has boosted his chances of running for the Palestinian presidency  – Middle East Monitor
Mohammad Ibrahim Shtayyeh

Il Medio Oriente è appena stato scosso da una mini crisi causata dalla recente sentenza di un tribunale israeliano di primo grado. Il ministero degli Esteri egiziano ha espresso profonda preoccupazione per le ripercussioni di questa decisione e del suo impatto sulla sicurezza e sulla stabilità nella regione. Il Primo Ministro palestinese Mohammad Ibrahim Shtayyeh ha lanciato un appello agli Stati Uniti e ha invitato le nazioni arabe a essere solidali con i palestinesi. In Giordania si parla di palese violazione dell'Islam e di provocazione ai sentimenti dei musulmani di tutto il mondo. Per Hamas si tratta di un’aggressione contro la religione e di una vera dichiarazione di guerra. Il mufti di Gerusalemme è preoccupato per una possibile escalation delle ostilità e per lo scoppio di una guerra di religione. La Lega Araba e l'Organizzazione per la Cooperazione Islamica si sono unite al coro delle condanne. Tutti levano proteste contro quello che vedono come un nuovo e scandaloso tentativo israeliano di rimettere in discussione lo statu quo sul Monte Moriah, che loro chiamano Haram es Sherif, il Santo Santuario. E’ qui che furono costruite la Cupola della Roccia e la Moschea di Al Aksa dopo la conquista di Gerusalemme da parte degli eserciti dell'Islam nel VII secolo. Ma perché una decisione presa da un tribunale israeliano di primo grado ha suscitato un tale clamore? A prima vista era una questione di poco conto. Durante lo Yom Kippur, il giorno più sacro della vita ebraica, un pio ebreo venne a meditare sul Monte Moriah, che gli ebrei chiamano il Monte del Tempio perché è lì che il re Salomone costruì il primo tempio di Gerusalemme più di quindici secoli prima della comparsa dell'Islam. Un poliziotto presente ha osservato che quell’uomo stava pregando in silenzio. Invitato ad andarsene immediatamente, al “colpevole” è stato ingiunto il divieto di tornare sul posto. Certo, il Monte del Tempio si trova a Gerusalemme, la capitale dello Stato di Israele e sono i poliziotti israeliani che presidiano gli ingressi e ne garantiscono la sicurezza; ma è il Wakf giordano che nominalmente esercita l’autorità. Una decisione controversa presa dal Ministro della Difesa Moshe Dayan dopo la riunificazione della città nel 1967. L'accesso degli ebrei a questo luogo santo è strettamente regolamentato “per non offendere” i sentimenti religiosi dei musulmani, e in particolare, è loro vietato pregare lì. Proprio così, agli ebrei non è permesso pregare lì. Nel suddetto caso, il “colpevole” ha fatto appello sia per il divieto di tornare al Monte, sia per il divieto di pregare a bassa voce. Il giudice gli ha dato ragione. Intollerabile per i musulmani, che occultano la storia, negano ogni collegamento tra gli ebrei e la spianata, e sostengono che il monte appartiene solo a loro. Non era il caso di agire così in fretta. La polizia ha fatto appello “per non turbare l’ordine pubblico” e la sentenza è stata annullata. I media occidentali hanno preferito non parlare di una storia, tutto sommato, imbarazzante. E il Vaticano, che non vorrebbe mai offendere l'Islam ricordando che l'ebreo Gesù era venuto a pregare al tempio, ha osservato un assordante silenzio.

Immagine correlata
Michelle Mazel
scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT